Mercoledì 03 Giugno 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Obiettivo: salvare gli olivi

D’ora in avanti sentirete parlare di XylOR. Il nome è particolarmente complesso, anzi difficilissimo, sembra la marca di un farmaco. L’obiettivo è popolare: raggiungere un vasto pubblico coinvolgendo attivamente i cittadini per sensibilizzarli nella ricerca e segnalazione di cultivar e semenzali spontanei, ovverosiaolivi resistenti, individuati nelle aree rurali, marginali e naturali, fortemente colpite dall’epidemia di Xylella. Si cerca a gran voce germoplasma, piante che mostrino sintomi ridotti o assenti

OO M

Obiettivo: salvare gli olivi

Una nota informativa destinata alla stampa ci informa di XylOR, una iniziativa di Citizen Science ideata e sviluppata in collaborazione tra l’Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Cnr ed Infoxylella. È qualcosa di molto importante e che volentieri segnaliamo ai nostri lettori.

L’idea in sé risponde a una logica stringente: quella di informare correttamente il comune cittadino intorno a tutte le questioni legate alla Xylella fastidiosa, il temibile batterio che sta ormai angosciando gli olivicoltori salentini, che ne sono le vittime indirette, ma anche quelli che hanno la fortuna di non avere olivi in zone infette, ma che temono il diffondersi tale patogeno.

L’iniziativa di XylOR – si scrive proprio così, con la O e R maiuscole – consiste nel coinvolgere direttamente la cittadinanza in un compito difficile: individuare e segnalare piante di olivo resistenti nelle aree rurali, marginali e naturali fortemente colpite dall’epidemia di Xylella.

L’individuazione sul territorio delle prime due varietà di olivo resistenti (Leccino e FS17), rappresenta solo un punto di partenza essendo necessario disporre di molte più varietà per soddisfare le esigenze produttive, aumentare l’agrobiodiversità e quindi rendere l’agroecosistema più stabile e resiliente. 

Le segnalazioni confluiranno principalmente in ResiXO, un progetto quinquennale della Regione Puglia e dell’IPSP-CNR che, condividendo i succitati obiettivi di XylOR, è partito nel dicembre 2018 ereditando numerose attività avviate su base volontaria fin dal 2016.

Cerchiamo germoplasma che mostri sintomi ridotti o assenti della malattia ovvero: 

a) VARIETÀ note anche minori; 

b) SEMENZALI spontanei ovvero piante provenienti da semi distribuiti casualmente soprattutto da uccelli e spesso allevati fino a superare la lunga fase giovanile ed arrivare a produrre olive. 

Le aree migliori da esplorare sono i territori da più lungo tempo e più fortemente interessati dai disseccamenti: tutta la provincia di Lecce ed anche parte della provincia di Brindisi.

L’iniziativa è rivolta a tutti i cittadini che conoscono il territorio. Oltre a chi si può attivare nella ricerca sul campo, tutti gli altri possono svolgere un ruolo altrettanto importante diffondendo l’informazione, aiutando gli agricoltori a segnalare, divulgando e sensibilizzando il territorio ad aderire all’iniziativa di XylOR. 

Le segnalazioni possono esser effettuate in modi diversi: 

telefonando, 

inviando un messaggio SMS o Whatsappal 351/5990374, magari allegando qualche foto delle piante. 

Si possono fare segnalazioni utilizzando la pagina dedicata Facebook o i profili Twitter e Instagram di XylOR.

Tutte le varietà conosciute non derivanti da incroci controllati e tutti i semenzali spontanei derivati da selezione sul territorio non sono brevettabili e quindi soggetti allo sfruttamento di diritti di proprietà intellettuale. 

Tutto questo germoplasma raccolto sarà di dominio pubblico.

Ecco, in grande evidenza, la richiesta di aiuto, tutta in maiuscolo, a significare l’urgenza e l’importanza di tale appello:

 

PARTECIPA ANCHE TU, AIUTA LA TUA TERRA
SEGNALA PIANTE DI OLIVO IN BUONO STATO NELLE AREE FORTEMENTE DANNEGGIATE DALL’EPIDEMIA DI XYLELLA 

 

Maggiori informazioni son disponibili CLICCANDO QUI

 

 

In apertura il particolare di una illustrazione realizzata da Doriano Strologo per Olio Officina

 

 

 

OO M - 19-11-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Comunicare l’identità attraverso il packaging

La comunicazione è come una etichetta, deve essere “appiccicata” al prodotto ed esprimere piena aderenza con la natura del prodotto stesso, il brand e il territorio. Il pensiero di Antonio Mele, creative director, nell’ambito di Olio Officina Festival 2020

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri