Mercoledì 12 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > ritratti a olio

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura

Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

Sono poco più di 25 mila gli olivi che la famiglia Clarici di Foligno coltiva su circa 100 ettari di proprietà. Nel loro frantoio, sede un tempo di un antico convento, moliscono solo olive dell'azienda. Non è un frantoio tra i tanti. Risale al 1874, l’anno della fondazione. Gli olivi sono ubicati a est di Foligno, da Colpersico all’abbazia di Sassovivo. Se non hanno olive proprie, come lo scorso anno, non aprono nemmeno il frantoio. “Vogliamo conoscere ogni singola oliva”, ammette Pietro Clarici, classe 1982 e tanta voglia di portare avanti la tradizione di famiglia.

La tradizione. Già. C’è una tradizione antica e ben radicata, cui non vogliono in nessun caso rinunciare e desistere i Clarici. Anche oggi che l’Italia non è più l’Italia olearia di un tempo. Loro appaiono sempre motivati, come d’altra parte si evince dall’incontro che abbiamo avuto con loro lo scorso sabato, in azienda.

I nomi di battesimo, per i maschi di casa Clarici, si sono sempre alternati: ora Pietro, ora Domenico. A parte Pietro Domenico, i cui figli – Pietro, appunto, con la sorella Maria Elisabetta – proseguono oggi, insieme con i genitori, l’attività dei loro avi. L’olio ce l’hanno nel sangue. Sono giunti alla quinta generazione. Avevano anche un sansificio, in passato. L’avranno chiuso intorno agli anni ’30. Non ne hanno memoria, ma le pareti della loro azienda in compenso sono piene di medaglie, con tanti ricordi che, a rievocarli, fanno emozionare il padre Pietro Domenico.

Sono tracce del passato che non si dimenticano. Avevano partecipato a molte esposizioni internazionali, in tempi in cui in pochi avevano relazioni commerciali oltre i confini del proprio Paese. Sono stati tra i primi a confezionare il proprio olio in bottiglia; e ora si sono imposti di valorizzare i vasti locali che un tempo erano impiegati interamente per celebrare e onorare l’olio di famiglia.

La storia oggi prosegue, inarrestabile, custodendola per non disperderla. La conservano nelle parole di ogni giorno, come pure nell’archivio di famiglia di cui sono fortemente orgogliosi. Non vogliono assolutamente perdere il legame con il passato, ma sono nel contempo proiettati al futuro. Sono storie di famiglia, queste, vale la pena riviverle e condividere, attraverso le immagini, un passato che è un passato che serve a risvegliare in tutti noi l’orgoglio di una intera nazione che ha fondato nell’olivo il proprio imprinting di popolo.

Scene dall'archivio storico di casa Clarici

Luigi Caricato - 03-11-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti