Mercoledì 03 Giugno 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > ritratti a olio

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura

Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

Sono poco più di 25 mila gli olivi che la famiglia Clarici di Foligno coltiva su circa 100 ettari di proprietà. Nel loro frantoio, sede un tempo di un antico convento, moliscono solo olive dell'azienda. Non è un frantoio tra i tanti. Risale al 1874, l’anno della fondazione. Gli olivi sono ubicati a est di Foligno, da Colpersico all’abbazia di Sassovivo. Se non hanno olive proprie, come lo scorso anno, non aprono nemmeno il frantoio. “Vogliamo conoscere ogni singola oliva”, ammette Pietro Clarici, classe 1982 e tanta voglia di portare avanti la tradizione di famiglia.

La tradizione. Già. C’è una tradizione antica e ben radicata, cui non vogliono in nessun caso rinunciare e desistere i Clarici. Anche oggi che l’Italia non è più l’Italia olearia di un tempo. Loro appaiono sempre motivati, come d’altra parte si evince dall’incontro che abbiamo avuto con loro lo scorso sabato, in azienda.

I nomi di battesimo, per i maschi di casa Clarici, si sono sempre alternati: ora Pietro, ora Domenico. A parte Pietro Domenico, i cui figli – Pietro, appunto, con la sorella Maria Elisabetta – proseguono oggi, insieme con i genitori, l’attività dei loro avi. L’olio ce l’hanno nel sangue. Sono giunti alla quinta generazione. Avevano anche un sansificio, in passato. L’avranno chiuso intorno agli anni ’30. Non ne hanno memoria, ma le pareti della loro azienda in compenso sono piene di medaglie, con tanti ricordi che, a rievocarli, fanno emozionare il padre Pietro Domenico.

Sono tracce del passato che non si dimenticano. Avevano partecipato a molte esposizioni internazionali, in tempi in cui in pochi avevano relazioni commerciali oltre i confini del proprio Paese. Sono stati tra i primi a confezionare il proprio olio in bottiglia; e ora si sono imposti di valorizzare i vasti locali che un tempo erano impiegati interamente per celebrare e onorare l’olio di famiglia.

La storia oggi prosegue, inarrestabile, custodendola per non disperderla. La conservano nelle parole di ogni giorno, come pure nell’archivio di famiglia di cui sono fortemente orgogliosi. Non vogliono assolutamente perdere il legame con il passato, ma sono nel contempo proiettati al futuro. Sono storie di famiglia, queste, vale la pena riviverle e condividere, attraverso le immagini, un passato che è un passato che serve a risvegliare in tutti noi l’orgoglio di una intera nazione che ha fondato nell’olivo il proprio imprinting di popolo.

Scene dall'archivio storico di casa Clarici

Luigi Caricato - 03-11-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Comunicare l’identità attraverso il packaging

La comunicazione è come una etichetta, deve essere “appiccicata” al prodotto ed esprimere piena aderenza con la natura del prodotto stesso, il brand e il territorio. Il pensiero di Antonio Mele, creative director, nell’ambito di Olio Officina Festival 2020

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri