Sabato 20 Aprile 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Né extra né vergine

Sulla Turkish Airlines accade qualcosa di spiacevole. Ben vengano le produzioni olearie di qualsiasi provenienza, purché sempre indicata, ma cosa succede se la bustina monouso di “olio extra vergine turco addizionato con limone” ci lascia interdetti?

Felice Modica

Né extra né vergine

Da vecchio arnese liberale, con la sventura di essere un agricoltore italiano, mantengo un’idiosincrasia per il protezionismo. Ritenendo – magari a torto (il dubbio ci ha marchiati nel profondo, a noi che siam fatti così…) – che la libera circolazione dei beni, se onesta, sia di per sé sufficiente garanzia per la tutela del consumatore. Importante è la tracciabilità reale, non cartacea. Ovvero che chi acquista sia messo in condizione di valutare il rapporto prezzo/qualità dei prodotti e tutta la loro storia.

Mettiamola così; per me, che produco olio extra vergine d’oliva, nulla osta a che in Italia siano commercializzati gli oli tunisini, marocchini, greci, turchi e chi più ne ha più ne metta. A patto che se ne conosca correttamente la provenienza. Infatti, credo non sia democratico proibire la libera circolazione delle merci tra i diversi paesi. Purché tutti rispettino le regole.
Sembra una ovvietà, ma quest’ultima precisazione è essenziale e non può trascurarsi.

Se, ad esempio, si scrive su una confezione che un olio d’oliva è extravergine, non importano solo il Paese in cui le olive sono coltivate e quello in cui l’olio viene estratto (che comunque andrebbero indicati entrambi), ma soprattutto che il prodotto corrisponda con la classificazione merceologica indicata in etichetta. Restando all’olio d’oliva, questo è extravergine se rispetta alcuni parametri chimici e organolettici stabiliti da un disciplinare valido in tutto il mondo. In altre parole, un olio che abbia superato l’analisi chimica e la prova di degustazione (il cosiddetto “panel test”) da parte di una commissione qualificata, sarà extravergine a tutte le latitudini, pur conservando le caratteristiche organolettiche tipiche della zona di produzione.
Ciò dovrebbe garantire il consumatore da sgradevoli sorprese consentendo anche al produttore una giusta remunerazione per le sue fatiche.

Ora, mi è recentemente capitato di volare con la Turkish Airlines, consumando più di un pasto a bordo. Ho apprezzato il fatto che la compagnia turca di bandiera offrisse, tra i condimenti, una bustina monouso di “olio extra vergine turco addizionato con limone”. Non amo personalmente queste emulsioni, ma l’idea era comunque eccellente. A condizione di usare sul serio, almeno un extra vergine…
Invece, il liquido immondo contenuto nella suddetta bustina non era né extra né vergine, virando prepotentemente verso un irrancidimento coprente anche altri probabili, eventuali difetti. Ho rifatto la prova solo annusando altre bustine nelle due tratte di ritorno, col medesimo, desolante risultato.

A questo punto mi assale un dubbio dagli inquietanti risvolti di politica internazionale. Metti che il Presidente Erdogan sia uso condire le sue pietanze con un simile olio: si spiegherebbero il suo aspetto truce e la sua attitudine all’epurazione…

Felice Modica - 08-01-2017 - Tutti i diritti riservati

Felice Modica

Agricoltore e giornalista. Produce olio, vino e birra nell'azienda di famiglia. Si occupa di libri. Adora i cani e i gatti. Passato ormai il mezzo secolo, è rimasto coi piedi saldamente sulle nuvole.

ULTIMI
Maria Carla Squeo
L'INCURSIONE

MARIA CARLA SQUEO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: il Verdicchio di Matelica 2016 di Borgo Paglianetto

Il vino della settimana: il Verdicchio di Matelica 2016 di Borgo Paglianetto

Un grandissimo vino marchigiano. Una qualità decisamente sopra la media, con un’acidità che dà freschezza e lunghezza al gusto. Al naso è un continuo evolvere, con la presenza di numerosissimi profumi. L'azienda, tra l'altro, ha deciso di passare dall’agricoltura convenzionale all’agricoltura biologica > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

È stato presentato in occasione del World Art Day, lo scorso 15 aprile, la seconda edizione del premio internazionale per le arti visive. Al centro, il legame perfetto tra la maestria del brand nell’esaltare le diverse varietà di olivi che danno luogo ai diversi oli da olive e la capacità dell’arte di armonizzare le diversità di pensiero, forma e materia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

VISIONI

Il mondo è un bellissimo posto / per nascere

Lawrence Ferlinghetti