Sabato 14 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Notizie sul fronte del lavoro

In pieno caldo ferragostano, il 10 agosto per l’esattezza, dopo diciotto mesi di trattativa, la Uila-Uil e la Fai-Cisl hanno sottoscritto con le associazione datoriali il Contratto provinciale degli operati agricoli delle province di Bari e Bat. Cosa è stato ottenuto

Roberto De Petro

Notizie sul fronte del lavoro

Entrando nel merito dell’accordo, il primo riconoscimento è un incremento salariale pari al 2,8%, un aumento contrattuale tra i più alti ottenuti nei rinnovi nei CPL del settore agricolo.

Inoltre sono stati garantiti maggiore stabilità occupazionale, con un incremento di giornate del 10% per l’anno 2017, e del 15% per l’anno 2018, e l’obbligo di assunzione al parametro 172, (AREA 1 LIVELLO 2) pari a 82,10 Euro giornalieri, del 12 % dei lavoratori dalle aziende che aderiscono alla sperimentazione prevista dal contratto.

Infine è stato previsto un maggior rispetto, da parte delle aziende, della contribuzione alla Cimala Ebat per il finanziamento di tutto il sistema di welfare contrattuale, con una penalizzazione per le aziende inadempienti che dovranno corrispondere direttamente al lavoratore le prestazioni previste dall’Ente bilaterale.

Istituito inoltre, dalle parti firmatarie, l'Osservatorio Provinciale che sarà garante del raggiungimento di tali obiettivi.

E’ un contratto, secondo la UILA-UIL e la FAI-CISL, che investe sulla legalità, sulla trasparenza, sull’aumento occupazionale sul riconoscimento delle professionalità e sulla lotta al lavoro nero e al sottosalario.

Ma qui si è consumata la rottura con la Flai-CGIL che, nonostante la partecipazione a tutta la trattativa, ha deciso di non sottoscrivere il contratto rompendo il fronte sindacale unitario che aveva prevalso fino a quel momento.

Per la Flai CGIL infatti le due “consorelle” hanno firmato un contratto che stabilisce “uno scivolamento verso il basso di figure specializzate determinando così una pesante perdita salariale per i lavoratori e che si riflette anche su tutte le prestazioni temporanee, come ad esempio la malattia, la maternità, l’infortunio, e che riduce drasticamente l’indennità di disoccupazione agricole ed i contributi per la pensione”.

Ma ci sono margini per riprendere la trattativa e quali sono le proposte della Flai-CGIL per riaprire la discussione al tavolo?
Innanzitutto, dice Gaetano Riglietti segretario Flai CGIL della Bat “il parametro 172 deve rimanere scritto cosi come lo era, mentre nel parametro 145 si potrebbe ipotizzare di inserire semplici operazioni di taglio, raccolta e confezionamento di uva da tavola e prodotti ortofrutticoli legandola ad una fase sperimentale fino al 31/12/2017”.
Per quanto riguarda le indennità di percorso (art. 22), conclude Riglietti, dovrà essere considerato lavorativo oltre i 120 minuti complessivamente impiegati nel percorso di andata e ritorno (casa-lavoro).
Tutte le parti sindacali sono partite con assemblee nelle aziende e tra i lavoratori, per spiegare ciascuna, dal proprio dal punto di vista, un contratto di lavoro che offra vantaggi salariali e normativi più vantaggiosi ai lavoratori.

Le posizioni pare non siano molto conciliabili ma sarebbe bene “avvicinarle” con un pizzico di pacatezza e tolleranza da parte di tutti specialmente in questo particolare momento dove l’agricoltura italiana e pugliese in particolare sta soffrendo per calamità atmosferiche, mercati e prezzi, ed evitare che si imbocchi la strada dei ricorsi legali e delle denunce che non porterebbero vantaggi ad alcuno, anzi penalizzerebbero aziende e lavoratori.

Roberto De Petro - 29-08-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Le Dop e le Igp sono marcatori culturali

Le Dop e le Igp sono marcatori culturali

La Treccani apre ai prodotti con attestazione di origine. Pubblicata dall’Istituto della Enciclopedia Italiana l’edizione 2020 dell’Atlante Qualivita

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora