30 Aprile 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > ritratti a olio

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento”

Nicola Dal Falco

Un po’ d’olio per iniziare

Da cinquant’anni non manca mai un piattino d’olio extra vergine sul tavolo, un piccolo sole che ti fissi, con accanto il pane. Pane e olio per iniziare, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Prima viene l’olio e insieme a lui il pane quotidiano, fatto solo con farine biologiche e senza lievito di birra.
Così è, quando siedi, a Milano, al ristorante di Aimo e Nadia o meglio, nel Luogo di Aimo e Nadia, spazio definito in senso fisico e spirituale.

“Ogni volta che mi chiedono il perché – spiega Aimo Moroni – rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute.
L’aspetto arcaico, solenne e sentimentale dell’olio affiora nel ricordo di mia nonna che, allineando pane, aglio, olio, aceto, sale e pepe, annunciava che quella sera si cenava a pan unto.
Cena da mezzadri, tra guerra e dopoguerra. Con l’unto c’era un pane che, quando cuoceva nel forno, ne sentivi l’odore a due chilometri di distanza!
Bontà schietta, ma rara, perché il pane bianco era cibo domenicale mentre la polenta, che costava la metà, si usava tutti i santi giorni. Perciò, quando partii a quattordici anni, i vicini e i conoscenti, chiedendo che fine avessi fatto si sentivano, e a ragione, rispondere che ero andato a Milano a guadagnarmi il pane”.

Un tono di voce magistrale

La voce è sempre un dono, un dettaglio che avvicina all’ascolto. Quella di Aimo Moroni è levigata e tonda, senza particolari inflessioni, ma con il gusto di piazzare battute in dialetto milanese. Sempre un tono più basso, cordiale, che, però, sale e si affila appena si precisa un pensiero, si evoca un’esperienza formativa, si racconta una storia.
Un tono di voce magistrale, frutto di fervore metodico, di consapevolezza retorica, che non azzarda, ma sviscera e pesa: lui di Pescia che dopo Milano è stato a Kyoto, a New York, a Mosca, Parigi, gente del contado lucchese, città-stato di mercanti e di artigiani viaggiatori.
Quando gli chiedo cosa vuol dire, secondo lui, fare cucina creativa, replica così:
“Credo che i comunicatori abbiamo fin troppo enfatizzato la capacità creativa che, anziché mostrare il lato eccezionale di un piatto, è diventata un sinonimo di modernità e di bontà.
Ricordo che una volta, un signore mi magnificava alcuni piatti creativi come il vermicello con salsa wasabi e alghe fritte e il coniglio farcito al fois gras. Gli dissi – e forse ero un po’ allegro – di venire al mio ristorante, che lo avrei invitato ad una degustazione di caffè, accompagnata con un trito di prezzemolo e aglio… riuscii a farlo sorridere”.
L’aneddoto sulla cucina creativa è, invece, serio, perché coinvolge l’altissimo concetto che Aimo Moroni ha della spesa, dove il piacere della scoperta non è esotico, ma ha il gusto di una peregrinazione attraverso terre incognite, cariche di tesori.
Per spiegarlo, bisogna fare, nuovamente un passo indietro, alla fonte stessa della conoscenza. Prima di sapere di cibo occorre, infatti, aver assaggiato in modo che la mente attinga ad un repertorio certo di sapori.

Il vantaggio dell’età

“Il vantaggio di avere qualche primavera sulle spalle – sottolinea Moroni – è di ricordare il sapore originario delle cose, legato alle stagioni, ritmato sul tempo dei campi e della natura. Una scuola del palato, che non dimentichi più: il coniglio nel gabbione, i piccioni accanto alla finestra, le pollastrelle di primo canto, le uova nel corbello”.
Non è la visione di un’arcadia scomparsa, ma una vera e propria mappa che aiuta a distinguere tra ciò che è buono e cattivo ed anche tra ciò che è buono e mediocremente buono.
“Aver osservato, ascoltato, annusato, assaggiato, ma anche palpato – continua Moroni – mi permette di vedere al volo se un carciofo ha tre giorni di vita o arriva direttamente dal campo, se gli spinaci sono coltivati in maniera intensiva, se la cipolla rossa di Tropea è quella giusta, fino a sapere dall’odore se il brodo è salato o meno. Resto, insomma, debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento.
Alla fine, tutto questo fa sì che Umberto Veronesi, assaggiando la mia zuppa etrusca, preparata con tre tipi di cavolo, bieta, fagioli e farro della Garfagnana, possa esclamare che al ristorante del sottoscritto si vende sapore e salute.

Aimo Moroni che ha girato nei mercati, che è partito prima dell’alba per avere quei funghi e solo quelli, appena usciti dal bosco, che ha imparato a matare e squartare un bovino, conoscendo la carne in ogni sua fibra, che elenca i suoi fornitori come Omero i popoli e i re sotto le mura di Troia, ha soprattutto un desiderio. Riuscire a trasmettere l’arte della spesa che è insieme conoscenza impeccabile delle materie prime, amore del prossimo e amore in cucina.
Alimento è salute come affermava il grande Ippocrate.

 

Il testo qui riportato è stato pubblicato su Olio Officina Almanacco 2014. Aimo Moroni è stato tra l'altro ospite di Olio Officina Festival 2015, intervistato dallo stesso autore del testo, Nicola Dal Falco

 

Nicola Dal Falco - 18-08-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il mio nome è Italo

Il mio nome è Italo

Un extra vergine abruzzese, frutto di un blend di oli ottenuti da ben cinque cultivar, tra cui la celebre Dritta. All’assaggio l’olio si presenta morbido, senza venir meno alle connotazioni fruttate, che gli attribuiscono corpo e personalità. Versatile, dall'ottimo rapporto qualità, prezzo e rendimento. Reca la firma Fattoria del Torquato > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Ormai è una tappa fissa. Questo bulbo sta diventando un must. Basta poco per gioire dei sapori semplici. Sono sufficienti gli ingredienti essenziali, facili da reperire > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il sepolcro vuoto

Il sepolcro vuoto

Maria di Magdala. Gli evangelisti ne parlano come una delle donne che accompagnavano e assistevano Gesù e che furono presenti nei momenti drammatici della sua passione e morte. Di lei in particolare si precisa, per ben due volte, che era stata liberata da sette demoni > Sante Ambrosi

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

OO VIDEO

In grazia di Dio, la vita al tempo della crisi

Un momento dell'incontro con il regista Edoardo Winspeare, nell'ambito di Olio Officina Festival 2014, dove aveva presentato il suo ultimo film, con il quale ha partecipato, per l'Italia, al festival di Berlino. In questa pellicola, il regista racconta di una famiglia costretta dalla crisi a chiudere l'azienda e a trasferirsi in campagna. Nonostante le difficoltà e le asprezze della vita nei campi, i protagonisti ritrovano le serenità e il senso della vita comunitaria (Prima parte)

BIBLIOTECA OLEARIA
Tre autori per un libro. Protagonista l’olio extra vergine di oliva

Tre autori per un libro. Protagonista l’olio extra vergine di oliva

Sono Marco Larentis, Simona De Nicola e Stefano Bonamico, a firmare un libro illustrato per le edizioni Hoepli. Diventato un prodotto "cult della moderna interpretazione della alimentazione consapevole”, il succo di olive è ormai al centro dell’attenzione generale > Luigi Caricato