Martedì 22 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

I grandi oli marocchini

Il Trofeo "Volubilis" 2017, giunto alla nona edizione, ha dato i suoi riscontri, a testimonianza di un grande lavoro sul fronte della qualità che è avvenuto in tutti questi anni in Marocco. A fare da regista dell’operazione, l'Agro-pole Olivier di Meknes, un faro per l’olivicoltura e l’arte elaiotecnica marocchina

OO M

I grandi oli marocchini

La cerimonia di premiazione della nona edizione del Premio "Extra Vergine di Volubilis, Marocco 2017" si è svolta giovedi 25 maggio a Meknes. Si sono così messi in luce i migliori olio extra vergini di oliva confezionati del Marocco.

Alla cerimonia hanno partecipato il Governatore della Prefettura di Meknes, Abdelghani Sabbar, nonché il Presidente della Comunità Urbana di Meknes, Abdellah Bouanou, il Console Generale di Francia a Fez, François-Xavier Tilliette, oltre a produttori e operatori del settore olio e del turismo della Regione Fez-Meknes.

Il concorso è organizzato in collaborazione con l'Associazione Udom, dell'Unione per lo sviluppo dell’olivicoltura di Meknes, e con il patrocinio della Fondazione Internazionale Strade dell'olio nel Mediterraneo e la Fondazione "Olivier Pomo Meknes, la società LCM-Aicha e Pieralisi Italia.

Il concorso è aperto ai produttori marocchini di olio extra vergine di oliva confezionato e il tutto si svolge sotto la responsabilità di una giuria internazionale di degustazione.

In questa edizione la giuria del concorso era composta da dieci esperti provenienti da Italia, Spagna, Francia, Germania e Brasile, tutti accreditati dal Consiglio oleicolo internazionale.

A guidare la giuria, il capo panel italiano Franca Camurati, tra i maggiori esperti internazionali di analisi sensoriale applicata agli oli da olive.

L'edizione di quest'anno ha visto la partecipazione di 25 marchi: cooperative e gruppi industriali marocchini di Meknes, Fez, Sefrou, Marrakech, Guercif, Essaouira, a dimostrazione, di un grande impegno da parte dei produttori marocchini di oli da olive di alta qualità.

Nella categoria "Fruttato Intenso", il Prix Ramo d'oro (il primo premio) è stata attribuito all'olio Volubilia di OLIVINVEST, società di Meknes, mentre il Ramo d'Argento (il secondo premio) è stato assegnato all'olio JAD della società Maasser BRAHIM Zniber di Meknes.

Nella categoria "Fruttato Medio", il Prix Ramo d'oro (il primo premio) è stato assegnato all'olio ELYXUS PRESTIGE, della società OLEA CAPITAL di Meknes, mentre il Ramo d’Argento (il secondo premio) è stato assegnato all'olio d'oliva AKALIA del Fondo NEBETOU di Meknes.

Il Premio "Ibtisam Zine Fillali”, assegnato all’olio della migliore cooperativa è stato aggiudicato dalla Cooperativa Regraga, dell'area di Essaouira.

Franca Camurati, Presidente della Giuria del Premio "Volubilis Marocco" sin dal suo inizio, ha sostenuto che il Marocco ha fatto grandi progressi nel migliorare la qualità dell'olio d'oliva marocchino e nel dar corso a una personalità di grande pregio per gli oli prodotti in particolare dalla spremitura delle olive della cultivar Picholine marocaine.

Secondo la Camurati, la Giuria quest'anno non si aspettava questo altissimo livello della qualità. Questa competizione, va evidenziato, è diventata da ben 9 anni a questa parte, un solido punto di riferimento per la qualità olio d'oliva extra vergine e marocchina che può fornire un riconoscimento consolidata della qualità dell'olio d'oliva del Marocco. Il Trofeo Volubilis extra vergine del Marocco è diventato così, nel corso degli anni, un vero e proprio strumento di promozione, a livello internazionale, della qualità degli extra vergini del Marocco. “Ora - ha sostenuto il regista di questo grande successo del marocco oleario, il direttore dell’Agro-pole Olivier di Meknes, Noureddine Ouazzani - dobbiamo concentrare gli sforzi per valorizzare questo alto livello di qualità e puntare ad avere anche una grande quantità di questa qualità delle produzioni olearie.

 



OO M - 12-06-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Ottenuta l'ambita certificazione conosciuta come Sistema per la rintracciabilità nella filiera agroalimentare, la nota azienda sarda di Alghero, molto apprezzata per i suoi oli extra vergini di oliva, festeggia il coronamento di un importante e concreto riconoscimento 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti