20 Agosto 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

I grandi oli marocchini

Il Trofeo "Volubilis" 2017, giunto alla nona edizione, ha dato i suoi riscontri, a testimonianza di un grande lavoro sul fronte della qualità che è avvenuto in tutti questi anni in Marocco. A fare da regista dell’operazione, l'Agro-pole Olivier di Meknes, un faro per l’olivicoltura e l’arte elaiotecnica marocchina

OO M

I grandi oli marocchini

La cerimonia di premiazione della nona edizione del Premio "Extra Vergine di Volubilis, Marocco 2017" si è svolta giovedi 25 maggio a Meknes. Si sono così messi in luce i migliori olio extra vergini di oliva confezionati del Marocco.

Alla cerimonia hanno partecipato il Governatore della Prefettura di Meknes, Abdelghani Sabbar, nonché il Presidente della Comunità Urbana di Meknes, Abdellah Bouanou, il Console Generale di Francia a Fez, François-Xavier Tilliette, oltre a produttori e operatori del settore olio e del turismo della Regione Fez-Meknes.

Il concorso è organizzato in collaborazione con l'Associazione Udom, dell'Unione per lo sviluppo dell’olivicoltura di Meknes, e con il patrocinio della Fondazione Internazionale Strade dell'olio nel Mediterraneo e la Fondazione "Olivier Pomo Meknes, la società LCM-Aicha e Pieralisi Italia.

Il concorso è aperto ai produttori marocchini di olio extra vergine di oliva confezionato e il tutto si svolge sotto la responsabilità di una giuria internazionale di degustazione.

In questa edizione la giuria del concorso era composta da dieci esperti provenienti da Italia, Spagna, Francia, Germania e Brasile, tutti accreditati dal Consiglio oleicolo internazionale.

A guidare la giuria, il capo panel italiano Franca Camurati, tra i maggiori esperti internazionali di analisi sensoriale applicata agli oli da olive.

L'edizione di quest'anno ha visto la partecipazione di 25 marchi: cooperative e gruppi industriali marocchini di Meknes, Fez, Sefrou, Marrakech, Guercif, Essaouira, a dimostrazione, di un grande impegno da parte dei produttori marocchini di oli da olive di alta qualità.

Nella categoria "Fruttato Intenso", il Prix Ramo d'oro (il primo premio) è stata attribuito all'olio Volubilia di OLIVINVEST, società di Meknes, mentre il Ramo d'Argento (il secondo premio) è stato assegnato all'olio JAD della società Maasser BRAHIM Zniber di Meknes.

Nella categoria "Fruttato Medio", il Prix Ramo d'oro (il primo premio) è stato assegnato all'olio ELYXUS PRESTIGE, della società OLEA CAPITAL di Meknes, mentre il Ramo d’Argento (il secondo premio) è stato assegnato all'olio d'oliva AKALIA del Fondo NEBETOU di Meknes.

Il Premio "Ibtisam Zine Fillali”, assegnato all’olio della migliore cooperativa è stato aggiudicato dalla Cooperativa Regraga, dell'area di Essaouira.

Franca Camurati, Presidente della Giuria del Premio "Volubilis Marocco" sin dal suo inizio, ha sostenuto che il Marocco ha fatto grandi progressi nel migliorare la qualità dell'olio d'oliva marocchino e nel dar corso a una personalità di grande pregio per gli oli prodotti in particolare dalla spremitura delle olive della cultivar Picholine marocaine.

Secondo la Camurati, la Giuria quest'anno non si aspettava questo altissimo livello della qualità. Questa competizione, va evidenziato, è diventata da ben 9 anni a questa parte, un solido punto di riferimento per la qualità olio d'oliva extra vergine e marocchina che può fornire un riconoscimento consolidata della qualità dell'olio d'oliva del Marocco. Il Trofeo Volubilis extra vergine del Marocco è diventato così, nel corso degli anni, un vero e proprio strumento di promozione, a livello internazionale, della qualità degli extra vergini del Marocco. “Ora - ha sostenuto il regista di questo grande successo del marocco oleario, il direttore dell’Agro-pole Olivier di Meknes, Noureddine Ouazzani - dobbiamo concentrare gli sforzi per valorizzare questo alto livello di qualità e puntare ad avere anche una grande quantità di questa qualità delle produzioni olearie.

 



OO M - 12-06-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L'apertivo insolito

L'apertivo insolito

La cipolla egiziana ligure marinata, le olive Taggiasche e l’olio extra vergine di oliva Dop Riviera Ligure. Ed è fatta. Ovvero: quando l'essenziale rende appetibile il necessario > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Concedersi il tempo per star bene con se stessi

Concedersi il tempo per star bene con se stessi

Alla Terme della Versilia, presso l'Hotel Villa Undulna, a Cinquale, ci sono tutte le occasioni per ritemprarsi all'interno della spa, e non solo durante l'estate. Una grande attrazione la esercitano in particolare due preziosi elementi della natura, con le loro virtù terapeutiche: l’acqua salsobromoiodica e la torba del vicino lago di Massaciuccoli > Maria Carla Squeo

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

L’olio d’alta quota

In giugno, sabato 10, la presenza del movimento culturale Tree Dream da Peck, nel tempio della gastronomia. Il dialogo tra Luigi Caricato e Flavio Lenardon

BIBLIOTECA OLEARIA
La dinastia olearia dei Guarini

La dinastia olearia dei Guarini

In Puglia sono stati un solido punto di riferimento, e tutt’oggi sono operativi su più fronti. In un libro di Achille Colucci, e a cura di Rosa del Vecchio, viene ripercorsa la goriosa storia della Oleifici Fasanesi > Maria Carla Squeo