Martedì 19 Giugno 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > sociale

Le fattorie sociali

Stanno assumendo un ruolo sempre più importante. Sono utili. Sono preziose. Sono da valorizzare. In Italia sono centinaia e mettono insieme attività agricole e servizi alle persone

Alfonso Pascale

Le fattorie sociali

In Italia ci sono centinaia di fattorie sociali che mettono insieme attività agricole e servizi alle persone: inserimento lavorativo di persone con disagi o svantaggi; servizi terapeutici e riabilitativi; servizi rivolti all’infanzia, ai minori in difficoltà, agli anziani e ai migranti.

I ritmi naturali della campagna, la semplicità e molteplicità dei lavori agricoli, il contatto con la terra e con gli animali, le particolari relazioni interpersonali che si stabiliscono nei territori rurali sono tutti elementi che contribuiscono a migliorare la felicità delle persone.

Le forme adottate sono di tipo imprenditoriale o di cittadinanza attiva. Dunque non solo aziende agricole ma anche orti ricoperti da pannelli fotovoltaici sui tetti, centri ippici, asinerie e hobby farmer’s. Interagiscono con strutture pubbliche e private: reti socio-sanitarie e per le tossicodipendenze, amministrazione penitenziaria, associazioni di familiari di persone in difficoltà, comunità di accoglienza, scuole, parchi, centri anziani, strutture che ospitano immigrati.

Le fattorie sociali creano mercati civili per garantire la sostenibilità economica ai loro progetti. Promuovono Gruppi di Acquisto Solidale (GAS) e accordi con le istituzioni per rifornire mense collettive. Hanno propri spazi nei farmer’s market delle città. Sono pratiche che inducono innovazione sociale perché riguardano forme di produzione, scambio e consumo capaci di rispondere a nuovi bisogni sociali, mediante un cambiamento delle relazioni tra le persone.

Dal 2005 tali esperienze si raccolgono nella Rete Fattorie Sociali che recentemente ha collaborato con il Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) all’elaborazione del Parere d’iniziativa sul tema “Agricoltura sociale: terapie verdi e politiche sociali e sanitarie”, oltre che con la Commissione Agricoltura della Camera all'elaborazione della proposta di legge "Disposizioni in materia di agricoltura sociale" attualmente all'esame del Senato.

 

La foto di apertura è di WHS, Francesco Buccarelli e Alberto Caroppo

Alfonso Pascale - 01-01-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Summer Fancy Food 2018, Oleificio Zucchi nella Grande Mela

Summer Fancy Food 2018, Oleificio Zucchi nella Grande Mela

In scena al Javits Center di New York dal 30 giugno al 2 luglio, il principale evento fieristico del Nordamerica riservato ai buyer del settore agroalimentare

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La cultura dell’olio attraverso gli chef

Il mondo della ristorazione oggi è molto vivace, dinamico e attento. A sostenerlo, in una intervista rilasciata nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione (a Milano, il 28 maggio 2018), è stata Maria Francesca Di Martino. Preziose le sue considerazioni, molto utili al fine di capire come procedere con un corretto impiego degli oli extra vergini di oliva in cucina. Ed ecco allora, dalla Puglia, gli oli a marchio “Schinosa”: gli extra vergini da olive Coratina, più complessi e non adatti a tutti gli utilizzi, e quelli ottenuti invece dalla cultivar Peranzana, molto più morbidi e facili da abbinare

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese