Mercoledì 16 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Il sostegno agli olivicoltori

Un successo. Attraverso il Patto di filiera il 95% delle aziende consorziate non hanno comprato olive sotto i 18 - 19 euro per la "quarta", pagando di conseguenza le olive a prezzi superiori a quelli previsti, nonostante le basse rese in olio. Con l'olivagione ancora in corso, la filiera controllata dell’olio atto a divenire Dop Riviera Ligure è oggi pari a 6.500 quintali. Con un'immissione nel sistema dei controlli di 35 mila quintali di olive destinate solo all’olio con attestazione di origine certificata

OO M

Il sostegno agli olivicoltori

Il Patto di filiera coordinato dal Consorzio di Tutela dell'olio Dop Riviera Ligure, basato sulla presentazione di fatture e la tracciabilità dei pagamenti con bonifico bancario, ha permesso che il 95% delle aziende consorziate non abbiano comprato olive sotto i 18 - 19 euro la "quarta", pagando le olive a prezzi superiori a quelli previsti dal patto anche se le rese in olio erano basse proprio per sostenere gli olivicoltori.

"Mi immagino che l’opinione pubblica, il consumatore, i responsabili acquisti di soggetti commerciali nel corso di questi mesi siano sempre più confusi dalle informazioni che mettono sullo stesso livello il prezzo delle olive destinate alla salamoia e quelle destinate all'olio che ovviamente hanno prezzi inferiori", ha evidenziato il presidente del Consorzio di Tutela dell'Olio Dop Riviera Ligure, Carlo Siffredi. "Questa mia considerazione - ha aggiunto - emerge ancora più forte dopo aver letto sulla stampa e sul web le dichiarazioni rese dall’Associazione per la Taggiasca del Ponente Ligure. Cerchiamo di fare allora un po’ di chiarezza soprattutto a livello di prodotti perché è tirato in ballo l’olio Dop Riviera Ligure e il Patto di filiera".

In un Paese come l'Italia, dove ci si informa poco, non tutti evidentemente conoscono l'impegno del Consorzio Dop Riviera Ligure a favore degli olivicoltori, di conseguenza una nota diffusa al riguardo mette in luce molti aspetti di cui è bene essere a conoscenza. "Innanzitutto ricordiamo che quando parliamo di 18 e i 19 euro la quarta ci riferiamo alle cifre garantite dal Patto di filiera nel corso di tutta la campagna e ben diverse da chi sostiene che abbiamo praticato prezzi tra gli 11 e i 15 euro la quarta per le olive destinate all'Olio Dop Riviera Ligure".

"Per quanto concerne le olive in salamoia - precisa il Presidente Siffredi - oggi assistiamo a dichiarazioni sul territorio di soggetti che sostengono di aver garantito quotazioni del proprio prodotto tra i 22 e i 25 euro la quarta. Peccato che gli stessi soggetti dimentichino di ricordare che i prezzi da loro indicati sono stati applicati solo nei primi giorni della campagna e solo per le olive da tavola, prezzi peraltro disattesi in seguito creando solo illusioni presso gli olivicoltori. Ed ora ricompaiano con dichiarazioni quando la campagna sta procedendo al termine".

"Da parte nostra  - ha tenuto a precisare Carlo Siffredi, il presidente del Consorzio di tutela Dop Riviera Ligure -  voglio ringraziare le 550 imprese che hanno sottoscritto i contratti di fornitura per l’olio a denominazione di origine protetta e i frantoiani e gli imbottigliatori che responsabilmente hanno sostenuto, grazie al patto di filiera, il prezzo delle olive oltre a quanto previsto dal patto di filiera dell’olio". 

L’annata in corso, complessa e di grandi quantitativi, insegna che circa un terzo delle olive raccolte vanno in salamoia e due terzi sono destinate a produrre l’olio.  E, a proposito del prezzo dell'olio:  "Alcuni dei soggetti che aderiscono all’associazione per la Taggiasca del Ponente Ligure preferiscono commercializzare olio cultivar taggiasca senza certificazione Dop e proprio loro - che si presentano come 'salvatori della taggiasca' - propongono di acquistare olio varietà taggiasca dalle aziende agricole e dai frantoiani a 7 - 7,50 al kg, valori non sufficienti all'olivicoltore e al frantoiano per coprire i loro costi di produzione. E valori alquanto più bassi rispetto a quelli previsti dal Patto di filiera, pari a 10 euro al kg di olio Dop Riviera Ligure, prezzo deliberato dal Consorzio di tutela"ha infine concluso il presidente del Consorzio di tutela dell'olio Dop Riviera Ligure, Carlo Siffredi. "Sono cifre - ha aggiunto - che rendono evidente le differenze di atteggiamento e il nostro ruolo nel sostenere realmente l'economia del territorio”.

 

Si ringrazia per la notizia Ottavio Traverso. La foto di apertura è del Consorzio dell'olio Dop Riviera Ligure

OO M - 25-02-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

Forte dei suoi ventisette anni di esperienza nel settore F&B e conserviero, si prepara a entrare nel mondo dell’olio con l’obiettivo di presidiare la qualità dei brand storici italiani del gruppo, tra cui Carapelli, Bertolli, Sasso e Friol, e di proseguire con lo sviluppo di prodotti premium e il percorso di valorizzazione della categoria

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo