Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > sociale

Quando si dice Terzo settore

Fino a poco tempo fa, rappresentava solo una mera categoria sociologica. Ora, invece, abbiamo una definizione giuridica. Vi rientrano gli enti che perseguono fini di utilità sociale. L’agricoltura sociale è un esempio concreto di tale innovazione. Come lo è anche il welfare aziendale prodotto da tante piccole e medie imprese profit

Alfonso Pascale

Quando si dice Terzo settore

Coi pareri delle Commissioni parlamentari competenti e della Conferenza Stato-Regioni sui decreti legislativi, si completerà, entro il 2 luglio, l’attuazione della riforma del Terzo settore voluta dal governo Renzi. Sono resi disponibili 190 milioni di euro per finanziare le norme fiscali di maggior vantaggio. Un primo passo importante che può ancora essere migliorato proseguendo sulla strada che consente alle organizzazioni interessate di liberarsi dai troppi lacci e lacciuoli burocratici.

Terzo sistema, la definizione di Giorgio Ruffolo

Finalmente abbiamo una definizione giuridica del Terzo settore, espressione finora utilizzata solo come categoria sociologica. In origine si pensava ad un “terzo sistema”. Così infatti Giorgio Ruffolo definì, in un rapporto del 1978 per la Commissione Europea intitolato “Un progetto per l’Europa”, la rete delle organizzazioni private impegnate nella produzione di beni e servizi di interesse collettivo, mediante forme di regolazione pubblica, di integrazione tra dono e mercato e di competizione cooperativa.

Un “terzo sistema” accanto agli altri due, Stato e mercato, potenzialmente capace di espandersi fino all’utopico obiettivo di assorbirli. Ma Ruffolo pensava all’intero mondo cooperativo e all’insieme del sistema economico.

Una forte economia civile capace di orientare risorse private e attività produttive a tutela dei soggetti deboli. Col tempo, quell’idea ambiziosa si è ridotta ad un Terzo settore specializzato in welfare. E tuttavia, con la grande recessione, si ripropone l’idea originaria, da aggiornare ovviamente nel quadro attuale della globalizzazione e della nuova rivoluzione tecnologica. La quale ha smontato l’idea stessa di lavoro – un qualcosa che non si può più tutelare ma solo creare continuamente – e reso anacronistica la separatezza tra sistema produttivo e welfare.

 

Il codice del Terzo settore

Terzo settore sono gli enti che perseguono fini di utilità sociale mediante determinate attività di interesse generale. Il limite di tale definizione è che l’interesse generale non è riscontrato nel beneficio che per la collettività produce un’attività, qualsiasi essa sia, bensì nella scelta di una specifica attività rispetto ad altre.

Il Codice del Terzo settore ne elenca 26. Ancora forti resistenze culturali e piccole rendite di posizione, tenacemente difese, impediscono di espandere il Terzo settore a tutte le attività umane, diffondendo ovunque la capacità di ottenere, simultaneamente, produzione di beni e servizi e prestazioni di welfare.

L’agricoltura sociale è un esempio concreto di tale innovazione. Come lo è anche il welfare aziendale prodotto da tante piccole e medie imprese profit. E tuttavia nell’elenco delle attività di interesse generale mancano quelle industriali e artigianali. Trovano spazio solo quelle agricole quando sono connesse alle attività sociali. Ma queste  già sono regolate da una legge specifica del 2015. E averle annoverate tra le 26 del Terzo settore, in una visione riduzionista, crea ora, paradossalmente, una serie di incongruenze da scongiurarne il mantenimento. A dimostrazione che la razionalità insita nel reale divenire delle cose non dovrebbe mai essere stravolta da norme frettolosamente calate dall’alto, su pressione di interessi particolaristici restii all’innovazione.

La riforma sostiene le reti associative dei soggetti di Terzo settore e rimuove le barriere fiscali che finora hanno impedito lo sviluppo delle imprese sociali.  È ancora troppo poco. La legge di Stabilità 2015 aveva regolato le società benefit, quelle “che nell’esercizio di una attività economica, oltre allo scopo di dividerne gli utili, perseguono una o più finalità di beneficio comune”. E lasciava ben sperare nel superamento del confine tra profit e non profit. Ma quello spiraglio non si è voluto ulteriormente allargare. Peccato.

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Alfonso Pascale - 29-05-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo