Corso Italia 7

Rivista internazionale di Letteratura – International Journal of Literature
Diretta da Daniela Marcheschi

La città dei ragazzi feriti

RilettureUn romanzo di uno tra i più autentici narratori italiani, che quando uscì nel 2008 rimase inspiegabilmente fuori dai premi più conosciuti e pubblicizzati di quell'anno. Eppure in questo libro Eraldo Affinati ha raccontato in maniera penetrante i sentimenti cruciali che fondano l’essere umano e lo rendono compiuto in se stesso, davvero adulto

Daniela Marcheschi

La città dei ragazzi feriti

Eraldo Affinati (1956) è uno dei pochi scrittori italiani contemporanei che vale la pena di leggere: è infatti un narratore autentico, che affronta il suo lavoro in modo serio e nella costante ricerca della verità. Insomma ha un’originale vocazione per la letteratura, che è rara in una cultura votata al mercato a tutti i costi.

Vorrei pertanto segnalarne con molto piacere La Città dei Ragazzi (Milano, Mondadori, 2008), un romanzo che è rimasto inspiegabilmente fuori dai premi più conosciuti e pubblicizzati del 2008.

In questo bel libro, l’Autore parla di bambini e di adolescenti - perlopiù stranieri ormai - accolti nella famosa «Città dei ragazzi» di Roma, che hanno conosciuto il male, le guerre, la miseria, l’abbandono; e lo fa con quella sua tipica capacità di raccontare in maniera penetrante i sentimenti cruciali che fondano l’essere umano e lo rendono compiuto in se stesso, davvero adulto.

L’incontro con le vite segnate dei ragazzi - che propone quesiti e problematiche spesso ignorate dalla chiacchiera diffusa - è per Affinati anche il modo per riflettere sulla paternità e sul proprio rapporto con il padre: anch’egli un orfano, cresciuto nell’abbandono e nella solitudine nell’Italia fascista.

Accenti di vibrante affettività, sguardo profondo sulle cose, inquietudine, sorriso accompagnano il lettore e ne corroborano lo spirito.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter