Mercoledì 20 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Un frantoio chiavi in mano

Un grande successo per il Centro di eccellenza per l'olio d'oliva di Gea, che firma un contratto con il più grande oleificio nel Regno dell'Arabia Saudita. Il progetto supera i tre milioni di euro e offre una soluzione integrata che comprende ingegneria civile, automazione, processi, formazione e macchinari. L’iniziativa ha permesso di combinare gli sforzi di diversi costruttori di macchinari spagnoli per configurare una soluzione integrale per la National Agricultural Development Company, uno dei più grandi gruppi di produzione agricola del Medio Oriente e del Nord Africa

OO M

Un frantoio chiavi in mano

La gioia è più che comprensibile. Infatti in una nota stampa diffusa per conto di GEA Olive Oil, si manifesta in maniera palpabile l’orgoglio nell’annunciare la firma di uno dei più grandi contratti realizzato per la costruzione e fornitura di attrezzature industriali del più grande oleificio situato in Arabia Saudita, per un valore dell’operazione che supera i tre milioni di euro.

Il progetto guidato da GEA ha permesso di combinare gli sforzi di diversi costruttori di macchinari spagnoli per configurare una soluzione integrale, praticamente un frantoio "chiavi in ​​mano". Il contratto ha siglato con la National Agricultural Development Company (NADEC) uno dei più grandi gruppi di produzione agricola del Medio Oriente e del Nord Africa. 

NADEC è il più grande produttore di olio di oliva biologico nel Regno dell'Arabia Saudita e in Medio Oriente, e il progetto cui si fa riferimento è situato ad Al-Jouf e ha come obiettivo 5 milioni di olivi in agricoltura biologica in una singola azienda agricola di 3000 ettari. Tale progetto è il frutto della lunga e proficua collaborazione e relazione tra il gruppo NADEC e il gruppo GEA nei processi alimentari, e in particolare è nel ramo dei prodotti lattiero-caseari che ha manifestato il successo della prima fase del Progetto.

La seconda fase del progetto comprende invece un'espansione dell'impianto per l'olio d'oliva installato con successo già nella prima fase, nel 2016. La nuova cooperazione tra il gruppo NADEC e il gruppo GEA comprende l’ingegneria civile, l’ingegneria dell'automazione, nonché i processi e tutte le attrezzature industriali necessarie. 

"Diamo a NADEC una soluzione differenziata e integrata dalle mani di un unico fornitore", spiega Rafael Cárdenas, capo del Centro di eccellenza per l'olio d'oliva di GEA, con sede a Úbeda, in Spagna.

Una volta completato il processo di costruzione, questo impegno porterà al più grande e moderno frantoio in Asia, a conferma della leadership globale di GEA quando si tratta di progetti di grandi strutture operative legate all’olio d'oliva.

Il Gruppo GEA genera quasi 500 posti di lavoro diretti nella penisola iberica e ha otto centri di lavoro in Spagna e Portogallo, situati in importanti centri economici come Madrid, Barcellona, ​​Valencia, Huelva, Ubeda, Vigo e Lisbona. Inoltre, Gea è quotata alla borsa tedesca MDAX (G1A, WKN 660 200). 

GEA Iberia in particoare sviluppa un'intensa attività durante tutto , per migliorare la conoscenza del settore olivicolo a livello internazionale e per organizzare e sostenere azioni di formazione rivolte ai professionisti del settore dell'olio d'oliva.

OO M - 26-02-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Innovazioni. Fratelli Carli, la storica azienda olearia ligure, entra nel mondo digical - neologismo generato dalla crasi tra le parole “digital” e “physical” -  e allarga il numero di punti di contatto con la propria clientela. Dopo la vendita per corrispondenza, l’e-commerce e la catena retail degli Empori, l’azienda potenzia il proprio percorso verso l’omnicanalità e lancia a Monza il prototipo di self-machine refrigerata, dedicata ai piatti tipici della propria regione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria