Mercoledì 22 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

La Medaille Chevreul conferita al professor Lanfranco Conte

L’importante riconoscimento è stato assegnato all’accademico italiano, molto apprezzato per i suoi studi e per essere universalmente ritenuto tra i più prestigiosi chimici dell’olio e delle sostanze grasse al mondo. La prestigiosa Société française pour l'étude des lipides in passato aveva conferito lo stesso premio ai professori Umberto Pallotta e Pompeo Capella

OO M

La Medaille Chevreul conferita al professor Lanfranco Conte

Le foto che vedete ritraggono il professor Lanfranco Conte nel corso della premiazione. Il momento è molto importante. La consegna della medaglia ha infatti un immenso valore. È un riconoscimento prestigioso che a partire dal 1963, su suggerimento del presidente onorario della Società Francese per lo Studi dei Lipidi, il professor Emile André, è stato deciso di assegnare a personalità illustri che hanno lasciato un segno importante nell'ambito della chimica. Così, si pensò bene di assegnare ogni anno una medaglia a personalità francesi o straniere che attraverso il proprio lavoro hanno contribuito in modo significativo allo sviluppo delle conoscenze nel campo delle sostanze grasse.

Tra queste illustri personalità vi è oggi anche il professor Lanfranco Conte, una figura chiave, che tutti conoscono e apprezzano per il lavoro compiuto in tutti questi anni intorno alle sostanze grasse e, in particolare, agli oli da olive, un lavoro che lo ha visto impegnato su più fronti, sia come docente universitario all'ateneo di Udine, sia in qualità di presidente della Società Italiana per lo Studio delle Sostanze Grasse, sia, nondimeno, per l’importante ruolo ricoperto quale membro di numerose commissioni internazionali.

La Medaille Chevreul al professor Lanfranco Conte
Il professor Lanfranco Conte con Frederic Fine, presidente della Societè Francaise pour l’Etude des LipidesIl professor Lanfranco Conte con Frederic Fine, presidente della Societè Francaise pour l’Etude des LipidesIl professor Lanfranco Conte con Frederic Fine, presidente della Societè Francaise pour l’Etude des LipidesIl gruppo di lavoro del professor Lanfranco Conte con Frederic Fine, presidente della Societè Francaise pour l’Etude des Lipides e Alissa MatteiLanfranco Conte in un ritratto di Gianfranco Maggio

 

La medaglia che Conte ha ricevuto lo scorso 23 ottobre riporta dunque il nome di "Medaille Chevreul" ed è stata pensata allo scopo di onorare la figura di Michel-Eugène Chevreul (1786-1889), evidenziando come sia stato proprio grazie al lavoro di questo famoso scienziato che si è iniziato a parlare di chimica delle sostanze grasse e di lipochimica.

Sulla medaglia si trova inciso il profilo di Chevreul all'età di 37 anni. Nel 1993, per il cinquantesimo anniversario della Società Francese per lo Studi dei Lipidi, la Chevreul Gold Medal è stata assegnata al Premio Nobel per la fisica del 1991, il professor Pierre-Gilles de Gennes.

Il gruppo di lavoro del professor Lanfranco Conte con Frederic Fine, presidente della Societè Francaise pour l’Etude des Lipides e Alissa Mattei

 

OO M - 29-10-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Un libro per imparare il codice sensoriale della carne

Un libro per imparare il codice sensoriale della carne

Il codice sensoriale della carne, edito dal Centro Studi Assaggiatori in collaborazione con Narratori del gusto, aiuterà a rispondere alle domande dei consumatori di fronte alla scelta della carne migliore. Attraverso i sensi, si può imparare a scegliere una carne di qualità

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo