31 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > sociale

Mai sprecare cibo

Anche l’industria e il mondo della distribuzione sprecano. Non è possibile però proseguire in tale direzione senza far nulla. Occorre limitare i danni e migliorare l’efficienza della catena alimentare. Le conseguenze non sono soltanto etiche, economiche, sociali e nutrizionali, ma anche sanitarie e ambientali. L’attuale normativa italiana collide con la politica di lotta allo spreco alimentare e va necessariamente rivista e perfezionata

Antonella Carbone

Mai sprecare cibo

Il Parlamento Europeo è fortemente impegnato a costruire rilevanti strategie per migliorare l’efficienza della catena alimentare ed in tal modo cercare di limitare lo spreco alimentare, tenuto conto che, entro il 2020, il totale dei rifiuti alimentari aumenterà di circa 26 milioni di tonnellate (ovvero del 40%); che lo spreco di alimenti ha conseguenze non solo etiche, economiche, sociali e nutrizionali, ma anche sanitarie ed ambientali e che la riduzione dello spreco alimentare costituisce un elemento fondamentale per la lotta alla fame nel mondo, visto che ogni anno solo in Europa viene gettato o sprecato circa il 50% del cibo prodotto. Si è registrato che nel mondo industrializzato, uno spreco pro capite di cibo è pari a circa 95/115 kg all’anno, contro i 6/11 kg a testa dell’africa subsahariana e si è monitorato che nei paesi industrializzati, lo spreco maggiore è collegato alla fase della distribuzione oltre che di consumo, laddove invece, nei paesi in via di sviluppo, lo spreco maggiore è connesso alle fasi della produzione agricola.

Le strategie proposte dal Parlamento Europeo (si veda la Risoluzione 2011/2175 INI) sono le seguenti: valutazione dell’impatto di una politica coercitiva in materia di sprechi alimentari; consentire ai dettaglianti di abbassare fino al sottocosto il prezzo dei prodotti freschi prossimi alla scadenza; migliorare la trasformazione, l’imballaggio ed il trasporto dei beni alimentari; recupero e redistribuzione dei prodotti rimasti invenduti e scartati lungo l’intera filiera alimentare per aiutare le categorie più deboli ed, in generale, politiche relative al miglior utilizzo dei rifiuti, laddove possibile.

In Italia operano, nel settore della trasformazione alimentare, circa 70.000 aziende ed è stata registrata un’eccedenza alimentare (2012) di 81.400 tonnellate su una produzione di circa 45 milioni di tonnellate e sempre in Italia esistono, quanto alla distribuzione degli alimenti, ben 19.500 supermercati (70% del mercato), poi 175.000 negozi tradizionali ed infine 29.000 ambulanti, con uno scarto di 777.000 tonnellate annue (11.6% del totale).

Nella nostra nazione, quindi, sono state opportunamente identificate alcune principali, sebbene non esclusive, cause di spreco nella industria alimentare e nella distribuzione. Esse sono: la conservazione inadeguata del prodotto (catena del freddo interrotta; contaminazioni); la gestione scorretta delle scorte gli scarti di lavorazione; gli invenduti o resi, a cui si ricollega l’iperproduzione di massa; presenza di inefficaci clausole contrattuali vincolanti (come ad esempio, la «clausola dei resi») e normativa fiscale inadeguata.

Per ovviare il pericolo dello spreco alimentare, pertanto, è auspicabile che vengano realizzati e perfezionati canali distributivi alternativi per le eccedenze dei prodotti alimentari; poi, regole precise sul compostaggio; effettive politiche di tassazione sugli sprechi e defiscalizzazione per comportamenti virtuosi; promozione dello sfuso da parte dei distributori; imballaggi intelligenti; normativa che obblighi alla redistribuzione o riuso degli alimenti in scadenza (ad esempio, per l’alimentazione animale); politiche di marketing appropriate; donazione dell’invenduto e delle eccedenze ad enti caritatevoli ed Onlus, oltre che, infine, svendita delle eccedenze dell’invenduto. L’attuale esistente normativa italiana, invece, collide con la politica di lotta allo spreco alimentare e va quindi necessariamente rivista e perfezionata.

 

LEGGI ANCHE

Perché tanto spreco di cibo

 

La foto di apertura, di Luigi Caricato, riporta un particolare di una installazione di Eugenia Scaglioni, presente alla mostra collettiva di Arte da Mangiare, Orto d'Artista dalla semina al raccolto

 

 

 

 

Antonella Carbone - 15-12-2015 - Tutti i diritti riservati

Antonella Carbone

Avvocato iscritto all’Albo di Milano, ha fondato, insieme con gli avvocati Massimo Montanari e Gennaro Colangelo, il Centro Studi Diritto Alimentare.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

L’olio musicale

È un olio che racconta la passione della famiglia Mela per la musica ed è dedicato ai 70 anni del Festival di Sanremo. A raccontarlo, a Olio Officina festival 2020, Serena Mela, dell’azienda imperiese Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri