Giovedì 24 Maggio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Sicuramente Olio!

La sicurezza dal campo al frantoio. Per anni il legislatore, ha manifestato attenzione all’industria, sottovalutando gli enormi rischi presenti nelle molteplici attività del settore primario. L’approccio generalista mette purtroppo a rischio gli operatori in agricoltura. Ci sono casi specifici, del mondo agricolo, che non sono assolutamente contemplati dalla normativa, oltre che dai programmi di formazione

Donne dell'Olio

Sicuramente Olio!

Il convegno organizzato a Trieste lo scorso 5 marzo scorso dall’Associazione Nazionale delle Donne dell’Olio, durante la manifestazione fieristica Olio Capitale, ha riscosso un grande successo, perché evidenzia la pressante esigenza di fare luce su alcuni aspetti della sicurezza sui luoghi di lavoro, legati alle attività agronomiche e agroindustriali.

Per anni il legislatore, ha dato attenzione all’industria, sottovalutando gli enormi rischi presenti nelle molteplici attività del settore primario.
Anche in quest’occasione l’ANDO, l’Assciazione nazionale delle Donne dell’Olio, ha mostrato sensibilità e lungimiranza percorrendo per prima temi sui quali è necessario porre l’accento, e per far questo si è avvalsa dell’esperienza consolidata di una squadra di formatrici professioniste.

La dottoressa Michela Vello, dottore di ricerca in Meccanica Agraria dell’Università di Udine e presidente di Sofia&Silaq Srl, società nata dall’unione di una start up innovativa e spin-off dell'università degli studi di Udine impegnata nella ricerca di soluzioni agli infortuni in agricoltura e di una società storicamente attiva nel settore della Formazione e della Consulenza in ambito di Sicurezza del Lavoro, Ambiente e Qualità, autorizzata al rilascio dei certificati di formazione.

La dottoressa Natascia Riggi, vicepresidente dell’ANDO, RSPP dal 2014, che da anni si occupa di agricoltura, con esperienza ultra decennale in potatura arborea, specializzata in piante d’ulivo e formatrice di sicurezza sul lavoro dal 2015, oltre che insegnante presso l’istituto agrario di Trieste.

A questa coppia specializzata in sicurezza in agricoltura si è affiancata la dottoressa Carmela Barracane, HSE per oltre 5 anni in un’azienda di costruzione di macchine olearie, referente per l’applicazione della Direttiva Macchine per la stessa azienda, RSPP dal 2008 e Formatrice per la sicurezza dal 2013. A lei è stata affidata la sezione Frantoio e attività correlate.

"Abbiamo voluto tracciare questo filone, ed è nostra intenzione implementarlo perché vogliamo che la sicurezza in agricoltura sia oggetto di maggiori attenzioni. L’approccio generalista mette a rischio gli operatori in agricoltura. Ci sono casi specifici del mondo agricolo che non sono assolutamente contemplati dalla normativa e dai programmi di formazione specifici, casi sui quali siamo determinate a puntare i riflettori”, ha sostenuto la presidente dell’Associazione delle Donne dell’Olio, Gabriella Stansfield.

L’ANDO, ha interpretato ancora una volta, il proprio statuto e i propri obiettivi sociali, prestando attenzione, sensibilizzando, approfondendo e sviluppando questo trascurato filone della sicurezza nei luoghi di lavoro: partendo dal campo, passando attraverso il frantoio e continuando nelle attività correlate di imbottigliamento, stoccaggio e ufficio.


Sicurézza: sostantivo singolare femminile. È questa, dunque, la conclusione della dottoressa Barracane al convegno formativo "Sicuramente Olio! La sicurezza dal campo al frantoio", organizzato a Trieste dall’Associazione Nazionale delle Donne dell’Olio in tema di sicurezza dei luoghi di lavoro in agricoltura. Il campo, d’altra parte, è un "luogo di lavoro” dagli strani confini e dalle molteplici implicazioni. E ora, dopo questo importante momento di presentazione di una problematica da sviluppare in tutte le sue dinamiche, attraverso questo sperimentato gruppo di lavoro, tutto al femminile, mette a disposizione la propria competenza a servizio di privati, associazioni e sindacati che volessero erogare una specifica formazione sul tema.

 

 

La foto di apertura è di Francesco Buccarelli e Alberto Caroppo, VHS. Le foto all'interno del testo sono dell'associazione delle Donne dell'Olio

Donne dell'Olio - 18-03-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
I monocutivar del Frantoio del Poggiolo Monini

I monocutivar del Frantoio del Poggiolo Monini

Nuovi prodotti. Frantoio, Nocellara e Coratina. Sono in tutto tre oli extra vergini di oliva. Tutti e tre 100% biologici e 100% italiani, ciascuno dei quali espressione di una singola varietà di olivo. Una iniziativa che si inserisce in un progetto che va alle radici della cultura dell’EVO, legando gusto e territorio 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Nutrirsi bene è un'arte

The art of healthy eating. Una storia vera e di grandi emozioni, che evoca la grande tradizione olivicola e olearia della Puglia, la paziente cura del territorio e il forte legame con il prezioso succo di olive. Così, in un fascinoso spot in lingua inglese, Masserie di Sant’Eramo presenta il proprio mondo e il frutto del proprio lavoro: l’olio extra vergine di oliva

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese