Sabato 20 Aprile 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Il Coi ad Abdellatif Ghedira

E’ stata affidata alla Tunisia la guida del Consiglio oleicolo internazionale. Un ruolo così importante e centrale per il futuro del settore è stato assegnato a una persona competente, l’attuale direttore dell’ufficio nazionale dell’olio tunisino. Per la sua nomima si è attivato il primo ministro Habib Essid. Rimane aperta la partita dei due direttori aggiunti che dovranno essere nominati entro marzo

OO M

Il Coi ad Abdellatif Ghedira

Quando già sapevamo della nomina in corso, del nuovo direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale, quando tutto era già designato, e tutti ormai d’accordo, abbiamo preferito non essere impulsivi nel dare notizia, preferendo non anticipare il nome di cui si era più che certi.

Si tratta di un ente così importante, il Coi, che il buon funzionamento dello stesso comporta un grande rispetto verso ciò che possiamo definire l’autorità massima in materia di oli da olive e olive da tavola.

Ciò che era nell’aria, dunque, si è verificato. La direzione del Coi passa ora di mano alla Tunisia, che, con Abdellatif Ghedira, l’attuale direttore dell’ufficio nazionale dell’olio tunisino, riceve ufficialmente il timone del Consiglio oleicolo internazionale.

Creato nel 1959, sotto il patrocinio delle Nazioni Unite, il Coi è l'unica organizzazione intergovernativa mondiale che opera nel settore degli oli da olive, oltre che nell’ambito delle olive da tavola.

Dopo la guida di Fausto Lucchetti, che ha diretto l’organizzazione per quindici anni, dal 1997 al 2002, l’organizzazione è andata incontro a un lento declino di immagine, tanto che, prima di negoziare presso l’UNCTAD l’ultimo accordo sull’olio di oliva e le olive da tavola, che il Coi dovrà amministrare fino al 2026, non erano pochi coloro i quali ne paventavano la messa in liquidazione, soprattutto nei corridoi di Bruxelles.

Alla fine ha prevalso un atteggiamento magnanimo, una sorta di ultima opportunità per dimostrare nei prossimi dieci anni la sua effettiva utilità al settore.

È così che Tunisia e Spagna, i paesi con maggiori ambizioni olivicole, che da anni non hanno lesinato investimenti nel settore, fino a farne una colonna portante della propria economia, hanno ingaggiato un duello a colpi di diplomazia che ha visto alla fine premiare l’impegno diretto e mai celato dell’attuale primo ministro tunisino Habib Essid, in carica dal 2015 e profondo conoscitore dei meccanismi Coi, avendone ricoperto la carica di direttore esecutivo del Consiglio dal 2004 al 2007.

Rimane aperta la partita dei due direttori aggiunti che dovranno essere nominati entro marzo.

 

La foto è tratta dal sito di informazione Leaders

OO M - 27-11-2015 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Maria Carla Squeo
L'INCURSIONE

MARIA CARLA SQUEO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: il Verdicchio di Matelica 2016 di Borgo Paglianetto

Il vino della settimana: il Verdicchio di Matelica 2016 di Borgo Paglianetto

Un grandissimo vino marchigiano. Una qualità decisamente sopra la media, con un’acidità che dà freschezza e lunghezza al gusto. Al naso è un continuo evolvere, con la presenza di numerosissimi profumi. L'azienda, tra l'altro, ha deciso di passare dall’agricoltura convenzionale all’agricoltura biologica > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

È stato presentato in occasione del World Art Day, lo scorso 15 aprile, la seconda edizione del premio internazionale per le arti visive. Al centro, il legame perfetto tra la maestria del brand nell’esaltare le diverse varietà di olivi che danno luogo ai diversi oli da olive e la capacità dell’arte di armonizzare le diversità di pensiero, forma e materia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

VISIONI

Il mondo è un bellissimo posto / per nascere

Lawrence Ferlinghetti