Giovedì 25 Aprile 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > ritratti a olio

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci"

Luigi Caricato

L’unione fa la forza

Le bottiglie hanno una propria identità. L’imprinting è comune: la ricerca della qualità alta. Si confeziona sotto ilmarchio come “Da Vinci” solo gli oli che posseggono caratteristiche di gran pregio. Sono tre le aziende agricole, tutte ubicate nel comune di Vinci, in provincia di Firenze. Siamo nel paese che ha dato i natali al grande genio Leonardo, per intenderci.

I tre intraprendenti pionieri del marchio comune sono Carlo Bianchi, Giampaolo Lupi e Domenico Fazio. Sono uniti da una passione per la pianta dell’olivo, ma sono coltivatori anche da buone idee, e soprattutto hanno idee chiare sul marketing e su come di debba agire oggi sul mercato, di fronte a un eccesso di polverizzazione di marchi.

Il progetto è appena iniziato e rappresenta il suo esordio in scena. Ha avuto inizio proprio i primissimi giorni del 2015 quale reazione alla terribile e infausta olivagione 2014. “Tutti – ci spiega Domenico Fazio – condividevamo il fatto che sperare che cose del genere non si ripetessero senza fare nulla non aveva senso. I disastri naturali – aggiunge – non si possono evitare, ma si possono limitare le conseguenze affrontando la realtà con un approccio professionale e mezzi adeguati”.

Sembra un passo scontato, ma non è così. L’unione fa la forza, ma non tutti lo ncomprendono. C’è una riluttanza da parte degli italiani, per lo meno da parte della gran parte di essi. Ma non per tutti. “Di fronte a quanto è accadurto lo scorso anno, abbiamo compreso che per fronteggiare l’emergenza sarebbero stati necessari investimenti che da soli non ci saremmo potuti permettere, quindi – chiarisce Domenico fazio – abbiamo deciso di unire le forze verificando la condivisione di obiettivi, che collimavano perfettamente nel cercare di essere innovativi e cercare nel contempo la massima qualità, lavorando in tal senso nel coltivare le olive e nel trasformarle in impianti che ci permettessero di esaltare le qualità organolettiche, comunicando nel medesimo tempo una immagine non allineata alle immagini più convenzionali”.

L’impegno si è ben presto concretizzato, come è possibile vedere dalla foto di apertura, cpon le tre bottiglie. “La quantità congiunta di olio extra vergine di oliva – spiega Fazio, parlando anche a nome dei colleghi Bianchi e Lupi – ci permette di garantire continuità sul mercato e sostenere gli investimenti necessari per avere la minima visibilità”.

Le tre aziende sono ubicate in un territorio altamente vocato all’olivicoltura. I terreni si estendono sulle colline del Montalbano, nel comune di Vinci, per più di quaranta ettari, in parte coltivati a uliveto tradizionale, in parte a oliveto specializzato intensivo, con una produzione stimata di circa quindici tonnellate di olio l’anno.

Le varietà presenti nelle tre aziende sono le caratteristiche cultivar toscane, rappresentate dalla celebre triade Frantoio, Moraiolo e Leccino. “La forte presenza di piante Moraiolo – precisa Fazio – conferisce in particolare la nota peculiare di fruttato intenso all’olio che produciamo”. E aggiunge: “Abbiamo concordato di effettuare raccolte selettive per l'olio destinato al condizionamento con il marchio Da Vinci - Desire Collection. E abbiamo anche deciso di togliere il Leccino dal blend, lasciando duqnue i soli oli ricavati da Moraiolo, per il 60%, e da olive Frantoio, per il restante 40%”. Questa è la storia di una bella ed edificante idea che si è resa concreta dalla determinazione di tre appasionati cultori della qualità degli oli. Lavorare per ottenere un olio di qualità è solo il primo passo, occorre anche marciare insieme, condividere, credere a un progetto comune e condiviso, e loro, Carlo Bianchi, Giampaolo Lupi e Domenico Fazio, lo hanno fatto, e con buoni, anzi ottimi risultati, da come si evince dalle degustazioni effettuate. Che vi proponiamo di seguito, così da farsi un’idea del profilo sensoriale.

IL SAGGIO ASSAGGIO

Verde, non ancora limpido giacché fresco di frangitura, si apre al naso con note fruttate intense, dalle connotazioni erbacee. Al palato ha buona fluidità e una sensazione avvolgente, con amaro e piccante netti e ben dosati, dal gusto vegetale di carciofo e lieve percezione astringente.

 

Luigi Caricato - 29-11-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Un vino alto atesino di una storica azienda attiva sin dal 1675, ottenuto da un vitigno autoctono di grande qualità che andrebbe rivalutato. Le prime sensazioni sono di frutta rossa matura, leggermente speziato, pepe bianco, lampone, fragoline di bosco, prugna con note balsamiche > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

È stato presentato in occasione del World Art Day, lo scorso 15 aprile, la seconda edizione del premio internazionale per le arti visive. Al centro, il legame perfetto tra la maestria del brand nell’esaltare le diverse varietà di olivi che danno luogo ai diversi oli da olive e la capacità dell’arte di armonizzare le diversità di pensiero, forma e materia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

VISIONI

Il mondo è un bellissimo posto / per nascere

Lawrence Ferlinghetti