Martedì 17 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Il Coi ad Abdellatif Ghedira

E’ stata affidata alla Tunisia la guida del Consiglio oleicolo internazionale. Un ruolo così importante e centrale per il futuro del settore è stato assegnato a una persona competente, l’attuale direttore dell’ufficio nazionale dell’olio tunisino. Per la sua nomima si è attivato il primo ministro Habib Essid. Rimane aperta la partita dei due direttori aggiunti che dovranno essere nominati entro marzo

OO M

Il Coi ad Abdellatif Ghedira

Quando già sapevamo della nomina in corso, del nuovo direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale, quando tutto era già designato, e tutti ormai d’accordo, abbiamo preferito non essere impulsivi nel dare notizia, preferendo non anticipare il nome di cui si era più che certi.

Si tratta di un ente così importante, il Coi, che il buon funzionamento dello stesso comporta un grande rispetto verso ciò che possiamo definire l’autorità massima in materia di oli da olive e olive da tavola.

Ciò che era nell’aria, dunque, si è verificato. La direzione del Coi passa ora di mano alla Tunisia, che, con Abdellatif Ghedira, l’attuale direttore dell’ufficio nazionale dell’olio tunisino, riceve ufficialmente il timone del Consiglio oleicolo internazionale.

Creato nel 1959, sotto il patrocinio delle Nazioni Unite, il Coi è l'unica organizzazione intergovernativa mondiale che opera nel settore degli oli da olive, oltre che nell’ambito delle olive da tavola.

Dopo la guida di Fausto Lucchetti, che ha diretto l’organizzazione per quindici anni, dal 1997 al 2002, l’organizzazione è andata incontro a un lento declino di immagine, tanto che, prima di negoziare presso l’UNCTAD l’ultimo accordo sull’olio di oliva e le olive da tavola, che il Coi dovrà amministrare fino al 2026, non erano pochi coloro i quali ne paventavano la messa in liquidazione, soprattutto nei corridoi di Bruxelles.

Alla fine ha prevalso un atteggiamento magnanimo, una sorta di ultima opportunità per dimostrare nei prossimi dieci anni la sua effettiva utilità al settore.

È così che Tunisia e Spagna, i paesi con maggiori ambizioni olivicole, che da anni non hanno lesinato investimenti nel settore, fino a farne una colonna portante della propria economia, hanno ingaggiato un duello a colpi di diplomazia che ha visto alla fine premiare l’impegno diretto e mai celato dell’attuale primo ministro tunisino Habib Essid, in carica dal 2015 e profondo conoscitore dei meccanismi Coi, avendone ricoperto la carica di direttore esecutivo del Consiglio dal 2004 al 2007.

Rimane aperta la partita dei due direttori aggiunti che dovranno essere nominati entro marzo.

 

La foto è tratta dal sito di informazione Leaders

OO M - 27-11-2015 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
A Vieste l’olio è stato protagonista

A Vieste l’olio è stato protagonista

Una intera settimana per celebrare il re dei grassi nel Gargano. L’olio extra vergine di oliva ha dimostrato di essere un "marcatore culturale” in grado di catalizzare le attenzioni al pari del mare. Gli olivi di Vieste e dintorni sono stati il paesaggio al quale si è potuto fare riferimento, persino per praticare lo yoga e ritrovare se stessi

 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio è stato sempre nascosto, ora è tempo di rimetterlo in risalto

Recuperare il valore della materia prima è fondamentale. Dare centralità all’olio ricavato dalle olive è importante e oggi occorre puntare soprattutto ai giovani, adottando linguaggi adeguati Ai tempi. L’intervista al creative director Antonio Mele nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione (Milano, 2019)

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo