Venerdì 23 Agosto 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Xylella e Coldiretti

La nota organizzazione di categoria è tra le maggiori responsabili di quanto sta accadendo negli oliveti pugliesi. E così, chi è causa del suo male dovrebbe - almeno un pochino - piangere sé stesso. E per il male causato agli altri, chiedere scusa

Luciano Capone

Xylella e Coldiretti

Il volo del ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio sugli uliveti scheletrici a causa della Xylella è stato organizzato dalla Coldiretti, che chiede un intervento urgente e aiuti per le aziende colpite dalla malattia che secca gli alberi. Ma Coldiretti ha grandi responsabilità in questa vicenda.

Perché l’epidemia di bufale mediatiche sulla Xylella, che ha pesantemente e negativamente condizionato gli eventi, è infatti nata proprio da un documento di Coldiretti: il “Rapporto Agromafie” del 2015, coordinato dal'ex procuratore Gian Carlo Caselli ed elaborato insieme all’Eurispes.

In quel documento c'era un capitolo dal titolo "Lo strano caso della Xylella fastidiosa", che è diventato un po' la Bibbia del complottismo e la fonte di diffusione delle teorie antiscientifiche alla base di pseudocure e dell’inchiesta antiscientifica della procura di Lecce contro i ricercatori.

In quell'articolo c'erano insinuazioni sugli scienziati indagati, si dava adito alle teorie di "associazioni ambientaliste" e a chi non credeva agli "scenari apocalittici degli esperti". E si puntava tutto sull'indagine dei pm: "La dott.ssa Mignone non è il tipo da lasciarsi intimorire". (È abbiamo visto come è andata a finire).

All’epoca Gian Carlo Caselli diceva che l’introduzione della Xylella “presenta aspetti che potrebbero andare oltre la fatalità” (un complotto!). E Gian Maria Fara, il presidente di Eurispes co-autore del rapporto, diceva che c’erano “i presupposti di una guerra chimica e batteriologica” (delle multinazionali?!).

Quell'articolo ha avuto una risonanza così clamorosa che nel successivo Rapporto Agromafie 2016 Coldiretti ne rivendica l'impatto mediatico, con un articolo che difende l'inchiesta della procura di Lecce e mette in dubbio (già dal titolo) l'effettiva pericolosità del batterio che nel frattempo devasta gli ulivi: “La Xylella (solo) fastidiosa o "mortale" per l'agricoltura del Sud?”

Ma non basta. Perché Coldiretti ha inserito nel comitato scientifico dell’Osservatorio Agromafie Cataldo Motta, l’ex procuratore di Lecce autore dell’inchiesta che ha prodotto i ritardi e un sostenitore delle teorie negazioniste della Xylella quale causa della malattia degli ulivi. Motta, mentre era procuratore e indagava, diceva che Xylella non era mortale e che si potevano curare gli ulivi con una semplice potatura e tanta acqua. Basta vedere le foto degli uliveti spettrali per capire l'assurdità di quelle affermazioni.

Ora la Coldiretti se la prende con la politica e l'inazione delle istituzioni e chiede interventi rapidi e aiuti generosi per la strage di ulivi prodotta dalla Xylella. Ma Coldiretti è tra i maggiori responsabili di tutto ciò. E chi è causa del suo male dovrebbe - almeno un pochino - piangere sé stesso. E per il male causato agli altri, chiedere scusa.

 

 

La foto di apertura è di Olio Officina. Per seguire quanto ha scritto Luciano Capone, consigliamo di leggere tutti i suoi articoli pubblicati nel corso di questi anni sul quotidiano il Foglio

Luciano Capone - 21-05-2019 - Tutti i diritti riservati

Luciano Capone

Nato in Irpinia, a Savignano. Dal 2014 è al quotidiano "il Foglio". Si definisce liberista sfrenato, a volte persino selvaggio.

Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Prodotto da Lucchi & Guastalli a Santo Stefano Magra, in provincia di La Spezia. I meriti di Marco Lucchi?Aver avuto un ruolo importante nella rinascita dell’olivicoltura del Levante ligure e di essere “l’uomo che ha sconfitto la taggiasco dipendenza” > Francesco Bruzzo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Anche la seconda edizione del concorso è andata molto bene. Si è registrato infatti uno straordinario numero di candidature, oltre a un altissimo livello delle opere candidate. C'è grande attesa: i vincitori saranno annunciati nel mese di settembre. Il montepremi complessivo messo in palio dal concorso è di 12 mila euro, suddivisi tra le categorie "Open" e "Accademia"

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo