Lunedì 25 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Alla maniera turca

Sì, a la turca! Cominciamo ad abituarci a questa cucina, non si sa mai. Recep Tayyip Erdoğan, che non sembra proprio un tipo aperto al dialogo, ha promosso la sostituzione del Raki con l’Ayran, come bevanda di uso comune: dunque uno yogurt salato e diluito al posto di una peccaminosa bevanda alcolica

Daniele Tirelli

Alla maniera turca

Il Raki è la grappa turca aromatizzata con l’anice simile all’Ouzo Greco. Il suo consumo fu permesso dopo la rivoluzione dei “giovani turchi” di Kemal Ataturk, e divenne uno dei simboli della laicità di quello stato e della sua modernità.

Il tradizionale Ayran, oggi, sembra tornato ad essere la bevanda “politicamente corretta”, tanto che, nel 2015, il Ministero del Commercio Turco pare abbia multato l’azienda di soft drink Çaykur per averla “insultata” nella sua pubblicità.

Dunque perché non prepararsi anche noi a un eventuale “futuro analcolico”, assaggiando l'Ayran, visto che si trova negli scaffali di Carrefour? In Francia, è stato messo in vendita assieme ad una linea di prodotti della azienda tedesca Baktat, avviata e posseduta dall’omonima famiglia turco-germanica.

Ho pensato, però, che l’Ayran fosse più gradevole se bevuto accompagnandolo da qualche alimento con esso culturalmente coerente. Il Sucuk o Sujuk (sempre di marca Baktat) è una salsiccia all’aglio, ovviamente senza carne di suino. Si compone del 70% di carne bovina, 10% di tacchino, 8% di pollo e viene colorata con polvere di bietola. In Kazakhstan e nel Kyrgyzstan il Sucuk contiene anche carne di cavallo.

Allora, se vi piace la carne speziata, allora questa è la salsiccia che fa per voi perché contiene in abbondanza fieno greco, cumino, aglio, pepe rosso e soprattutto il sumac (سماق), la spezia indispensabile per un buon kebab. Parliamo dei frutti polverizzati della Rhus coriaria, una Anacardiacea che cresce in Medio Oriente (ma anche in Sicilia).

Il gusto di questa salsiccia risulta indubbiamente forte, anzi un pochino di più (e il suo odore speziato è molto pervasivo e duraturo), quindi si abbina bene all’apporto attenuante e dissetante dell’Ayran: ecco dunque un’ insolita, gradevole accoppiata a la turca per onnivori Italiani senza preconcetti.

Per inciso, quella turca, è una cucina ricca e buonissima, come tutte quelle che hanno la storia di un impero alle spalle.

“Io sono turco, turco dalla testa ai piedi, ho persino gli occhi turchini.” (da: Totò - “Il turco napoletano” - film del 1953, Regia di Mario Mattoli)

PS: Pare che l’idea del Başbakan Erdogan di imporre l'Ayran come bevanda nazionale abbia subito un colpo stante il fatto che il latte utilizzato per produrlo è ottenuto da vacche olandesi, alimentate con foraggio di importazione.

 

Le foto sono dell'Autore

Daniele Tirelli - 27-08-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria