Lunedì 27 Marzo 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > ritratti a olio

L’emozione di chi assaggia

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat


L’unione fa la forza

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci"


Il passato lascia tracce

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura


Sì alla terra e agli ulivi

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua


Un po’ d’olio per iniziare

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento”


Ulivi e parole

Ulivi e parole

La storia di Valeria Leotta, da traduttrice di testi letterari e saggi a olivicoltrice. Dalla distanza minima che serve per leggere dentro un libro, tra le righe, si passa alla distanza variabile con cui si guarda un uliveto. In Sicilia, tra Ribera e Sciacca. Con la ricetta del risotto agli agrumi e un racconto: La valanga di parole


La spremuta di Monini

La spremuta di Monini

Le famiglie dell’olio. E’ un cognome importante che riconduce immediatamente all’olio ricavato dalle olive. Dire Monini significa dire extravergine. E’ l’azienda che ci ha creduto più di tante, e ha lanciato la categoria merceologica quando ancora i consumi privilegiavano l’olio di oliva. Il marchio, riproducente una mano che spreme i frutti, resterà alla storia, per la grande efficacia comunicativa


Coltivare è come fotografare

Coltivare è come fotografare

Gavino Lo Giudice è capace di sciorinare un intero rosario di esistenze, tutte diverse e nessuna fuori luogo. Il mestiere di fotografo lo porta al nomadismo. Poi arriva Castelvetrano. La terra è un tavolo da ping pong. L’uliveto è nell'area Dop Valle del Belice


Saremo lasciati soli

Saremo lasciati soli

Produce vino e olio in Toscana Charlotte Horton, sulle pendici del Monte Amiata. Ha l’ossessione per l’estetica delle cose, ma si imbatte con una classe di politici/consulenti/dirigenti parassitari che vivono sul lavoro e sugli investimenti degli altri. Il suo sogno? Immaginare un’apocalisse in cui tutti i politici, burocrati e tecnocrati si trasformino magicamente in bellissimi olivi, diventando foresta verde in tutto il mondo!


Tenacia e perseveranza

Tenacia e perseveranza

Un vizio al quale Massimo Longo Adorno non intende rinunciare per niente al mondo? Svolgere un’attività imprenditoriale agricola. Un aspetto, questo, che, con i tempi che corrono, e con tutta la burocrazia che vi sta dietro, più che un vizio è una virtù. Si occupa prevalentemente di storia europea del Novecento, ma è un olivicoltore tra Sicilia e Calabria


Sono abituata alle sfide

Sono abituata alle sfide

Il riscatto più grande - sostiene Roberta Maccioni - è nelle nostre mani. Noi dobbiamo informare il consumatore finale, che è sempre più attento al fattore salutistico. Il mio sogno - dice - sarebbe di continuare a produrre in modo pulito, rispettando la natura, senza pastoie burocratiche


L’autenticità e l’esperienza

L’autenticità e l’esperienza

Figlia di olivicoltori da due generazioni, Laura Barnaba, laura in economia aziendale, crede in un agricoltura multifunzionale. “Una grave pecca delle nostre aziende agricole – dice – è la mancanza di equilibrio tra le aree funzionali: vedo tanti sforzi dedicati alla produzione, non altrettanti a commercializzazione, marketing, controllo di gestione e formazione”


Il mio olio è onesto

Il mio olio è onesto

Non sangue, ma olio nelle vene. Il primo incontro di Boris Pangerc con l’olivo e l’olio è stato traumatico, ma poi, dopo molti anni, si è tramutato in passione sfrenata. Al punto da trasformare anche la sua personalità, oltre che la sua stessa vita. La fulminazione sulla via dell’olio ha preso corpo nel 2001


Olivi vista lago

Olivi vista lago

L’azienda è piccola ma ben organizzata, si muove bene, non trascurando alcun particolare. La Cavagnina, a Villa di Salò, ritiene fondamentale puntare sulla denominazione di origine protetta Dop Garda. Francesco Balduzzi, dal mondo della moda a quello dell’olio, ritiene vi siano tutte le carte in regola per rappresentare una eccellenza


Puntare a un olio social

Puntare a un olio social

Abbracciare il mondo dell’olio e accettare la sfida, non da produttore, ma da intermediario. Veronica Motto, 26 anni, ci crede e scommette su se stessa. “Ho imparato a uscire dalla comfort zone e a rimettermi in gioco”, dice. La sua strada? I monocultivar. “Una volta che si prova un prodotto di qualità – precisa – non si riesce più a tornare indietro”


Sperare è un dovere di tutti

Sperare è un dovere di tutti

Nino Centonze è impegnato, in Sicilia, sul fronte del turismo rurale e della produzione d’olio. Senza sogni e obiettivi – dice – non si va da nessuna parte, ma sognare significa anche ponderare e, allo stesso tempo, considerare l’evolversi delle situazioni intorno a noi. Ho la responsabilità – conclude – di consegnare ai posteri uno dei paesaggi “archeo olivicoli” più rari al mondo


Esperienza e caparbietà

Esperienza e caparbietà

Il mio più grande vizio – ammette Salvatore Cutrera dalla Sicilia dei Monti Iblei – è il lavoro, proprio perché non distinguo il confine tra passione e sacrificio. Il mio lavoro è ciò che mi piace fare. Ed è proprio la passione il motore di tutto, specie nei periodi difficili”. Il ricordo dell’infanzia? “Il pianto di mio padre al suo esordio da frantoiano, all’uscita del primo olio dal separatore”


Ho realizzato il mio sogno

Ho realizzato il mio sogno

Adriana Zeriul è impegnata insieme con il marito Fior Rosso nell’azienda agricola di famiglia. Proprio un grande amore per l’olivo. Gli alberi svettano orgogliosi, l’olio che si ricava onora un lavoro condito di gioie e sacrifici. I tratti migliori della sua personalità? “Alzarmi presto al mattino e fare il meglio che posso”


L’olio, con un approccio laico

L’olio, con un approccio laico

E’ un giovane e determinato interior designer, non proviene da una famiglia legata alla terra, ma è molto legato alle proprie radici. Pasquale Bonsignore crede nelle scommesse, anche se la paura non manca. Non è facile intraprendere iniziative a rischio, ma non desiste. Non immagina di essere un produttore vero e proprio, quanto di assumere una identità nuova, che somigli a quella dell'editore/gallerista/collezionista


Pazienza e comprensione

Pazienza e comprensione

Dopo la tesi di laurea sul mercato mondiale degli oli da olive e il ruolo strategico delle organizzazioni dei produttori, Cosimo Damiano Guarini ha compreso che c'era qualcosa di strano nell’aria. Non si può pensare che il mondo dell'olio si riscatti parlando male dei suoi stessi attori. Ecco perché dedica il proprio tempo alla rinascita del settore


L’ulivo è cosa seria

L’ulivo è cosa seria

Non solo: è investito anche da un’aurea di sacralità. Per Ivana Artocchi sporcarsi le mani con la terra appartiene a un culto antico attraverso cui annullare di colpo il fardello del tempo. A Patti, la varietà più diffusa è il verdello, tipica della fascia tirrenica messinese


| 1 | 2 | 3 | >>

INOLTRE
OLTRE
PARTNERS
Coltura&Cultura Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

ALTRE INCURSIONI
DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 21 marzo 2017

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
Una “Meraviglia” d’olio

Una “Meraviglia” d’olio

Qualcuno ha avuto modo di conoscere l’artista delle maschere, Lory Masks Musizza? Non è soltanto nota per le sue creazioni che vanno a ruba, di cui ne fanno incetta anche i registi di film famosissimi. Lory, un’istriana croata, è anche una produttrice di oli d’eccellenza > Luigi Caricato

Quanto è buono l’olio della Tunisia

Quanto è buono l’olio della Tunisia

Si chiama Imperialis e si è imposto all’attenzione anche al Premio Le Forme dell'Olio 2017. A produrlo ad Hammamet è la famiglia Bichiou, che lo pone in commercio con il brand Tanit Mediterraneum. All’assaggio, la grande sorpresa. Un extra vergine di grande potenza ed eleganza, da olive Chemlali e Chetoui > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Ormai è una tappa fissa. Questo bulbo sta diventando un must. Basta poco per gioire dei sapori semplici. Sono sufficienti gli ingredienti essenziali, facili da reperire > Marco Damele

Insalata di broccoli, punte di fava, cipolla egiziana e fiori di calendula

Insalata di broccoli, punte di fava, cipolla egiziana e fiori di calendula

Avete mai pensato di preparare un’insalata raw? Si parte da ingredienti semplici, che bisogna sempre avere a portata di mano in questa stagione e iniziare a consumare crudi > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Appunti sull'olio di oliva

Appunti sull'olio di oliva

Una iniziativa lodevole dell'azienda olearia Nicola Pantaleo di Fasano di Puglia, orientata a fornire al consumatore una sorta di "istruzioni per l'uso". Già, perché in tanti consumano gli oli da olive, ma in pochi ne conoscono davvero le differenti qualità, ma soprattutto in pochi ne sanno riconoscere la qualità > Maria Carla Squeo

Pizzolivm, il primo extra vergine per la pizza napoletana

Pizzolivm, il primo extra vergine per la pizza napoletana

Nuove referenze. Olitalia si presenta con un 100% italiano il cui profilo organolettico è stato ideato, studiato e appositamente creato per condire e armonizzare gli ingredienti della vera pizza napoletana. Una iniziativa che ha permesso l’ingresso nell’Albo dei fornitori approvati dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, in conformità con quanto disposto dall’Università degli Studi “Federico II” di Napoli

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

La voce di chi crede nell’olivicoltura

La voce di chi crede nell’olivicoltura

“Benvenuti su InfoXylella”, è in questo modo che alcuni imprenditori e studiosi si aprono al mondo dei social per ritagliarsi un proprio spazio, difendendosi da chi ne ha usurpato per mesi ruolo e centralità, fingendosi amanti dell’olivo ma senza minimamente preoccuparsi delle sorti dell’olivicoltura. Per ora è una pagina facebook, a breve anche un sito internet di pura e corretta informazione

OO VIDEO

In grazia di Dio, la vita al tempo della crisi

Un momento dell'incontro con il regista Edoardo Winspeare, nell'ambito di Olio Officina Festival 2014, dove aveva presentato il suo ultimo film, con il quale ha partecipato, per l'Italia, al festival di Berlino. In questa pellicola, il regista racconta di una famiglia costretta dalla crisi a chiudere l'azienda e a trasferirsi in campagna. Nonostante le difficoltà e le asprezze della vita nei campi, i protagonisti ritrovano le serenità e il senso della vita comunitaria (Prima parte)

BIBLIOTECA OLEARIA
Olio Officina Almanacco 2017

Olio Officina Almanacco 2017

È in libreria il quinto numero dell'annuario dedicato al mondo degli oli da olive, ma anche, per estensione, a temi inerenti la sfera alimentare e la ruralità. Una pubblicazione della nostra casa editrice

Olio Officina Almanacco 2016

Olio Officina Almanacco 2016

Quanti di voi hanno letto l’annuario dello scorso anno? Un ricco indice con autori di varia formazione, valorizza un percorso culturale necessario per quanti si occupano di oli da olive, ma anche di temi inerenti l’alimentazione in un senso più generale ed estensivo