Codice Oleario

Perché scartarlo? Il nocciolino dell’oliva per la cura dei nostri capelli

Frantoio Valsanterno e Oway, l’azienda produttrice di agricosmetici, hanno dato vita a un progetto di up-cycling che vede nel riutilizzo un grande valore. Il nocciolo dell’oliva, ricco di elementi idratanti e protettivi per i capelli, viene impiegato nella realizzazione di prodotti sostenibili. Entrambe le realtà guardando costantemente a soluzioni di questa natura, contribuendo così alla protezione per il territorio e l’ambiente

Olio Officina

Perché scartarlo? Il nocciolino dell’oliva per la cura dei nostri capelli

Donare nuova vita agli scarti è un passo determinante se si vuole concretizzare il termine “sostenibilità”, e Frantoio Valsanterno, da diverso tempo, è impegnato nella valorizzazione dei sottoprodotti derivanti dalla lavorazione delle olive.

Il frantoio cede la sansa, quindi l’insieme delle bucce e dei residui della polpa delle olive, ai biodigestori per produrre biogas, mentre il nocciolino dell’oliva è una grande risorsa in quanto si può impiegare come combustibile per le stufe a pellet. Ma non solo.

L’azienda bolognese Oway, impegnata nella produzione di agricosmetici, ha visto nel nocciolino dell’oliva un nuovo, e impensato, impiego.

È nata così la collaborazione tra Frantoio Valsaterno e Oway che guarda a un importante progetto di up-cycling.

I polifenoli e gli acidi grassi contenuti nel nocciolino sono diventati parte degli ingredienti della nuova linea di Styling e Finish di Oway, dove questi elementi svolgono una azione idratante e protettiva per il capello.

Entrambe le realtà aziendali, afferma Marika Zaganti, responsabile commerciale e marketing di Frantoio Valsanterno, condividono valori quali l’innovazione, la sostenibilità e il territorio.

L’operare con consapevolezza, nel pieno rispetto di questi elementi, porta le aziende a cercare sempre nuovi modi per poter riutilizzare le sostanze di scarto, trasformandole in risorsa fino a farle diventare un punto di forza del prodotto, conclude Zaganti.

Si ringrazia per la notizia, le foto all’interno e in apertura, Marika Zaganti

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.