Codice Oleario

Cosa si è detto in materia di conservazione e tracciabilità delle olive da tavola

Tutti gli alimenti devono puntare ad avere una buona shelf life e garantire una idoneità al consumo, che dipende da aspetti microbiologici, enzimatici e chimico-fisici. Il tempo di conservabilità è fondamentale, le innovazioni sono di conseguenza una strada obbligata. Si è svolto nella giornata di martedì 5 ottobre un utile webinar, uno dei tanti del ciclo del Progetto Alive organizzato dal Crea, dove si affrontano temi fondamentali in una chiave di lettura multidisciplinare

Olio Officina

Cosa si è detto in materia di conservazione e tracciabilità delle olive da tavola

Secondo Enzo Muzzalupo, ricercatore del Crea e ideatore e organizzatore del Porgetto Alive, quello delle olive da tavola “è un settore che necessita di grandissime innovazioni”.

A dar manforte a questo assunto è l’agronoma Carmela Pecora, anch’essa figura di primo piano in questo progetto. Il ciclo di webinar sta riscuotendo un grande successo, i “numeri sono importanti” – ha dichiarato la consigliera nazionale dell’Ordine dei dottori agronomi e forestali: “si è deciso di investire molto come Ordine agronomi”, ha precisato. “Il sistema della conoscenza– ha aggiunto la dottoressa Pecora – sta puntando molto su formazione, trasferimento innovazione e consulenza aziendale.

“Le professioni oggi si rivolgono alla società civile e si chiedono come poter innovare un settore anche a partire da una attività formativa”. Occorre mettercela tutta per puntare a una svolta tanto attesa.

“È una filiera silenziata dalla Gdo”, ha precisato Carmela Pecora. La svolta può esserci se l’innovazione la si lega alla cooperazione: “occorre che scendano in campo tanti professionisti con il dichiarato intento di riqualificare una filiera a lungo silenziata”.

Ma ecco l’intero webinar. Seguitelo con la massima attenzione e riflettete su ogni relazione.

In apertura, foto di Olio Officina

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.