Gotha Alimentare

Gianfrancesco Montedoro

Gianfrancesco Montedoro

Ordinario di Industrie Agrarie all’ateneo di Perugia, è stato direttore dell’Istituto, preside della Facoltà di Agraria, direttore del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e past president dei corsi di Tecnologie degli oli grassi e derivati e di Viticoltura ed enologia

Olio Officina

Gianfrancesco Montedoro (Perugia, 1935 – Perugia, 16 agosto 2016), è stato un docente universario, formatore e relatore in congressi nazionali e internazionali.

Biografia

Laureato in Scienze Agrarie nel 1959, fino al 1969 ha insegnato nelle scuole medie inferiori e superiori, assumendo anche incarichi di presidenza.

Nel 1964, in qualità di assistente volontario, ha iniziato l'attività di ricerca collaborando con il professor C. Cantarelli, allora direttore dell'Istituto di Industrie Agrarie dell’Università di Perugia.

Nel 1970 ha conseguito la libera docenza in Industrie Agrarie e gli viene conferito l'incarico dell'insegnamento della disciplina e di direttore dell'Istituto omonimo nell'Università degli Studi di Perugia.

Nel 1971 ha trascorso alcuni mesi presso l'Università di Davis, in California, nel Dipartimento di viticoltura ed enologia, lavorando sui composti fenolici.

Nel 1975, per concorso nazionale, è stato nominato ordinario di Industrie Agrarie, mantenendo fino al 1995 la direzione dello stesso Istituto.

Nel triennio 1979-82 è stato preside della Facoltà di Agraria di Perugia.

Nell’anno accademico 1998-2000 ha assunto la presidenza del Corso di Diploma Universitario in Tecnologie Alimentari: Orientamento oli grassi e derivati.

Nell’anno accademico 1999-2000 ha coordinato il Corso di Diploma Universitario in Viticoltura ed enologia.

Nel 2001 ha assunto la direzione del Dipartimento di Scienze degli Alimenti.

Attività scientifica

La sua attività scientifica è stata sviluppata su tre linee fondamentali.

  1. Valutazione analitica strumentale e sensoriale per fini biogenetici, biotecnologici e della loro caratterizzazione (tipicizzazione) di alcuni costituenti principali e minori di alcuni prodotti alimentari e delle loro matrici (vino, oli, derivati del pomodoro, succhi di frutta).
  2. Messa a punto di tecnologie innovative nel settore della trasformazione enologica e olearia, del condizionamento e del recupero di sottoprodotti dell'industria alimentare.
  3. Utilizzazione alternativa di prodotti tradizionali.

Attività editoriale

Montedoro ha lavorato costantemente alla redazione di pubblicazioni in riviste sia di divulgazione, sia scientifiche, a carattere nazionale e internazionale. Complessivamente ha prodotto oltre  370 lavori, di cui circa 70 nel settore enologico e oltre 200 nel settore oleario e, in particolare, la messa a punto di metodologie analitiche strumentali e sensoriali deputate alla valutazione di alcuni costituenti principali e minori di prodotti alimentari di larga diffusione e tipici; lo studio dell’influenza dei costituenti minori (polifenoli, pigmenti, composti volatili ed enzimi connessi) su materie prime e prodotti derivati quali vini, oli di oliva, derivati del pomodoro da industria, succhi di frutta; la messa a punto di tecnologie innovative nel settore della trasformazione, del condizionamento e del recupero di sottoprodotti dell'industria alimentare con particolare riferimento all’uva, alle olive e ai prodotti derivati.

Ha inoltre coordinato alcuni testi scientifici e collaborato alla stesura di testi didattici e di divulgazione nel settore enologico e oleario.

Si ricorda la sua presenza nei comitati di direzione e redazione della riviste "Terra e Vita" e “Vigne e Vini” della casa editrice Edagricole di Bologna.

Incarichi ricoperti

Dal 1997 è stato presidente dell’Accademia Nazionale dell’olivo e dell’olio, con sede a Spoleto.

È stato membro di commissioni tecniche e scientifiche nazionali del Cnr del Mipaf e dell’Istituto Superiore di Sanità. 

È stato anche presidente del consiglio scientifico del gruppo di ricerche del Cnr sui Lipidi alimentari. 

Ha collabora con diverse Unioni camerali regionali e quella nazionale nella formazione di assaggiatori secondo le norme del Regolamento CEE 2568/91; ed è stato presidente della Commissione di degustazione dei vini Doc e Docg istituita dal Mipaf presso la Cciaa di Perugia; e presidente del Comitato per il rilascio della certificazione degli oli Dop “Umbria”.

Società scientifiche

Ha fatto parte dell'American Chemistry Society, American Society of Enologists, American Oil Chemistry Society, New York Academy of Sciences, I.U.Fo.S.T., Association International Industries Alimentaires, Società Italiana delle Sostanze Grasse, Accademia Italiana della Vite e del Vino, Accademia dei Fisiocritici di Siena, Accademia Economico Agraria dei Georgofili, Accademia Nazionale dell'Olivo (di cui è stato anche presidente), International Society for Horticulture Science e Società Italiana di Scienze e Tecnologie Alimentari, della quale è stato promotore.

CONSULTA le altre biografie: QUI

Iscriviti alle
newsletter