Lunedì 20 Novembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > sociale

Oltre le chiudende

Sono un elemento importante della storia della Sardegna. Le antiche pietre dei nuraghi, impiegate un tempo per edificarle, sono oggi riutilizzate per erigere laboratori e centri di accoglienza. Così, da simboli di egoismo, potrebbero adesso tramutarsi in simboli di fraternità

Alfonso Pascale

Oltre le chiudende

Mercoledì 25 novembre parteciperò all’incontro sull’agricoltura sociale organizzato a Macomer, in provincia di Nuoro, dal Gal Marghine. L’agricoltura sarda è caratterizzata da una tradizione millenaria di pratiche solidali e di mutuo aiuto. In quest’isola l’ospitalità è più antica delle chiudende che furono incoraggiate con il regio editto del 6 ottobre 1820.

È noto che a seguito di quel provvedimento furono recintati con muri a secco anche molti terreni soggetti a servitù di pascolo, di passaggio, di fontana e di abbeveratoio. E si determinò in tal modo un’erosione significativa di beni relazionali e di capitale sociale perché si ridussero le occasioni di incontro tra le persone.

Si sottolinearono e precisarono anche certi contrasti di geocrazia naturale. Le zone dove pastorizia e agricoltura erano mescolate e praticavano il vecchio sistema comunitario, si andarono coprendo di muri, diventando campagne di tancas. Molti proprietari di terreni saccheggiarono le fondamenta dei nuraghi crollati e chiusero con lunghi muri di pietre appezzamenti spesso molto vasti (tancas) che poi diedero in affitto, a caro prezzo, ai proprietari di bestiame. Si accentuò così una specializzazione pastorale separata dall’agricoltura.

Ma si lasci al poeta Melchiorre Murenu cantare il fenomeno:

Tancas serradas a muru / tancas serradas a muru / fattas a s’afferr’afferra. / Si su Chelu fid in terra / l’haiant serradu puru!

(Proprietà chiuse con i muri / proprietà chiuse con i muri / conquistate arraffandosele con avidità. / Se il cielo fosse stato sulla terra / avrebbero recintato anche quello!)

L’agricoltura sociale potrebbe proporsi di ripristinare idealmente l’antico assetto multifunzionale delle campagne sarde riaprendo le tancas. E le antiche pietre dei nuraghi, impiegate allora per edificare le chiudende e riutilizzate oggi per erigere laboratori e centri di accoglienza, da simboli di egoismo potrebbero diventare simboli di fraternità.

Il programma della giornata

 

Alfonso Pascale - 24-11-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il Progetto educativo Monini 2017/2018

Il Progetto educativo Monini 2017/2018

Mo`e la favola dell'olio. Alla Camera dei Deputati le scuole vincitrici del progetto di educazione alimentare dell'azienda umbra. Con loro Gianfranco Vissani, Sara Farnetti e il tecnologo alimentare Salvatore Velotto. Oltre ai fratelli Monini, ovviamente: Zefferino, presidente di Monini Spa, e Maria Flora, direzione immagine e comunicazione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

Il libro - a cura di Eddo Rugini, Luciana Baldoni, Rosario Muleo e Luca Sebastiani - fornisce un'introduzione alla genetica, alla genomica e all’allevamento dell'olivo, pianta longeva e multifunzionale, rilevante non soltanto per la produzione di olive da tavola e da olio, ma anche per il paesaggio e per la storia delle zone rurali