Sabato 18 Novembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Vitae, miglior rivista

La prestigiosa pubblicazione dell’Ais, organo ufficiale dell’Associazione italiana sommelier, si è aggiudicato il meritatissimo titolo di Miglior rivista enogastronomica 2017. La cerimonia di consegna degli Awards Best of Alpe Adria 2017 si è svolta a Jesolo

Ilaria Santomanco

Vitae, miglior rivista

Da molti anni l’Associazione Culturale Club Magnar Ben, con il presidente Maurizio Potocnik in prima fila, si occupa della valorizzazione dell’Alpe Adria, la macroregione europea che comprende quattro stati e una decina di regioni, estendendosi dalla pianura Padana lungo l’Alto Adriatico e il Nord-est Italia, fino a comprendere Austria, Slovenia e Croazia. Un coacervo di storie, lingue, climi e tradizioni, con panorami che spaziano dal mare alle cime innevate, e culture che si diversificano o si riuniscono sulla tavola.

Ancora una volta la guida Magnar Ben Best Gourmet, giunta alla ventunesima edizione, ha evidenziato i portavoce di queste tradizioni nella ristorazione e tra i produttori vitivinicoli, zona per zona, recensendo 350 ristoranti e 150 vini. Per il quinto anno, inoltre, ha attribuito un premio speciale ad alcune insegne e a vini di particolare pregio. Giovedì 15 giugno, presso la Terrazza Mare Marcandole, proprio di fronte al faro, si sono pertanto succeduti i vincitori degli Awards Best of Alpe Adria per ritirare il meritato riconoscimento.

Accanto agli Awards assegnati al mondo della ristorazione e del vino, è stato tributato un premio speciale alla rivista nazionale “Vitae”, edita dall’Associazione Italiana Sommelier.

Grande la soddisfazione del Presidente nazionale dell’AIS Antonello Maietta: “Dedico il premio a tutti coloro che collaborano attivamente alla realizzazione di questo prodotto editoriale, di cui sono estremamente orgoglioso. E ai quarantamila Soci di questa Associazione, che hanno il privilegio di riceverlo direttamente a casa e di poterlo conservare nella propria libreria. Desidero ringraziare, in modo particolare, il direttore editoriale Roberto Bellini e il responsabile di redazione Emanuele Lavizzari, oltre a coloro che scrivono per divulgare la conoscenza del patrimonio enogastronomico dell’Italia e del mondo intero. Un plauso va in particolare al nostro vulcanico art director Davide Garofalo, che insieme a Francesca Lanaro cattura l’essenza di ogni scritto e lo trasforma in immagini di grande suggestione.
Il nome di questa rivista trimestrale evoca l’universalità delle cose e chiama in causa valori condivisi. Si pronuncia ‘vite’, come la nostra amata pianta, ma è scritto vitae, come il plurale e il genitivo latino del termine vita, ae. La ‘t’ del nome traduce graficamente la forma e l’espressione di una vite, un guyot, un simbolo che rappresenta tutta la forza iconografica dell’intero progetto editoriale, comprendente anche la Guida ai vini d’Italia. Dal punto di vista semantico, il nome è una classica sineddoche: parla di vite in senso tecnico, e in senso più ampio della vita del vino, del suo mondo, di storie raccontate, di vite e di esistenze, quelle dei suoi attori. In altre parole, una rivista di vite e di vita a essa dedicata. Questo, secondo noi, è fare cultura del vino”.

Alcuni momenti della premiazione

 

Alla premiazione era presente l’intera redazione della Guida, capeggiata dal suo fondatore Maurizio Potocnik: Morello Pecchioli, Giuseppe Casagrande, Francesco Lazzarini, Furio Baldassi, Cristiana Sparvoli, Marina Tagliaferri, Chiara Giglio, Tiziana Rinaldi, Wladimiro Gobbo, Carla Soligo e Dario Penco.
L’evento si è svolto con il patrocinio della città di Jesolo e la collaborazione dell’Associazione Jesolana Albergatori.


Nelle immagini, alcuni momenti della premiazione

 

 

Ilaria Santomanco - 20-06-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il Progetto educativo Monini 2017/2018

Il Progetto educativo Monini 2017/2018

Mo`e la favola dell'olio. Alla Camera dei Deputati le scuole vincitrici del progetto di educazione alimentare dell'azienda umbra. Con loro Gianfranco Vissani, Sara Farnetti e il tecnologo alimentare Salvatore Velotto. Oltre ai fratelli Monini, ovviamente: Zefferino, presidente di Monini Spa, e Maria Flora, direzione immagine e comunicazione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

Il libro - a cura di Eddo Rugini, Luciana Baldoni, Rosario Muleo e Luca Sebastiani - fornisce un'introduzione alla genetica, alla genomica e all’allevamento dell'olivo, pianta longeva e multifunzionale, rilevante non soltanto per la produzione di olive da tavola e da olio, ma anche per il paesaggio e per la storia delle zone rurali