Venerdì 16 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

La Toscana per l’olio

Un protocollo d’intesa fra enti allo scopo di valorizzare gli oli di qualità certificata e i territori di origine in cui questi si producono. Al centro delle attenzioni la tutela ambientale e paesaggistica, come pure i consumatori, le scuole e il settore ristorativo. Tra le iniziative un tavolo tecnico di coordinamento, il progetto Vetrina Toscana e l'avvio di misure a favore del turismo oleario

Marcello Ortenzi

La Toscana per l’olio

I fenomeni climatici non favoriscono spesso la qualità e la produzione dell’olio extra vergine e nascono iniziative regionali per favorire gli operatori nel limitare tali danni. La Regione Toscana ha attivato a fine ottobre un percorso di collaborazione con Associazione Nazionale Città dell'Olio e l'Ente Terre Regionali Toscane per promuovere progetti di sviluppo della filiera olivicola e olearia regionale. 

Un protocollo d’intesa fra gli enti ha per obiettivo la valorizzazione degli oli extra vergini di oliva di qualità certificata e dei relativi territori di origine, la tutela ambientale e paesaggistica degli oliveti e la conoscenza della cultura dell'olivo e dell'olio presso consumatori, scuole e mondo della ristorazione. 

La regione ha il 4% della produzione nazionale, ma vanta il 40% delle produzioni certificate e di grande pregio. Il protocollo è stato definito dall’assessore regionale Marco Remaschi un punto di partenza per altre collaborazioni e aperto all'adesione di altri soggetti attivi nel settore. 

L’iniziativa non dimentica di prevedere gli aspetti legati al paesaggio, unico e apprezzato in tutto il mondo e alla cultura olivicola, che saranno oggetto di formazione dei consumatori di oggi e quelli futuri. 

Il protocollo d'intesa individua tutta una serie di ambiti di collaborazione tra i soggetti firmatari a iniziare da progetti specifici destinati alle scuole di ogni ordine e grado per sensibilizzare e educare a una cultura alimentare e salutistica dell'olio extra vergine di oliva diffondendo la conoscenza del prodotto, delle tradizioni culinarie e del paesaggio fino all'utilizzo di produzioni locali e regionali nelle mense. 

È previsto anche il progetto Vetrina Toscana per la valorizzazione delle eccellenze olivicole locali, con particolare riguardo agli oli Dop e Igp, nei menu della ristorazione regionale anche attraverso e per creare campagne d’informazione, divulgazione e comunicazione, con l'ausilio delle Associazioni di Assaggiatori di Olio di Oliva toscane, indirizzate a consumatori, ristoratori ed imprese. Ma anche l'organizzazione di convegni e momenti di approfondimento rivolti ad operatori della filiera olivicola-olearia e ai consumatori e l'avvio di progetti di ‘turismo dell'olio' coinvolgendo l'intera filiera olivicola, dall'azienda al frantoio fino ai ristoratori e gli enti territoriali. 

Previsto anche un tavolo tecnico di coordinamento, creato per l'attuazione del protocollo, composto da un membro per ciascun firmatario. Il tavolo definirà congiuntamente le azioni da sviluppare e verificherà lo stato di attuazione di tutte le attività concordate ogni sei mesi. 

Il protocollo d'intesa ha durata triennale e resterà aperto all'adesione di altri soggetti con obiettivi analoghi.  Un altro punto di collaborazione previsto riguarda la promozione di progetti pilota sul recupero degli oliveti abbandonati, anche in seguito a calamità naturali o incendi, e delle relative produzioni locali anche attraverso esperienze di agricoltura sociale, sfruttando le competenze dell'Ente Terre Regionali Toscane. Per questo, un altro protocollo firmato ha riguardato l'intesa tra Ente Terre Regionali Toscane, l'Associazione Città dell'olio e il Comune di Murlo che è stato il primo in Toscana a chiedere di poter attivare sul proprio territorio un intervento specifico in tal senso.

Il progetto prevede una prima fase di studio e ricerca di dati sul territorio per individuare i terreni e i proprietari degli oliveti abbandonati, con priorità rivolta alle aree che per propria natura e posizione sono ritenute di maggior interesse ai fini della successiva assegnazione per la rimessa a coltura. La fase successiva prevede la predisposizione di specifici bandi, l'inserimento degli stessi in banca della terra e l'attuazione di tutte le procedure di gara per la selezione del soggetto che gestirà tali terreni. 

 

La foto di apertura è di Olio Officina

Marcello Ortenzi - 26-10-2018 - Tutti i diritti riservati

Marcello Ortenzi

Nato a Roma, dove risiede, si è laureato in Economia e Commercio nell’Università "la Sapienza", con una tesi in Politica agraria sugli interventi per le aree interne e montane risiede nella capitale. Si è occupato di progettazione industriale e di comunità montane, partecipando a un gruppo di lavoro dell’Uncem Lazio per la preparazione di una legge regionale sugli enti montani. Ha collaborato inoltre con l’Istituto di studi sulle Regioni del CNR, elaborando alcune annate di analisi dei bilanci regionali. E’ stato funzionario della Regione Toscana nell’ufficio di Presidenza a Roma, e ora si occupa dell’utilizzazione delle biomasse nei settori energia ed industria con l’Italian Biomass Association (Itabia), associazione scientifica con sede in Roma, curando specialmente gli aspetti normativi e la divulgazione dei risultati delle attività. Collabora dal 1989 con alcune riviste agricole, occupandosi specialmente di castanicoltura e fibre vegetali, e redige inoltre un bollettino di lavori parlamentari on line sui temi agroforestali ed energetici.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti