Martedì 22 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Macchè cibo spazzatura

Si fa presto a chiamare junk food gli hamburger. Non è così. Il primo "hamburgerificio" a catena si chiamava White Castle, ed era a Cincinnati, nel 1929. Il primo in assoluto, in realtà, venne aperto a Wichita, nel Kansas, nel 1921. Ciò ha consentito a molte famiglie dei ceti più bassi di andare più spesso a pranzare fuori casa senza incorrere in rischi di intossicazione

Daniele Tirelli

Macchè cibo spazzatura

Se vi trovaste a San Cristobal, in Messico, cosa preferireste:

a) acquistare e cucinare la carne fresca del mercatino centrale che vedete nella foto di apertura e in quella immediatamente successiva?

b) o recarvi invece nel vicino Burger King?

Pochi tra quelli che parlano (prima di pensare e di informarsi) sanno che il primo "hamburgerificio" a catena si chiamava White Castle e che aperse a Cincinnati nel 1929, fornendo una risposta "salutista" come alternativa ai ristoranti cosiddetti "greasy spoon" (o dal cucchiaio unto).

Il primo, in realtà, venne aperto a Wichita, nel Kansas, nel 1921.
Il "castello", che cucinava un menù ristretto basato sull'hamburger, era appunto bianco per rimarcare la pulizia del luogo, come si può notare dalla foto.

Producendo in serie, con metodo tayloristico poche cose (polpette e patatine), consentiva a molte famiglie dei ceti più bassi di andare più spesso a pranzare fuori casa senza incorrere nei frequenti rischi di intossicazione dei ristoranti di bassa lega.

Sic transit gloria mundi... Viste le accuse che oggi vengono rivolte a questi ristoranti rapidi (si pensi alla polemica su MacDonald's a Firenze)!

Daniele Tirelli - 12-07-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Ottenuta l'ambita certificazione conosciuta come Sistema per la rintracciabilità nella filiera agroalimentare, la nota azienda sarda di Alghero, molto apprezzata per i suoi oli extra vergini di oliva, festeggia il coronamento di un importante e concreto riconoscimento 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti