Giovedì 18 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Il sostegno agli olivicoltori

Un successo. Attraverso il Patto di filiera il 95% delle aziende consorziate non hanno comprato olive sotto i 18 - 19 euro per la "quarta", pagando di conseguenza le olive a prezzi superiori a quelli previsti, nonostante le basse rese in olio. Con l'olivagione ancora in corso, la filiera controllata dell’olio atto a divenire Dop Riviera Ligure è oggi pari a 6.500 quintali. Con un'immissione nel sistema dei controlli di 35 mila quintali di olive destinate solo all’olio con attestazione di origine certificata

OO M

Il sostegno agli olivicoltori

Il Patto di filiera coordinato dal Consorzio di Tutela dell'olio Dop Riviera Ligure, basato sulla presentazione di fatture e la tracciabilità dei pagamenti con bonifico bancario, ha permesso che il 95% delle aziende consorziate non abbiano comprato olive sotto i 18 - 19 euro la "quarta", pagando le olive a prezzi superiori a quelli previsti dal patto anche se le rese in olio erano basse proprio per sostenere gli olivicoltori.

"Mi immagino che l’opinione pubblica, il consumatore, i responsabili acquisti di soggetti commerciali nel corso di questi mesi siano sempre più confusi dalle informazioni che mettono sullo stesso livello il prezzo delle olive destinate alla salamoia e quelle destinate all'olio che ovviamente hanno prezzi inferiori", ha evidenziato il presidente del Consorzio di Tutela dell'Olio Dop Riviera Ligure, Carlo Siffredi. "Questa mia considerazione - ha aggiunto - emerge ancora più forte dopo aver letto sulla stampa e sul web le dichiarazioni rese dall’Associazione per la Taggiasca del Ponente Ligure. Cerchiamo di fare allora un po’ di chiarezza soprattutto a livello di prodotti perché è tirato in ballo l’olio Dop Riviera Ligure e il Patto di filiera".

In un Paese come l'Italia, dove ci si informa poco, non tutti evidentemente conoscono l'impegno del Consorzio Dop Riviera Ligure a favore degli olivicoltori, di conseguenza una nota diffusa al riguardo mette in luce molti aspetti di cui è bene essere a conoscenza. "Innanzitutto ricordiamo che quando parliamo di 18 e i 19 euro la quarta ci riferiamo alle cifre garantite dal Patto di filiera nel corso di tutta la campagna e ben diverse da chi sostiene che abbiamo praticato prezzi tra gli 11 e i 15 euro la quarta per le olive destinate all'Olio Dop Riviera Ligure".

"Per quanto concerne le olive in salamoia - precisa il Presidente Siffredi - oggi assistiamo a dichiarazioni sul territorio di soggetti che sostengono di aver garantito quotazioni del proprio prodotto tra i 22 e i 25 euro la quarta. Peccato che gli stessi soggetti dimentichino di ricordare che i prezzi da loro indicati sono stati applicati solo nei primi giorni della campagna e solo per le olive da tavola, prezzi peraltro disattesi in seguito creando solo illusioni presso gli olivicoltori. Ed ora ricompaiano con dichiarazioni quando la campagna sta procedendo al termine".

"Da parte nostra  - ha tenuto a precisare Carlo Siffredi, il presidente del Consorzio di tutela Dop Riviera Ligure -  voglio ringraziare le 550 imprese che hanno sottoscritto i contratti di fornitura per l’olio a denominazione di origine protetta e i frantoiani e gli imbottigliatori che responsabilmente hanno sostenuto, grazie al patto di filiera, il prezzo delle olive oltre a quanto previsto dal patto di filiera dell’olio". 

L’annata in corso, complessa e di grandi quantitativi, insegna che circa un terzo delle olive raccolte vanno in salamoia e due terzi sono destinate a produrre l’olio.  E, a proposito del prezzo dell'olio:  "Alcuni dei soggetti che aderiscono all’associazione per la Taggiasca del Ponente Ligure preferiscono commercializzare olio cultivar taggiasca senza certificazione Dop e proprio loro - che si presentano come 'salvatori della taggiasca' - propongono di acquistare olio varietà taggiasca dalle aziende agricole e dai frantoiani a 7 - 7,50 al kg, valori non sufficienti all'olivicoltore e al frantoiano per coprire i loro costi di produzione. E valori alquanto più bassi rispetto a quelli previsti dal Patto di filiera, pari a 10 euro al kg di olio Dop Riviera Ligure, prezzo deliberato dal Consorzio di tutela"ha infine concluso il presidente del Consorzio di tutela dell'olio Dop Riviera Ligure, Carlo Siffredi. "Sono cifre - ha aggiunto - che rendono evidente le differenze di atteggiamento e il nostro ruolo nel sostenere realmente l'economia del territorio”.

 

Si ringrazia per la notizia Ottavio Traverso. La foto di apertura è del Consorzio dell'olio Dop Riviera Ligure

OO M - 25-02-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

Un impegno secolare, quello dei Benedettini Camaldolesi. Quelli di cui scriviamo hanno sede a Bardolino, in Veneto. Noi dobbiamo moltissimo all'operato dei religiosi, i quali hanno effettivamente salvato l'olivo in epoche in cui si registrò un radicale allontamento dalla coltivazione > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

Novità di prodotto. La storica azienda olearia di Imperia, che dal 1911 produce e distribuisce per corrispondenza i propri prodotti in Italia e in diversi Paesi nel mondo, presenta un nuovo olio: il Monocultivar Taggiasca. Si amplia così l’offerta, introducendo il sesto extra vergine della gamma.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo