Gotha Alimentare

Noureddine Ouazzani

Noureddine Ouazzani

Figura chiave per il mondo olivicolo-oleario del Marocco, è ingegnere agronomo e docente-ricercatore presso la scuola agronomica di Meknes, nonché fondatore e direttore dell’Agro-pôle Olivier di Meknès. Primo Dottore di Stato sulla genetica dell'olivo, nel 2015 ha ricevuto a Milano il Premio Olio Officina – Cultura dell’Olio 

Olio Officina

Noureddine Ouazzani, ingegnere agronomo, dottore in scienze agronomiche, docente-ricercatore presso la scuola agronomica di Meknes. È a capo del gruppo di ricerca sull'olivicoltura e la produzione di olio d'oliva, essendo coinvolto in vari campi di ricerca relativi alla genetica, alla diversità varietale, alle risorse genetiche e propagazione dell'olivo, produzione di olio di oliva, valutazione della sottoproduzione di olive e valutazione della qualità e della genuinità dell'olio di oliva.

Noureddine Ouazzani è fondatore e direttore dell’Agro-pôle Olivier di Meknès, cluster / Centro per la ricerca, l'innovazione e la promozione dell'olio d'oliva e membro del comitato scientifico del programma "Les Routes de l'Olivier", ufficialmente riconosciuto come “Itinerario Culturale Internazionale” dall'Unesco nel 2003 e come “Grande itinerario culturale europeo” dal Consiglio europeo nel 2006 e membro del comitato scientifico della Rete Mediterranea delle Città dell'Olio.

Noureddine Ouazzani è a capo della giuria di degustazione dell'Agro-pôle Olivier di Meknès e autore e coautore di una vasta documentazione scientifica (risorse genetiche dell’olivo, moltiplicazione, qualità e tipicità dell'olio d'oliva, valutazione di biomasse dell'olivo, documentari, mostre per bambini ecc.).

Riconosciuto per il suo impegno come esperto internazionale dell’olivo, è coinvolto in vari programmi internazionali e ha contribuito a dare un forte impulso internazionale alla conoscenza dell'olio d'oliva marocchino.

 

Formazione ed esperienze professionali

Ingegnere agronomo dell'Istituto agronomico veterinario Hassan II e genetista qualificato, è primo Dottore di Stato a livello nazionale sulla genetica dell'olivo.

Insegnante-ricercatore presso la National School of Agriculture di Meknes, è promotore del Dipartimento di Frutticoltura e Arboricoltura, dell'opzione di specializzazione "Scienze e tecniche nella produzione di frutta" e "Arboricoltura da frutta, olivicoltura e viticoltura".

Consulente ed esperto nell'ambito di varie partnership, con varie organizzazioni nazionali ed internazionali (Domaines Agricoles, LCM-Aicha, Northern Agency, Common Fund for Basic Products, International Olive Council, MEDA-MEDOCC European Union Program, OCP, FAO, MCA, Camera dell'agricoltura di Meknes ecc ...) Ouazzani ha inoltre realizzato vari lavori di ricerca sull'olivo, con pubblicazioni scientifiche, comitati di lettura e contributi in libri su genetica, studio delle varietà, pratiche colturali, standard di qualità, tecnologia dell'olio, valutazione dei sottoprodotti di l'olivo, strategia di promozione, qualità e tipicità dell'olio ecc.).

Ouazzani vanta collaborazioni internazionali che sono state in grado di fornire al settore olivicolo marocchino un grande apporto scientifico, tecnico e relazionale per la promozione e lo sviluppo del settore olivicolo regionale e nazionale.

Ha contribuito alla creazione di vari progetti olivicoli integrati a livello nazionale e anche allo sviluppo di nuovi marchi di oli marocchini (LCM-Aicha, Domaines Agricoles, cooperative olivicole, ecc.).

Dal 1996 è responsabile di vari programmi di ricerca e sviluppo sull'olivo a livello nazionale ed internazionale (CFC, COI, FAO, Agence du Nord, CNR Italia, Dap Junta de Andalucia, INRA-CNRS de Montpellier, Institut de i programmi Olivier de Tunisie, Meda / Medoc, Unione Europea, MCA, MAPM / Casier Oléicole, ecc.).

Ouzzani è promotore, nel 2003, in collaborazione con la professione agroindustriale della regione di Meknes, del progetto di sviluppo integrato per il settore olivicolo nella regione di Meknes. Mentre nel 2004 è promotore del progetto Agro-pôle Olivier, con il supporto di organizzazioni pubbliche e private nazionali e internazionali.

L'Agro-pôle Olivier è un cluster di promozione della ricerca e sviluppo e trasferimento tecnologico, ed è dedicato alla ricerca e sviluppo, all'innovazione, al trasferimento tecnologico e alla promozione del settore olivicolo regionale e nazionale. Tale centro opera come un gruppo di interesse pubblico.

Nel 2004 è membro fondatore dell'Associazione "Union pour le Développement de l'Olivier de Meknes", uno dei principali anelli del progetto di sviluppo integrato del settore olivicolo nella regione di Meknes.

Dall’ottobre 2005 al dicembre 2009 è direttore dell'Agenzia esecutiva del progetto internazionale "Valorizzazione dei sottoprodotti dell'olivo per un'olivicoltura sostenibile rispettosa dell'ambiente" finanziato dal Consiglio oleicolo internazionale (Madrid, Spagna) e dai Fondi comuni per i prodotti di base (Amsterdam, Olanda) a beneficio di Marocco, Algeria, Tunisia e Siria.

Dal 2005 è membro del Comitato scientifico del programma internazionale "Strada degli ulivi attraverso il Mediterraneo" riconosciuto dall'Unesco (nel 2003) e dal Consiglio d'Europa (nel 2006). Il programma "Percorsi degli ulivi attraverso il Mediterraneo" è un approccio innovativo allo sviluppo sostenibile nel Mediterraneo. Si tratta di un itinerario di cultura, di dialogo tra popoli e civiltà, attorno a un tema comune, l'olivo, elemento unificante del Mediterraneo e dei popoli che ne vivono l'ombra. Grazie alla partecipazione al suddetto comitato e al sostegno della Wilaya della Regione Meknès-Tafilalet, Meknes è stata inclusa nel 2006 come tappa del programma "Percorsi dell'olivo attraverso il Mediterraneo".

Dal 2006 Noureddine Ouazzani è promotore e organizzatore, in collaborazione con l'Università internazionale dell'Andalusia dei "Mediterranean Olive Days in Meknes", della piattaforma di trasferimento tecnologico a beneficio dei vari operatori del settore olivicolo marocchino.

Nel 2007 è promotore, in collaborazione con l'Associazione UDOM della "Fête de l'Olivier à Meknes" e del premio "Volubilis Extra-Vierge Maroc", concorso Premium Trophy per il miglior olio extravergine di oliva confezionato in Marocco. Questi due eventi sono strumenti per la promozione dell'olio d'oliva marocchino e la sensibilizzazione dei cittadini marocchini sulla qualità dell'olio d'oliva e sui benefici per la salute. 

Nel 2010, lavora alla organizzazione della 2a edizione della Festa dell'Olivo a Meknes, sotto l'Alto Patronato di Sua Maestà il Re Mohammed IV.

Nel 2011 è membro fondatore della Rete mediterranea delle città dell'olio d'oliva / RECOMED, nonché membro del comitato scientifico della stessa rete.

Nel 2013 è delegato del Marocco alla Rete mediterranea delle città dell'olio d'oliva, nominato dal Ministero dell'agricoltura marocchino, per la proposta all'UNESCO del fascicolo per il riconoscimento dei paesaggi olivicoli del Mediterraneo come patrimonio culturale e immortale dell'umanità.

Nel 2014 è promotore e membro fondatore della Carta e della Fondazione "Olivier Promo Meknès"

Nel 2015 ha lavorato al lancio del prodotto "Olio di oliva biologico di Meknes", in collaborazione con i piccoli agricoltori di Meknes e l'associazione UDOM.

Sempre nel 2015 è promotore e membro fondatore dell'Agro-pole Olivier, cluster che riunisce trenta tra aziende e operatori del settore olivicolo di Meknes.

Nel 2016 è promotore del progetto "Olea Green Food Meknès" etichettato COP22 - 2007-2017. Ed è inoltre tra i co-autori della Guida italiana ai migliori oli d'oliva nel mondo.

  

Premi e riconoscimenti

Nel 2006, su proposta della Camera di Commercio di Kalamata (Grecia), è stato nominato dalla Fondazione Internazionale della Strada dell'Olivo attraverso il Mediterraneo, "Uomo d'onore della Route de l'Olivier in Marocco".

Il 19 dicembre 2008 è stato premiato a Roma (Italia) dalla Guida dei Migliori Oli del Mondo "Extra Vergine" per tutto il suo impegno nella promozione del concetto di olio d'oliva di qualità e per il dinamismo creato intorno al settore oleario marocchino e la sua promozione internazionale. Questo premio viene assegnato ogni anno a una personalità internazionale del mondo dell'olio d'oliva.

Nel 2011è stato selezionato dalla rivista Challenge Maroc, tra le trenta personalità dell'anno coinvolte in grandi progetti di strutturazione avviati nelle diverse regioni del Marocco.

Nel 2015 è stato premiato a Milano (Italia) nell’ambito di Olio Officina Festival, a margine dell'Esposizione Universale di Milano (Expo Milano 2015) "Oliver Oil Culture Prize", Premio Olio Officina – Cultura dell’Olio assegnato ogni anno a una personalità internazionale del mondo olio d'oliva.

Nel 2015 è stato selezionato, dalla rivista Challenge Maroc, tra le sette personalità dell'anno che sostengono il Piano Green Marocco, in particolare per il settore olivicolo.

Nel 2017 riceve la menzione conferita all'Agro-pôle Olivierdalla Fondazione Internazionale "La Strada dell'Olivo nel Mediterraneo", quale notevole sito della Strada dell'Olivo nel Mediterraneo riconosciuto dall'UNESCO e dal Consiglio di Europa.

Iscriviti alle
newsletter