Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Spagna, Catalogna

Una situazione che sta rovinosamente precipitando, ci spinge a riflettere su quanto di drammatico sta accadendo. Tutto nasce da una crisi culturale e di civiltà. Non è possibile evitare il dialogo. Nella  transizione da una civiltà a un'altra di cui non si percepisce il senso, la convivenza delle culture non è una opzione, ma una necessità storica

Alfonso Pascale

Spagna, Catalogna

La Spagna e la Catalogna non possono evitare il dialogo
La crisi che stiamo vivendo è una crisi di cultura: una travagliata crisi di civiltà. Una drammatica transizione da una civiltà ad un'altra di cui non percepiamo il senso. Dipendono da questo la condizione d'incertezza, lo smarrimento, il silenzio. E allora conviene soffermarci sull'idea di cultura.

La cultura è agricoltura. Perché è seminagione, sedimentazione, cristallizzazione, attesa, ripetizione e istituzionalizzazione di comportamenti, aspettative, risposte e valori. E' coltivazione di sé, autoaffinamento, che ha bisogno dell’altro da sé. Non c'è coltivazione di sé senza la possibilità di comparare e comunicare per crescere, consolidare la consapevolezza di sé, comunicare con sé e il diverso da sé.

La cultura non è solo abitudine o usanza. E' risveglio, rispecchiamento e coscienza: la pupilla che vede se stessa nella pupilla dell’altro, il paesaggio che guarda me che lo guardo, la parola che ascolto e ripeto, la lingua che parla in me che la parlo. Parlo, e, mentre parlo, sono nello stesso momento parlato.

Debbo negarmi, nascondermi, marcire, come il seme nel buio del sottosuolo, per crescere e eventualmente fiorire. Ma ho bisogno della terra, del suo umidore, protettivo e insieme luogo del mio disfacimento, ombra di morte apparente e insieme liquido vitale.

Il soggetto non vive in un limbo. Ha un corpo che costituisce la sua residenza, il suo indirizzo specifico. E sta in un luogo ben delimitato con altri soggetti. E se il soggetto ha bisogno dell'altro per crescere, la convivenza delle culture non è una opzione. È una necessità storica. Si lega al dilemma crudele nella sua semplicità: dialogare o perire.

Vivere significa convivere. Interdipendiamo. Non è più possibile vincere. Si può solo convincere. Non si può più dominare. È inevitabile dialogare. Ma il dialogo non è un generico, per quanto generoso, "embrassons-nous". È, letteralmente, un “trapassarsi”, un corpo a corpo, a volte un duro, anche sgradevole, confronto.

La Spagna e la Catalogna non possono non dialogare. E il loro dialogo, il loro necessario dialogo è qualcosa che riguarda tutti noi. Non si può rimanere indifferenti. Se il mondo si è fatto interdipendente e i verbi "vincere" e "dominare" sono diventati obsoleti, "dialogare o perire" è un dilemma che ormai appartiene alla condizione umana.

 

 

In apertura una foto di Luigi Caricato: Olivi spagnoli o catalani?

Alfonso Pascale - 01-10-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo