Le forme dell'olio

Lavorò

2019
Lavorò

La bottiglia è da 500 ml e contiene un extra vergine espressione di un blend di varie cultivar. L'azienda agricola Lavorò, di Andrea Minelli, spiegando il concept che ha dato origine al progetto di design, partendo da un’ispirazione di un quadro di Vincent van Gogh “Mezzogiorno – Riposo dal lavoro” (a sua volta ispirato da Jean-François Millet, pittore realista nato qualche anno prima), ha cercato di dare una nuova connotazione al dipinto

L’etichetta è, prima di tutto, il biglietto da visita di un’azienda. La nostra, cerca di sintetizzare il significato più profondo che noi vogliamo attribuire al nostro marchio e alle immagini scelte per rapresentarlo. Il lavoro intrapreso per creare questa etichetta, è partito da poche ma solide certezze di etica professionale.

Il modus operandi ci ha imposto prima di tutto, di improntare con un tocco artigianale la bottiglia, così che si colga il messaggio di qualità del lavoro manuale e tecnico necessario per crearla. Si è cercato di garantire una praticità nel servizio della bottiglia, utilizzando un film plastico, salvaguardando l’eleganza che un oggetto come questo, dovrebbe sempre conservare.

La forma grafica dell’etichetta vuole raggiungere una finalità comunicativa, oltre che, una, puramente estetica.

Il concetto alla base della realizzazione artistica, verte sulla comunicazione del valore del tempo nelle sua fase di riposo. Partendo da un’ispirazione di un quadro di Vincent van Gogh “Mezzogiorno – Riposo dal lavoro” (a sua volta ispirato da Jean-François Millet, pittore realista nato qualche anno prima), abbiamo cercato di dare una nuova connotazione al dipinto.

Sebbene ci sia una grande distanza temporale tra la creazione artistica (risalente al 1890) e la nostra contemporaneità, sappiamo con certezza che ci siano similitudini invariate nel tempo. In entrambi i casi il tempo del riposo assume un’importanza centrale nella vita campestre, poiché esso permette, non solo, di rigenerare le energie donate, ma anche di riflettere su ciò che ci circonda e di ricaricarci grazie ad esso. Questa ricarica di energia, è ancora più potente e pura se avviene tra la natura.

L’idea alla base della nostra etica è che, per ottenere prodotti di qualità, c’è bisogno che la pratica campestre non sia solo una mera somma di processi produttivi ma che sia affiancata, inevitabilmente, da una sensibilità umana.

La certezza assoluta è che senza una sensibile attenzione e cura per ogni particolare non si possa creare nulla di buono. Infine, osservando la circolarità della figura intorno alla bottiglia, si vuole avvicinare l’aspetto estetico a quello sostanziale, il disegno alle scritte descrittive, proprio per simboleggiare questa indispensabile unione tra le due sfere.

Andrea Minelli

Azienda Agricola Lavorò

Il blend Lavorò comprende un mix di oli da cultivar prodotte in Umbria: Dolce Agogia, Frantoio, Leccino e Muraiolo.

TAG: Lavorò

Iscriviti alle
newsletter