Martedì 15 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

La scomparsa di Enzo Fedeli

Lascia un grande vuoto, i suoi studi sono stati fondamentali. E’ stato per molti un solido punto di riferimento. Sicuramente per il mondo dell’olio da olive, come pure per tutti gli altri grassi alimentari. Tra i suoi incarichi, la direzione della Stazione sperimentale per le industrie degli oli e dei grassi di Milano e della celeberrima "Rivista italiana delle sostanze grasse"

OO M

La scomparsa di Enzo Fedeli

Un grande immenso papà oggi (il 25 gennaio) ha raggiunto la mia mamma. Porto dentro di me l'amore totale che mi hanno donato ed un vuoto nell'anima che non si riempirà mai. My great Dad has passed away today, reaching my mother. Their immense love will always be with me, but the hole in my soul will never be filled. Così Simona, la figlia di Enzo Fedeli, ha annunciato la scomparsa via facebook, sul profilo social del padre.

La sua morte lascia un grande vuoto, per chi ha affrontato la complessa materia delle sostanze grasse, e in particolare, per chi, come in Italia, ha come emlema gli oli da olive. In tanti hanno visto in lui un maestro e noi oggi lo ricordiamo, riconoscendone la grande professionalità.

Il funerale è stato celebrato a Poschiavo, in Svizzera, nella chiesa di San Vittore, sabato 30 gennaio.
Enzo Fedeli era nato a Monza, nel 1928. Si era laureato in chimica industriale presso l’Università degli Studi di Milano. Nel 1960 fu assunto dalla Stazione sperimentale per le industrie degli oli e dei grassi, diventandone successivamente direttore del Centro di lipochimica, creato dal Cnr della stessa istituzione. Ha inoltre insegnato Tecnologia degli oli e dei grassi presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Milano. Dal 1977 al 1994 è stato direttore della Stazione sperimentale per le industrie degli oli e dei grassi di Milano; mentre in seguito ha ricoperto il ruolo di direttore del Centro sperimentale dell’Istituto agrario provinciale di San Michele all’Adige.

Fedeli ha inoltre pubblicato oltre 400 studi scientifici, inerenti in particolare la tecnologia, la chimica e l’analitica dei grassi e dei derivati industriali. E’ stato, inoltre, anche direttore della “Rivista italiana delle sostanze grasse”.

Fausto Luchetti, former executive director del Consiglio Oleicolo Internazionale, lo ricorda sempre sul profilo facebook del professor Fedeli, esprimendo tutto il suo cordoglio: “Ho avuto il privilegio di condividere con Enzo lunghi periodi di vita professionale in diverse parti del mondo. Il ruolo che egli ha avuto nella costruzione delle regole internazionali sull'olio d'oliva è stato fondamentale. Ho avuto da lui un supporto determinante per la buona gestione del settore. La sua scomparsa non cancella la impronta che ci lascia, internazionalmente riconosciuta”.

Anche Giorgio Cardone, di Chemiservice, ne conserva un buon ricordo,, ricordando come dal professor Fedeli ha “sempre ricevuto indicazioni utili e sempre grande cordialità. Sono addolorato per la sua scomparsa, e sono sicuro mancherà a tutti coloro che insieme a lui si sono occupati e ancora si occupano di oli alimentari”.

 

OO M - 28-01-2016 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

Forte dei suoi ventisette anni di esperienza nel settore F&B e conserviero, si prepara a entrare nel mondo dell’olio con l’obiettivo di presidiare la qualità dei brand storici italiani del gruppo, tra cui Carapelli, Bertolli, Sasso e Friol, e di proseguire con lo sviluppo di prodotti premium e il percorso di valorizzazione della categoria

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo