Codice Oleario pagina 15 di 17

Imparare a potare fa star bene

Il corso di potatura, organizzato dalla Casa dell’Olivo nel Salento, nel resoconto di una giornalista che vi ha partecipato. Le ragioni del successo? L'attenzione non solo per gli agricoltori, ma per tutti, così da ristabilire il proprio personale rapporto con la natura

Leda Cesari


Scuole di assaggio, di tutto di più

Corsi e corsetti in giro per l’Italia. C’è chi si presenta con l’appellativo di “accademia”, magari riportando il nome in inglese perché fa più chic. Il mondo della formazione e degli esperti assaggiatori di oli da olive rappresentano uno scenario davvero multiforme

Nicola Caporaso


L’Italia dell’olio, se si vuole salvare

Mettere in comune risorse e attività per raggiungere una maggiore efficienza, ecco cosa occorre fare. Per salvarci economicamente, il nostro Paese deve puntare il più possibile sulla qualità, mantenere e migliorare tale nostra stima nel mondo, educare al gusto del prodotto naturale e genuino

Giuseppe Caramia


Le mele per l’assaggio

Nelle sedute di analisi sensoriale degli extra vergini sono fondamentali. Per pulire la bocca, tra un assaggio e l’altro. Tutti conoscono la loro funzione, ma non tutti conoscono le mele giuste, le più adatte allo scopo. Ve le presentiamo

Luigi Caricato

Meno lampante, più extra vergine

E’ da preferire solo il meglio, d’accordo, ma se si continuano a produrre oli di minore qualità, le altre categorie degli oli da olive, diverse dall’extra vergine, non potranno mai scomparire dal mercato. La proposta del pediatra appassionato d’olio: siccome fare qualità significa prestare cure e attenzioni, non sarebbe il caso di ricorrere a cassa integrati e disoccupati?

Giuseppe Caramia


Si può abolire l’olio di sansa

L’olio di oliva tal quale, quello ottenuto dalla miscela di oli di oliva raffinati e vergini, è necessario finché si produce il lampante. Prosegue il dibattito lanciato su Olio Officina Magazine, in relazione alle categorie merceologiche legate agli oli da olive

Stefano Cerni


Il solito sacro olio mio

Alla nostra indagine sugli oli di oliva e sugli oli di sansa di oliva, Emilio Conti, titolare di un oleificio a Vallo della Lucania, ci ha risposto con ironia mista a sarcasmo. Volontariamente, o involontariamente, portando alla luce alcune verità sulle quali siamo chiamati, ci piaccia o meno, a interrogarci

Olio Officina


C’è posto per tutti

L’errore è stato compiuto all’inizio, quando si è voluto introdurre il treno di nomi: olio extra vergine di oliva. In realtà, bastava chiamarlo semplicemente “olio d’oliva”, come viene chiamato abitualmente. Per il resto la confusione è tanta. Certe diciture (legali, purtroppo) sembrano mirate a confondere, trovando facile presa nei consumatori distratti

Ettore Franca

Evo versus olio di oliva e sansa

Chi vince il confronto secondo voi? La risposta sembra scontata. Eppure, da una indagine che abbiamo condotto nel giro di poche ore, raccogliendo le opinioni più immediate e spontanee, non mancano le sorprese

L. C.


Là dove la televisione fallisce

Dobbiamo convincere il Ministero delle Politiche Agricole a fare una campagna positiva sull'olio da olive: e' buono e fa bene alla salute. Serve una campagna a breve e a lungo termine di educazione al gusto dei consumatori. Un commento alla trasmissione "Presa Diretta" di Mario Renna

Olio Officina


Potatura meccanica? Sì, grazie

Expertise. Non è soltanto un modo per abbattere tempi e costi. E’ anche un buon motivo per equilibrare le piante e portarle a produrre bene tutti gli anni. Oggi tra l’altro si parla di chiome ricche di vegetazione fruttificante. Per un taglio meccanico, meglio il monocaule anzichè una forma a vaso

Angela Canale


Il database varietale dell’olivo

Si chiama Certolio. E’ un mezzo pensato per la tutela del made in Italy, sostengono dal Cra-Oli, il Centro di ricerca per l’olivicoltura e l’industria olearia. Pochi semplici clic e si ricevono i dati dei profili molecolari di oltre 500 varietà di olivo provenienti dall’Italia e da diversi paesi del Mediterraneo

Olio Officina

Il grido di dolore degli ulivi

Expertise. Franko Fučić e gli olivicoltori "Ulika" dell’isola di Cres, in Croazia. La paura per i notevoli danni causati dal punteruolo dell’olivo. Una galleria immagini, e alcuni annotazioni al riguardo, ci fanno capire di cosa stiamo parlando

Olio Officina


Un coleottero contro gli ulivi

Expertise. Rhodocyrtus cribripennis. Nell’Isola di Cherso, in Croazia, sembra che questo insetto abbia determinato quasi l’azzeramento della produzione. E’ il punteruolo dell’olivo, uno tra i tanti nomi comuni con il quale è conosciuto. L’adulto è di color rosso mattone appena lucente, tendente al grigio. Come lo si può fronteggiare?

Bruno Bagnoli


Fenoli e proprietà antiossidanti

Tra le varie molecole saggiate e messe a confronto, alcune hanno espresso maggiore capacità protettiva nei confronti dei fenomeni ossidativi. Gli studi di Maura Baldioli sono stati fondamentali per chi oggi approfondisce i componenti minori degli oli da olive

Gian Francesco Montedoro


Pane & Olio

Tutto a misura di bambini. E’ il volume realizzato da Unapol, l’Unione Nazionale Associazioni Produttori Olivicoli, per suscitare curiosità e interesse tra i più piccoli, e abituarli all’idea di un approccio più confidenziale con l’olio

Maria Carla Squeo

E' Monna Oliva

Olive da tavola in crescita, al via il primo concorso nazionale. E' stata presentata a Milano, in prima assoluta a Olio Officina Food Festival, la prima competizione

Monica Sommacampagna


Olivagione 2013 a Prato e dintorni

Gusti morbidi, armonici, smussati nella componente amara a livello gustativo, con sentori lievi ma pieni di profumi a livello olfattivo. Il riscontro di un’annata dalla qualità complessiva decisamente alta

Ubaldo Baldi


Olio e Mediterraneo

Viaggio, iniziatico, nell’uliveto Puglia. Un'opera con testi e immagini di Carlos Solito e le introduzioni di Marina Cepeda Fuentes e Luigi Caricato

Carlotta Baltini Roversi


L'oliva da tavola del futuro

Sarà una produzione sempre più industrializzata in futuro. Ciò consentirà di governare tutti i punti critici. Lo ha sostenuto Andrea Giomo a Olio Officina Food Festival

Monica Sommacampagna

Iscriviti alle
newsletter

A bocca vergine

E' del 1901 la pubblicazione Oleificio moderno, di cui è autore Eustachio Mingioli. Si tratta di un testo ricco di innovazioni per il settore dell’olio, che, riletto oggi, si scoprono tante curiosità intorno all'analisi sensoriale, ai concorsi oleari, al vocabolario sensoriale e alle mappe del gusto

Lorenzo Cerretani, Stefano Cerni


La nuova scheda di profilo

Tra stupore e scandalo, il discorso cade sulla percezione del difetto, o meglio sull'attribuzione o meno di un difetto organolettico. Cosa dicono in proposito gli esperti di analisi sensoriale applicata agli oli da olive?

Nicola Caporaso


Il fritto fa bene, il fritto fa male, il fritto piace

Friggere bene, edito da Tecniche Nuove, un capisaldo per chi ama la frittura e vuole essere informato su un tema chiave tanto dibattuto quanto poco conosciuto. Il libro, di cui sono autori Caricato e Capano, si propone di sfatare preconcetti molto diffusi

Olio Officina


La sbornia dei monovarietali

E’ bene fare un po’ di chiarezza per evitare confusione e false attese. Il mercato degli oli monovarietali in Italia non ha ancora una normativa chiara e specifica, purtroppo. Tranne in pochi casi, nel maremagnum delle cultivar, per via organolettica è problematico accertare la varietà generatrice attraverso chiari fingerprints

Ettore Franca

Olea. Gli olivi e l’olio

E’ un volume di non recente pubblicazione ma che può essere considerato la summa del pensiero dell’oleologia secondo l’Organizzazione laboratorio esperti assaggiatori

L. C.


Nessuno trascuri l’olio di lentisco

Expertise. Tutto parte da un cespuglio, che raramente è un alberello. Un sempreverde fittamente ramificato dall’intenso aroma balsamico e resinoso. Il frutto è una piccola drupa sferica. Si ricava un olio impiegato in profumeria e nella medicina tradizionale. Ha fragranza fresca, balsamica, dal sapore deciso

Gabriele Maiorano


La nuova vita delle olive da tavola

Povere dimenticate, gli olivicoltori non le valorizzano a sufficienza. Come mai? Eppure ne consumiamo tante e tante ne importiamo. Non avrebbe più senso produrle noi per soddisfare il nostro fabbisogno? A Olio Officina Food Festival un focus per approfondire la materia e l'annuncio di un concorso, "Monna Oliva"

Olio Officina


Xylella fastidiosa, le novità

Expertise. Riportiamo la nota relativa alla missione a Bruxelles del 18 e 19 dicembre 2013 per definire la decisione della Commissione europea. Secondo il documento firmato da Antonio Guario, è stato possibile convincere il Comitato fitosanitario permanente a rivedere la decisione non più tardi del 30 aprile 2014

Olio Officina