Martedì 22 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Un Pascale farà dimenticare Petrini?

Prende il via il nuovo corso di Slow Food. Il neo presidente Nino Pascale è un agronomo. Punta ad aprire il dialogo con la Gdo e a caratterizzare l’organizzazione con una marcata presenza di piccole strutture agricole ispirate dal modello “contadino”

Alfonso Pascale

Un Pascale farà dimenticare Petrini?

Slow Food ha un nuovo presidente. È il sannita Nino Pascale, un agronomo che finora ha diretto l’associazione campana. Porta il mio cognome ma non siamo parenti. Né ha vincoli di parentela – che io sappia - con il casertano Antonio, il noto scrittore – anche lui agronomo - che combatte a viso aperto gli approcci antiscientifici e antindustriali all’agricoltura. Chissà che un giorno si possa organizzare un bel confronto tra noi tre sul futuro dell’agricoltura.

Nino ha vinto il congresso gareggiando con Cinzia Scaffidi, laureata in filosofia e dal 1992 a Bra con l’incarico di direttore del centro studi dell’associazione. Si sono confrontati sulla base di programmi distinti. Il neo presidente punta a caratterizzare l’organizzazione con una marcata presenza di piccole strutture agricole che si richiamano al modello “contadino” e ad aprire il dialogo con la GDO per creare una vetrina per i prodotti dei soci. La Scaffidi ritiene invece che Slow Food debba dare spazio anche alle grandi aziende dell’agroalimentare e a quelle degli altri settori non legati direttamente al cibo ma che lo influenzano, affermando così un protagonismo a tutto campo nella green economy.

Benché accomunati dal Petrini-pensiero delle origini, entrambi vogliono imprimere una svolta decisiva all’organizzazione: rottamare il modello carismatico e plebiscitario fondato sul dialogo esclusivo con il grande pubblico e dare via libera ad un modello capace di ritagliarsi un proprio spazio nel mondo della rappresentanza sociale e di confrontarsi con tutti i soggetti sociali e istituzionali. Con un consenso pari a circa il 40 per cento dei delegati, Cinzia ha accettato di stare accanto a Nino nel percorso di rinnovamento di Slow Food. E dunque le due linee dovrebbero trovare una sintesi in un’apertura a tutto campo dell’organizzazione verso l’esterno senza più il protagonismo assorbente del fondatore, il quale ha avuto l'indubbio merito di far apprezzare la cultura del cibo a quella sinistra priva di qualsiasi retroterra rurale e borghese.

Intervenendo al congresso, un’altra personalità carismatica, don Ciotti, ha incitato i nuovi dirigenti ad essere eretici. Già cinque secoli fa, un grande eretico, Calvino, incitò un Pascale, Gian Luigi, rampollo di una antica famiglia patrizia di Cuneo, a scendere nell’Italia meridionale per predicare il credo protestante nelle comunità valdesi. Queste erano fuggite nel Duecento dal Piemonte per sottrarsi alle persecuzioni della chiesa. L’editore cuneese riuscì a risvegliare in quelle popolazioni l’insegnamento di Valdo e aggiunse la critica spietata verso la chiesa di Roma che accumulava ricchezze e onori mondani anziché vivere nella sobrietà e nell’umiltà. Ma fu denunciato per eresia, processato e condannato dal tribunale dell’Inquisizione, strangolato e poi arso in una pubblica esecuzione davanti a Castel Sant’Angelo a Roma. E migliaia di contadini calabresi e pugliesi che lo avevano seguito ebbero un sorte analoga.

Forse i Pascale che si sono diffusi nel Sud discendono dal predicatore calvinista venuto dalle Langhe a convertire i valdesi. Auguro però a Nino di non farsi eretico come il nostro lontano antenato, di superare appartenenze vecchie e nuove, di mettere l’esperienza di Slow Food a disposizione del paese, di aprire a percorsi dialoganti, di infondere il senso del rispetto per le idee altrui, rifuggendo dalle guerre di religione e difendendo il pluralismo degli ethos del mercato e delle scelte individuali. Anziché schierarci ogni volta tra papisti e luterani, tra verità uniche ed eresie che si trasformano in altrettante verità uniche, dovremmo tutti riscoprire e rinverdire l’umanesimo laico e tollerante di Erasmo.

Alfonso Pascale - 17-05-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Ottenuta l'ambita certificazione conosciuta come Sistema per la rintracciabilità nella filiera agroalimentare, la nota azienda sarda di Alghero, molto apprezzata per i suoi oli extra vergini di oliva, festeggia il coronamento di un importante e concreto riconoscimento 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti