Lunedì 25 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Mangiate carne di cane, fa bene

L’invito di Kim Jong-Un al suo popolo non è passato inosservato, ma non c’è poi da stupirsi più di tanto, visto che il ruolo nutrizionale di questa carne nel Far East è ancestrale e ha origini preistoriche. Oltretutto, vendere carne di cane è legale in Canada, mentre in Svizzera ne è ammesso il consumo personale, ma non la vendita

Daniele Tirelli

Mangiate carne di cane, fa bene

Dangogi. Perché sì, perché no. Così, a proposito delle ricette di Kim Jong-Un,
 primo chef della 조선민주주의인민공화국 (Chosŏn Minjujuŭi Inmin), meglio nota come Repubblica Democratica di Korea, il quale suggerisce al suo popolo di mangiare carne di cane. 


Premetto, innanzitutto, che ho avuto anch’io dei cani (Bulldog e Peckinese) che hanno ricevuto cure amorevoli in ogni occasione. Tuttavia l’idea di Kim di incentivare il consumo di carne di cane (Dangogi) nel suo paese non è la più bizzarra come sembra apparire negli articoli di molti giornali nostrani, che hanno trattato l’argomento con l’abituale superficialità. Forse più discutibile è stata la decisione (notizia da verificare) di Kim di dare in pasto lo zio, accusato di trafficare ostriche con i cinesi, ai cani.


Il ruolo nutrizionale di questa carne nel Far East è ancestrale e ha origini preistoriche, ma qualcuno potrà essere sorpreso nell’apprendere che vendere carne di cane è legale in Canada, mentre in Svizzera ne è ammesso il consumo personale, ma non la vendita. In questa civilissima nazione e precisamente nei cantoni St. Gallen and Appenzell, si consuma una razza vicina al Rottweiler, in forma di prosciutto Hundeschinken o di snack, secondo un’altra ricetta chiamata gedörrtes Hundefleisch.

Anche gli Aztechi che avevano endemici problemi di sottonutrizione carnea amavano quella di Xoloitzcuintle (Mexican Hairless Dogs), l’orribile cane senza pelo, oggi da compagnia.

Anche nelle isole Hawaii se ne consumava, sino al punto da estinguere la razza locale. Ovviamente anche in diverse regioni della Cina ci si nutre tuttora (occasionalmente) di questa carne stufata. La foto (tratta da Internet) si riferisce, appunto, a un piatto servito a Guilin (città che ho visitato, ma in cui NON ho assaggiato detta specialità).


I giornali hanno poi omesso di dire che i popoli asiatici non mangiano tutti i cani che capitano. La varietà più ricercata è il Nureongi, un cane di media taglia dal pelo biondo e un’ottima muscolatura, allevato allo scopo. In mancanza di Nureongi, si consumano ovviamente altre razze di minor qualità, come avviene nel grande festival di Yulin, balzato agli onori della cronaca. 


 

Le foto sono tutte tratte da Internet

Daniele Tirelli - 22-08-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria