Giovedì 25 Aprile 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > ritratti a olio

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura

Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

Sono poco più di 25 mila gli olivi che la famiglia Clarici di Foligno coltiva su circa 100 ettari di proprietà. Nel loro frantoio, sede un tempo di un antico convento, moliscono solo olive dell'azienda. Non è un frantoio tra i tanti. Risale al 1874, l’anno della fondazione. Gli olivi sono ubicati a est di Foligno, da Colpersico all’abbazia di Sassovivo. Se non hanno olive proprie, come lo scorso anno, non aprono nemmeno il frantoio. “Vogliamo conoscere ogni singola oliva”, ammette Pietro Clarici, classe 1982 e tanta voglia di portare avanti la tradizione di famiglia.

La tradizione. Già. C’è una tradizione antica e ben radicata, cui non vogliono in nessun caso rinunciare e desistere i Clarici. Anche oggi che l’Italia non è più l’Italia olearia di un tempo. Loro appaiono sempre motivati, come d’altra parte si evince dall’incontro che abbiamo avuto con loro lo scorso sabato, in azienda.

I nomi di battesimo, per i maschi di casa Clarici, si sono sempre alternati: ora Pietro, ora Domenico. A parte Pietro Domenico, i cui figli – Pietro, appunto, con la sorella Maria Elisabetta – proseguono oggi, insieme con i genitori, l’attività dei loro avi. L’olio ce l’hanno nel sangue. Sono giunti alla quinta generazione. Avevano anche un sansificio, in passato. L’avranno chiuso intorno agli anni ’30. Non ne hanno memoria, ma le pareti della loro azienda in compenso sono piene di medaglie, con tanti ricordi che, a rievocarli, fanno emozionare il padre Pietro Domenico.

Sono tracce del passato che non si dimenticano. Avevano partecipato a molte esposizioni internazionali, in tempi in cui in pochi avevano relazioni commerciali oltre i confini del proprio Paese. Sono stati tra i primi a confezionare il proprio olio in bottiglia; e ora si sono imposti di valorizzare i vasti locali che un tempo erano impiegati interamente per celebrare e onorare l’olio di famiglia.

La storia oggi prosegue, inarrestabile, custodendola per non disperderla. La conservano nelle parole di ogni giorno, come pure nell’archivio di famiglia di cui sono fortemente orgogliosi. Non vogliono assolutamente perdere il legame con il passato, ma sono nel contempo proiettati al futuro. Sono storie di famiglia, queste, vale la pena riviverle e condividere, attraverso le immagini, un passato che è un passato che serve a risvegliare in tutti noi l’orgoglio di una intera nazione che ha fondato nell’olivo il proprio imprinting di popolo.

Scene dall'archivio storico di casa Clarici

Luigi Caricato - 03-11-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Un vino alto atesino di una storica azienda attiva sin dal 1675, ottenuto da un vitigno autoctono di grande qualità che andrebbe rivalutato. Le prime sensazioni sono di frutta rossa matura, leggermente speziato, pepe bianco, lampone, fragoline di bosco, prugna con note balsamiche > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

È stato presentato in occasione del World Art Day, lo scorso 15 aprile, la seconda edizione del premio internazionale per le arti visive. Al centro, il legame perfetto tra la maestria del brand nell’esaltare le diverse varietà di olivi che danno luogo ai diversi oli da olive e la capacità dell’arte di armonizzare le diversità di pensiero, forma e materia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

VISIONI

Il mondo è un bellissimo posto / per nascere

Lawrence Ferlinghetti