31 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Spagna, Catalogna

Una situazione che sta rovinosamente precipitando, ci spinge a riflettere su quanto di drammatico sta accadendo. Tutto nasce da una crisi culturale e di civiltà. Non è possibile evitare il dialogo. Nella  transizione da una civiltà a un'altra di cui non si percepisce il senso, la convivenza delle culture non è una opzione, ma una necessità storica

Alfonso Pascale

Spagna, Catalogna

La Spagna e la Catalogna non possono evitare il dialogo
La crisi che stiamo vivendo è una crisi di cultura: una travagliata crisi di civiltà. Una drammatica transizione da una civiltà ad un'altra di cui non percepiamo il senso. Dipendono da questo la condizione d'incertezza, lo smarrimento, il silenzio. E allora conviene soffermarci sull'idea di cultura.

La cultura è agricoltura. Perché è seminagione, sedimentazione, cristallizzazione, attesa, ripetizione e istituzionalizzazione di comportamenti, aspettative, risposte e valori. E' coltivazione di sé, autoaffinamento, che ha bisogno dell’altro da sé. Non c'è coltivazione di sé senza la possibilità di comparare e comunicare per crescere, consolidare la consapevolezza di sé, comunicare con sé e il diverso da sé.

La cultura non è solo abitudine o usanza. E' risveglio, rispecchiamento e coscienza: la pupilla che vede se stessa nella pupilla dell’altro, il paesaggio che guarda me che lo guardo, la parola che ascolto e ripeto, la lingua che parla in me che la parlo. Parlo, e, mentre parlo, sono nello stesso momento parlato.

Debbo negarmi, nascondermi, marcire, come il seme nel buio del sottosuolo, per crescere e eventualmente fiorire. Ma ho bisogno della terra, del suo umidore, protettivo e insieme luogo del mio disfacimento, ombra di morte apparente e insieme liquido vitale.

Il soggetto non vive in un limbo. Ha un corpo che costituisce la sua residenza, il suo indirizzo specifico. E sta in un luogo ben delimitato con altri soggetti. E se il soggetto ha bisogno dell'altro per crescere, la convivenza delle culture non è una opzione. È una necessità storica. Si lega al dilemma crudele nella sua semplicità: dialogare o perire.

Vivere significa convivere. Interdipendiamo. Non è più possibile vincere. Si può solo convincere. Non si può più dominare. È inevitabile dialogare. Ma il dialogo non è un generico, per quanto generoso, "embrassons-nous". È, letteralmente, un “trapassarsi”, un corpo a corpo, a volte un duro, anche sgradevole, confronto.

La Spagna e la Catalogna non possono non dialogare. E il loro dialogo, il loro necessario dialogo è qualcosa che riguarda tutti noi. Non si può rimanere indifferenti. Se il mondo si è fatto interdipendente e i verbi "vincere" e "dominare" sono diventati obsoleti, "dialogare o perire" è un dilemma che ormai appartiene alla condizione umana.

 

 

In apertura una foto di Luigi Caricato: Olivi spagnoli o catalani?

Alfonso Pascale - 01-10-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

L’olio musicale

È un olio che racconta la passione della famiglia Mela per la musica ed è dedicato ai 70 anni del Festival di Sanremo. A raccontarlo, a Olio Officina festival 2020, Serena Mela, dell’azienda imperiese Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri