Lunedì 14 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > ritratti a olio

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura

Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

Sono poco più di 25 mila gli olivi che la famiglia Clarici di Foligno coltiva su circa 100 ettari di proprietà. Nel loro frantoio, sede un tempo di un antico convento, moliscono solo olive dell'azienda. Non è un frantoio tra i tanti. Risale al 1874, l’anno della fondazione. Gli olivi sono ubicati a est di Foligno, da Colpersico all’abbazia di Sassovivo. Se non hanno olive proprie, come lo scorso anno, non aprono nemmeno il frantoio. “Vogliamo conoscere ogni singola oliva”, ammette Pietro Clarici, classe 1982 e tanta voglia di portare avanti la tradizione di famiglia.

La tradizione. Già. C’è una tradizione antica e ben radicata, cui non vogliono in nessun caso rinunciare e desistere i Clarici. Anche oggi che l’Italia non è più l’Italia olearia di un tempo. Loro appaiono sempre motivati, come d’altra parte si evince dall’incontro che abbiamo avuto con loro lo scorso sabato, in azienda.

I nomi di battesimo, per i maschi di casa Clarici, si sono sempre alternati: ora Pietro, ora Domenico. A parte Pietro Domenico, i cui figli – Pietro, appunto, con la sorella Maria Elisabetta – proseguono oggi, insieme con i genitori, l’attività dei loro avi. L’olio ce l’hanno nel sangue. Sono giunti alla quinta generazione. Avevano anche un sansificio, in passato. L’avranno chiuso intorno agli anni ’30. Non ne hanno memoria, ma le pareti della loro azienda in compenso sono piene di medaglie, con tanti ricordi che, a rievocarli, fanno emozionare il padre Pietro Domenico.

Sono tracce del passato che non si dimenticano. Avevano partecipato a molte esposizioni internazionali, in tempi in cui in pochi avevano relazioni commerciali oltre i confini del proprio Paese. Sono stati tra i primi a confezionare il proprio olio in bottiglia; e ora si sono imposti di valorizzare i vasti locali che un tempo erano impiegati interamente per celebrare e onorare l’olio di famiglia.

La storia oggi prosegue, inarrestabile, custodendola per non disperderla. La conservano nelle parole di ogni giorno, come pure nell’archivio di famiglia di cui sono fortemente orgogliosi. Non vogliono assolutamente perdere il legame con il passato, ma sono nel contempo proiettati al futuro. Sono storie di famiglia, queste, vale la pena riviverle e condividere, attraverso le immagini, un passato che è un passato che serve a risvegliare in tutti noi l’orgoglio di una intera nazione che ha fondato nell’olivo il proprio imprinting di popolo.

Scene dall'archivio storico di casa Clarici

Luigi Caricato - 03-11-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

L’interessante progetto europeo Compolive, pensato per la creazione di nuovi composti derivati dal residuo di potatura delle olive. Ora i nuovi biomateriali da sviluppare saranno più sostenibili e sono programmati per molte applicazioni industriali. Tutto ciò rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo