Venerdì 25 Maggio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > sociale

Quando si dice Terzo settore

Fino a poco tempo fa, rappresentava solo una mera categoria sociologica. Ora, invece, abbiamo una definizione giuridica. Vi rientrano gli enti che perseguono fini di utilità sociale. L’agricoltura sociale è un esempio concreto di tale innovazione. Come lo è anche il welfare aziendale prodotto da tante piccole e medie imprese profit

Alfonso Pascale

Quando si dice Terzo settore

Coi pareri delle Commissioni parlamentari competenti e della Conferenza Stato-Regioni sui decreti legislativi, si completerà, entro il 2 luglio, l’attuazione della riforma del Terzo settore voluta dal governo Renzi. Sono resi disponibili 190 milioni di euro per finanziare le norme fiscali di maggior vantaggio. Un primo passo importante che può ancora essere migliorato proseguendo sulla strada che consente alle organizzazioni interessate di liberarsi dai troppi lacci e lacciuoli burocratici.

Terzo sistema, la definizione di Giorgio Ruffolo

Finalmente abbiamo una definizione giuridica del Terzo settore, espressione finora utilizzata solo come categoria sociologica. In origine si pensava ad un “terzo sistema”. Così infatti Giorgio Ruffolo definì, in un rapporto del 1978 per la Commissione Europea intitolato “Un progetto per l’Europa”, la rete delle organizzazioni private impegnate nella produzione di beni e servizi di interesse collettivo, mediante forme di regolazione pubblica, di integrazione tra dono e mercato e di competizione cooperativa.

Un “terzo sistema” accanto agli altri due, Stato e mercato, potenzialmente capace di espandersi fino all’utopico obiettivo di assorbirli. Ma Ruffolo pensava all’intero mondo cooperativo e all’insieme del sistema economico.

Una forte economia civile capace di orientare risorse private e attività produttive a tutela dei soggetti deboli. Col tempo, quell’idea ambiziosa si è ridotta ad un Terzo settore specializzato in welfare. E tuttavia, con la grande recessione, si ripropone l’idea originaria, da aggiornare ovviamente nel quadro attuale della globalizzazione e della nuova rivoluzione tecnologica. La quale ha smontato l’idea stessa di lavoro – un qualcosa che non si può più tutelare ma solo creare continuamente – e reso anacronistica la separatezza tra sistema produttivo e welfare.

 

Il codice del Terzo settore

Terzo settore sono gli enti che perseguono fini di utilità sociale mediante determinate attività di interesse generale. Il limite di tale definizione è che l’interesse generale non è riscontrato nel beneficio che per la collettività produce un’attività, qualsiasi essa sia, bensì nella scelta di una specifica attività rispetto ad altre.

Il Codice del Terzo settore ne elenca 26. Ancora forti resistenze culturali e piccole rendite di posizione, tenacemente difese, impediscono di espandere il Terzo settore a tutte le attività umane, diffondendo ovunque la capacità di ottenere, simultaneamente, produzione di beni e servizi e prestazioni di welfare.

L’agricoltura sociale è un esempio concreto di tale innovazione. Come lo è anche il welfare aziendale prodotto da tante piccole e medie imprese profit. E tuttavia nell’elenco delle attività di interesse generale mancano quelle industriali e artigianali. Trovano spazio solo quelle agricole quando sono connesse alle attività sociali. Ma queste  già sono regolate da una legge specifica del 2015. E averle annoverate tra le 26 del Terzo settore, in una visione riduzionista, crea ora, paradossalmente, una serie di incongruenze da scongiurarne il mantenimento. A dimostrazione che la razionalità insita nel reale divenire delle cose non dovrebbe mai essere stravolta da norme frettolosamente calate dall’alto, su pressione di interessi particolaristici restii all’innovazione.

La riforma sostiene le reti associative dei soggetti di Terzo settore e rimuove le barriere fiscali che finora hanno impedito lo sviluppo delle imprese sociali.  È ancora troppo poco. La legge di Stabilità 2015 aveva regolato le società benefit, quelle “che nell’esercizio di una attività economica, oltre allo scopo di dividerne gli utili, perseguono una o più finalità di beneficio comune”. E lasciava ben sperare nel superamento del confine tra profit e non profit. Ma quello spiraglio non si è voluto ulteriormente allargare. Peccato.

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Alfonso Pascale - 29-05-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
I monocutivar del Frantoio del Poggiolo Monini

I monocutivar del Frantoio del Poggiolo Monini

Nuovi prodotti. Frantoio, Nocellara e Coratina. Sono in tutto tre oli extra vergini di oliva. Tutti e tre 100% biologici e 100% italiani, ciascuno dei quali espressione di una singola varietà di olivo. Una iniziativa che si inserisce in un progetto che va alle radici della cultura dell’EVO, legando gusto e territorio 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Nutrirsi bene è un'arte

The art of healthy eating. Una storia vera e di grandi emozioni, che evoca la grande tradizione olivicola e olearia della Puglia, la paziente cura del territorio e il forte legame con il prezioso succo di olive. Così, in un fascinoso spot in lingua inglese, Masserie di Sant’Eramo presenta il proprio mondo e il frutto del proprio lavoro: l’olio extra vergine di oliva

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese