Magazine

L’Evo Bio Castello di Meleto, fluido e dal piccante vivace

Saggio Assaggio. Le mura del castello custodiscono più di mille anni di storia, iniziata nell’XI secolo con i Monaci Benedettini della Badia a Coltibuono. Oggi ospita una vigna prevalentemente dedicata alla produzione di Chianti Classico Docg, e un oliveto composto da circa 1.600 piante su oltre cinque ettari, coltivate a regime biologico. Da queste si ottiene l’extra vergine di cui vi raccontiamo che, grazie al suo amaro gradevole, accompagna alla perfezione una buona ribollita

Renzo Ceccacci

Nel mercato dell’olio i prezzi tornano a salire, ma l’Italia rappresenta un’eccezione

Guardando all’area del Mediterraneo, nella penisola i prezzi all’origine sono rimasti pressoché stabili dallo scorso gennaio, aggirandosi circa a 9.50 euro al chilo. Il Paese deve comunque fare i conti con il divario tra la produzione nazionale, le giacenze a disposizione e la domanda interna e dei mercati esteri. In Spagna il prezzo medio all’origine è tornato a salire, mentre in Grecia il mercato è risultato meno dinamico e il prezzo medio è rimasto pressoché stabile intorno agli 8.35 euro al chilo secondo quanto riportato da Certified Origins

Olio Officina


L’olio deve tornare centrale sulle tavole dei ristoranti

Nicoletta Polliotto – project manager, consulente, content curator e brand strategist per aziende Food & Travel – è intervenuta nel corso della settima edizione del Forum Olio & Ristorazione organizzato da Olio Officina per chiarire l’importanza di un alimento-ingrediente-condimento ormai iconico qual è l’olio extra vergine di oliva. Questo deve necessariamente tornare protagonista sulle tavole dei ristoranti e non restare più confinato solo ed esclusivamente in cucina. Per raggiungere un simile obiettivo è necessario riservare tutte le possibili attenzioni, in modo da garantire e rafforzare l’identità del percorso gastronomico e del piatto. In quest’ottica, anche lo stile, secondo la Polliotto, deve diventare un indice di riferimento per un ristorante

Olio Officina


L’interlocuzione tra agricoltori e industria

In un articolo firmato da Luciano Capone sul “Foglio” del 31 maggiio si ipotizza l’apertura di un conflitto tra la Coldiretti e il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida. Il primo fronte tra i duellanti è il famoso emendamento contro il “meat sounding”, passato nella legge che vieta la carne […]

Alfonso Pascale


La sagra dei soliloqui sul cibo

La XV edizione dei Dialoghi di Pistoia, che si svolta dal 24 al 26 maggio, è dedicata al cibo. Alcuni relatori hanno anticipato il contenuto dei loro interventi sulle colonne di giornali nazionali. Lo storico Massimo Montanari (su “Domenica” del “Sole 24 Ore” del 19 maggio 2024) affronta […]

Alfonso Pascale


L’olio da meditazione

Nella foto, mentre si accinge a gustare un calice d'olio, potete ammirare l'assaggiatrice Onaoo Elena Tordi. Partecipando alla settima edizione del Forum Olio & Ristorazione, ha avuto modo di chiedere se si conosca il vino da meditazione. Ebbene, proprio ascoltando i relatori del Forum la Tordi ha pensato "ai grandi vini che non hanno bisogno di accompagnare alcun cibo", ma che "soltanto a fine pranzo, o cena, possono creare conversazioni, pensieri e parole. Ci sono vini aromatici di buona qualità - ammette Elena Tordi - serviti alla giusta temperatura in un bicchiere regale", bevendolo "con amore , e sorseggiandolo perché duri a lungo. Ecco - aggiunge - penso a un bicchiere regale anche per l’olio da olive di qualità, così da soddisfare tutti i sensi la vista, il colore, l’olfatto, il tatto, il gusto e l’udito. Capisco - chiarisce - vi starete chiedendo che il rito dell’olio non può essere come il rito per il vino, sì, ma io insisto e sono convinta che un buon ristorante, magari con oleoteca, potrà guidarci nella scelta assecondando ogni nostra esigenza"

Come per ogni vino importante che deve avere un suo particolare bicchiere anche per l’olio in base ad ogni olivigno si potrà avere un bicchiere particolare.
L’olio di intrattenimento e perchè no l’olio da meditazione e da raccontare.

Olio Officina


Che campagna olearia sarà per gli altri Paesi produttori nel 2024?

Se quest’anno l’olio da olive italiano ha vissuto un anno di buone soddisfazioni, essendo stato il solo paese del mediterraneo ad aver avuto un buon raccolto (seppure non ottimo), con la prossima olivagione dovremo confrontarci con produzioni estere assai generose. Nel frattempo, il problema è per il breve periodo, rappresentato dalla scarsa dotazione di scorte. Quanto ai prezzi, si assisterà a un delicato equilibrio fatto di continui rialzi e ribassi, ma con direttrice principale in calo

Adriano Caramia


Cosa emerge dal bilancio consolidato di Salov

Approvato dall’assemblea ordinaria dei soci, la storica azienda lucchese ha chiuso l’esercizio 2023 portando a registro vendite di olio per oltre 105 milioni di litri., con un fatturato pari a 518.253.000 euro e un incremento del +5% rispetto al 2022. Nonostante un anno difficile, caratterizzato dalla scarsa disponibilità di materia prima, c’è stata una grande capacità nel gestire i vari mercati, riuscendo a mantenere alto il livello di competitività

Olio Officina


Iscriviti alle
newsletter

Il Gran Pregio Bio monocultivar Coratina, un olio capace di appagare

Saggio Assaggio. La tradizione familiare di olivicoltura ed attività frantoiana dell’azienda agricola Maria Caputo è tra le più antiche del territorio di Molfetta. Tutta la filiera produttiva è orientata al perseguimento della qualità, iniziando dalla coltivazione rigorosamente biologica dell’uliveto che comprende 3.500 piante su 16 ettari. L’extra vergine di cui vi parliamo è fresco e caratterizzato da buona fluidità, ideale con cavatelli con ceci, vongole e basilico

Renzo Ceccacci


Cosa manca al comparto extra vergine? La categoria “alta qualità”

Questo il messaggio lanciato dal presidente e amministratore delegato di Monini, Zefferino Monini, in occasione della seconda edizione dello Zefferino d’Oro. Ciò a cui bisogna puntare è il rafforzamento della collaborazione tra industria e frantoiani, rivolgendosi alle istituzioni per richiedere una nuova classificazione che disciplini la categoria in questione basata su parametri organolettici e analitici più stringenti di quelli attuali

Olio Officina


Una diffusa cultura della sostenibilità anche nel settore oleario

Ad affrontare uno dei temi più attuali del momento è stata Mariella Cerullo, direttore relazioni istituzionali di Oleificio Zucchi, nell’ambito degli “Stati generali dell’olivicoltura internazionale” organizzati a Siena dal Masaf, coinvolgendo alcuni dei principali esperti e attori del comparto. Tra le considerazioni cruciali vi è l’urgenza di non far percepire più l’olio extra vergine di oliva come una semplice commodity, ma con un maggiore valore aggiunto, da distribuire al meglio lungo tutta la filiera e in grado di rilanciare il sistema attraverso pratiche sostenibili

Olio Officina


Andrea Milani: gli studi sulla shelf life? Cruciali per capire la vita a scaffale dell’olio

Esperto di tecnologie olearie presso Innovhub -SSI, alla tredicesima edizione di Olio Officina Festival ha fatto luce su una questione di interesse comune per tutti i produttori oleari: assicurare che il proprio olio extra vergine di oliva riesca a rispettare i parametri imposti dalla legge fino alla data di scadenza. Capire come l’olio potrebbe comportarsi, anche in condizioni di trasporto e stoccaggio non ottimali, è un passo necessario da compiere. Da qui la necessità di approfondire gli studi e le ricerche sulla shelf life

Massimiliano Bordignon


Tanta musica per il palato

C'è olio e olio. Alcuni di questi ci invitano all'ascolto. Come l'olio "Musicale" del Frantoio di Sant'Agata d'Oneglia della famiglia Mela, espressione identitaria per palati fini. Sarà possibile degustarlo nell'ambito della settima edizione del Forum Olio & Ristorazione

Olio Officina


Cosa aspettarsi dal Forum Olio & Ristorazione 2024

La settima edizione è in programma a Milano presso la Cascina Cuccagna. L’appuntamento è per lunedì 27 maggio. Il tema portante è la mise en place. C’è grande attesa sull’argomento, perché il punto debole sta proprio nella sala. L’olio extra vergine di oliva non deve essere confinato nelle cucine, ma deve tornare protagonista della sala e avere una sua specifica e autorevole collocazione

Olio Officina