Giovedì 18 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > sociale

Oltre le chiudende

Sono un elemento importante della storia della Sardegna. Le antiche pietre dei nuraghi, impiegate un tempo per edificarle, sono oggi riutilizzate per erigere laboratori e centri di accoglienza. Così, da simboli di egoismo, potrebbero adesso tramutarsi in simboli di fraternità

Alfonso Pascale

Oltre le chiudende

Mercoledì 25 novembre parteciperò all’incontro sull’agricoltura sociale organizzato a Macomer, in provincia di Nuoro, dal Gal Marghine. L’agricoltura sarda è caratterizzata da una tradizione millenaria di pratiche solidali e di mutuo aiuto. In quest’isola l’ospitalità è più antica delle chiudende che furono incoraggiate con il regio editto del 6 ottobre 1820.

È noto che a seguito di quel provvedimento furono recintati con muri a secco anche molti terreni soggetti a servitù di pascolo, di passaggio, di fontana e di abbeveratoio. E si determinò in tal modo un’erosione significativa di beni relazionali e di capitale sociale perché si ridussero le occasioni di incontro tra le persone.

Si sottolinearono e precisarono anche certi contrasti di geocrazia naturale. Le zone dove pastorizia e agricoltura erano mescolate e praticavano il vecchio sistema comunitario, si andarono coprendo di muri, diventando campagne di tancas. Molti proprietari di terreni saccheggiarono le fondamenta dei nuraghi crollati e chiusero con lunghi muri di pietre appezzamenti spesso molto vasti (tancas) che poi diedero in affitto, a caro prezzo, ai proprietari di bestiame. Si accentuò così una specializzazione pastorale separata dall’agricoltura.

Ma si lasci al poeta Melchiorre Murenu cantare il fenomeno:

Tancas serradas a muru / tancas serradas a muru / fattas a s’afferr’afferra. / Si su Chelu fid in terra / l’haiant serradu puru!

(Proprietà chiuse con i muri / proprietà chiuse con i muri / conquistate arraffandosele con avidità. / Se il cielo fosse stato sulla terra / avrebbero recintato anche quello!)

L’agricoltura sociale potrebbe proporsi di ripristinare idealmente l’antico assetto multifunzionale delle campagne sarde riaprendo le tancas. E le antiche pietre dei nuraghi, impiegate allora per edificare le chiudende e riutilizzate oggi per erigere laboratori e centri di accoglienza, da simboli di egoismo potrebbero diventare simboli di fraternità.

Il programma della giornata

 

Alfonso Pascale - 24-11-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

Un impegno secolare, quello dei Benedettini Camaldolesi. Quelli di cui scriviamo hanno sede a Bardolino, in Veneto. Noi dobbiamo moltissimo all'operato dei religiosi, i quali hanno effettivamente salvato l'olivo in epoche in cui si registrò un radicale allontamento dalla coltivazione > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

Novità di prodotto. La storica azienda olearia di Imperia, che dal 1911 produce e distribuisce per corrispondenza i propri prodotti in Italia e in diversi Paesi nel mondo, presenta un nuovo olio: il Monocultivar Taggiasca. Si amplia così l’offerta, introducendo il sesto extra vergine della gamma.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo