Corso Italia 7

Rivista internazionale di Letteratura – International Journal of Literature
Diretta da Daniela Marcheschi

Assunta Finiguerra, poesie

Daniela Marcheschi

Assunta Finiguerra, poesie

Nata nel 1946, è scomparsa nel 2009. Ha vissuto tra San Fele (Potenza) e Roma. Fra i suoi libri maggiori: Puozze Arrabbià, La Vallisa, 1999; Solije, Zone Editrice, 2003; Scurije, LietoColle, 2005); e, postumi, Tatemije, Mursia, 2010 e Farfarije, LietoColle, 2010 con prefazione di Franco Loi. La Finiguerra ha vinto fra gli altri i premi “Giuseppe Jovine” e “Pascoli”. Ha anche reinterpetrato in lucano il Pinocchio di Collodi: Tunnicchje (LietoColle, 2008). Suoi testi poetici sono apparsi in numerose riviste di poesia, quali «Gradiva», «Lunarionuovo», «Pagine», «Poesia» ecc., ed in antologie: ad esempio, Nuovi Poeti Italiani 5 a cura di Franco Loi, Einaudi, 2004. Nella rivista « Kamen'», 34, Gennaio 2009, pp.31-88, che le ha dedicato un'ampia sezione monografica, è pure apparsa una ricca antologia di suoi testi inediti, accompagnati da pochi altri editi e riveduti dall'Autrice per la pubblicazione: proprio traendole da questa rivista pubblichiamo qui alcune poesie della Finiguerra.

POESIE

Me sì venute a ddì ca só crudele

e mbiétte tenghe na šcarde de marme fridde

cume na tombe ca staje accére a viende

nun suape quanne chiove e quanne scambe

Che ne saje tu d’u core mije

quanne restócce arde sotte a lune

e cu rusuarje mmane preghe a Dije

ca u fuace stennecchià pu juorne nuove

pecché l’èreve ca nde giardine cressce

è specchje nìvere nda nu sualone granne

chì s’ammire a facce cchiù nun tene

accussì u core mije me móre mmane

Sei venuto a dirmi che son crudele / e in petto ho una scheggia di marmo freddo / come una tomba che di fronte al vento / non sa quando piove e quando scampa // Che ne sai tu del mio cuore / quando come stoppia arde sotto la luna / e col rosario in mano prega Dio / di farlo crepare con il nuovo giorno // perché l’erba che cresce nei giardini / è specchio nero dentro un salone / chi s’ammira non ha più la faccia / così il cuore mi muore nella mano

*****************************

Tènghe na voglje de fà l’amore

uócchje de gatte e priésce de core

priésce de core e mmale matróne

uocchje de gatte tràtteme bbóne

Voglje candà na bbella canzone

a terra prumesse è angóre lunduane

a chiese de Criste a pìsscene i cane

e ccórre cava±±e cu i piede attaccate

Ho una voglia di fare all’amore / occhi di gatto, gioia del cuore / gioia del cuore e oscuro male / occhi di gatto non mi far male // Voglio cantare una bella canzone / la terra promessa è ancora lontana / la chiesa di Cristo la bagnano di piscio i cani / e corro cavallo coi piedi legati

******************************

Chi s’ha pigliate a vite d’Assunde

nda nu muatine de neglia calate

e nu vendazze c’avije sterdute

proprje a morte signore d’u munne?

Chi! M’avita dì chi! Chi è sta troje

o zòcchele de pagliera mbalsamate

o vammane cu re mmane assanguate

c’ha fatte nassce sierpe a ddoje capuzze?

Chi s’ha pigliate a vite d’Assunde

ind’o cuastie±±e senza nu recinde

nde chi trasije facije u puatrone

e se sunuaje rosamunde c’u cule

e nu ceppone se mettije a re ffuoche

p’assuquà i fassciature o Buambine

Chi si è preso la vita di Assunta / in un mattino di nebbia calata / e d’un ventaccio che aveva stordito / proprio la morte signora del mondo? // Chi! Dovete dirmi chi! Chi è questa troia / o zoccola di pagliaio imbalsamata / o levatrice con le mani insanguinate / che ha fatto nascere serpi a due teste? // Chi si è preso la vita di Assunta / dentro il castello senza un recinto / dove chi entrava faceva il padrone // e si suonava rosamunda col culo / e un grosso ceppo si metteva sul fuoco / per asciugare le fasce al Bambino

*************************

… e abbùttete Patraterne

è velute pure sta prove

n’abbastaje ±±’anne passate

che m’è fatte penijà

mò può stà cundende

cu a Vérgene Marije

Giuwanne e Zaccarije

Mechéle e rrobba varje

a cchi mò cerche aiute?

U cuo±±e me face male

e u quatétere spodeste

a vena giuguluare

a cape staje mbaccènne

me sende ringoglionite

só mene de nu fuandasme

e ttu pienze angóre a mmi…

Ma scuórdete ca esiste

tiene re ssandare±±e

ca te recòrdene u munne

cu te mbrefùmene i piede

e ggìrete de cuozze

l’àneme è angóre a mije

u juorne ca t’a rènne

nun suarà na feste

pecché a solitùdene

ha velute c’arrevendasse

na mosca cavalline

sope a re fferite nfette

e nun suaje c’a rabbia mije

cume rézze de castagne

spertuséje a paure

facènnele accresscendà

fine a fàreme sende mìsere

na nobiltà fallite

na stella morte nderre

e spine de baccalà

… e abbùttete Patraterne

oje lì oje lì oje là

e abbùttete Patraterne

quanne me vuò só qua

… e abbùffati Padreterno / hai voluto anche questa prova / non bastavano gli anni passati / che mi hai fatto penare // adesso puoi star contento / con la Vergine Maria / Giovanni e Zaccaria / Michele e roba varia // da chi ora cerco aiuto? / Il collo mi fa male / e il catetere spodesta / la vena giugulare // la testa sta impazzendo / mi sento rincoglionita / sono meno d’un fantasma / e tu pensi ancora a me… // Ma scordati ch’esisto / hai le tue santarelline / che ti ricordano il mondo / che ti profumano i piedi // e girati di spalle / l’anima è ancora mia / il giorno che te la rendo / non sarà una festa // perché la solitudine / ha voluto che diventasse / una mosca cavallina / sulle ferite infette // e non sai che la mia rabbia / come riccio di castagne / punzecchia la paura / facendola lievitare // fino a farmi sentire misera / una nobiltà fallita / una stella morta in terra / e spina di baccalà //… e abbùffati Padreterno / ohi lì ohi lì ohi là / e abbùffati Padreterno / quando mi vuoi sono qua

**********************************

Pecché nun só ggiute nnande a Dije

quanne crejame parlaje cu r’aucie±±e

tagliaje frusciulicchje cu accettó±±e

e ±±’ape mettije nda nu becchiere?

Pecché m’è rengressciute fàreme fore

viste ca dope m’aspettanne o vuarche

turmiende cume prete nda re scarpe

e na vesazza nguo±±e p’equilibbrje?

Pecché d’a terre me só scurduate i frutte

e de tate se bbene me vulije

pecché, pecché me sembre na carcije

a libbertà ca ósce chiame attane?

Perché non sono andata innanzi a Dio / quando bimbetta parlavo con gli uccelli / tagliavo con l’accetta ramoscelli / e le api mettevo nel bicchiere? // Perché m’è rincresciuto farmi fuori / visto che dopo aspettavano al varco / tormenti come pietre nelle scarpe / e una bisaccia addosso per equilibrio? // Perché della terra ho dimenticato i frutti / e di mio padre se mi voleva bene / perché, perché mi sembra una prigione / la libertà che oggi chiamo padre?

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter