Codice Oleario

Il grido di dolore degli ulivi

Expertise. Franko Fučić e gli olivicoltori "Ulika" dell’isola di Cres, in Croazia. La paura per i notevoli danni causati dal punteruolo dell’olivo. Una galleria immagini, e alcuni annotazioni al riguardo, ci fanno capire di cosa stiamo parlando

Olio Officina

Il grido di dolore degli ulivi

Noi abbiamo già pubblicato la risposta tecnica per conoscere e fronteggiare il temilbile insetto Rhodocyrtus cribripennis altrimenti conosciuto con il nome di punteruolo dell’olivo, rhynchite de l’olivier, gorgojo de las aceitunas, olive fruit curculio, twig cutter.

Per leggere quanto ha scritto per noi il professor Bruno Bagnoli, cliccate pure QUI.

Intanto, prima di farvi scorrere le immagini forniteci da Franko Fučić – molto belle peraltro, nonostante la bruttezza dell’insetto e degli esiti della sua devastante presenza tra gli olivi, vi riportiamo la lettera che abbiamo ricevuto. Così, per vostra opportuna conoscenza.

Egregio signore Caricato!

Le scrivo a nome dell’associazione dei olivicoltori "Ulika" dell’ isola di Cres (Croatia). Sulla isola di Cres l’olivicoltura e uno dei rami piu importanti del agricoltura isolana. Oggi sulla isola si coltivano piu di 130 mila alberi di olivi, delle cultivar autoctone. Abbiamo una produzione per media di 60 mila litri di olio l’anno.

Nei ultimi anni abbiamo dei grandi problemi con l’insetto Rhynchites cribripennis (punteruolo del olivo). Nel 2011, il raccolto è mancato a causa di questo insetto. Quest’anno di nuovo abbiamo grandissimi problemi con il punteruolo.

In Croazia non vi è alcun insetticida registrato per questo parassita, e nessuno degli esperti che abbiamo contattato ci ha dato delle soluzione adeguate per combattere il parassita. Siamo stati liberi di contattare Lei, come un esperto riconosciuto nel campo del’olivicoltura.

Con la presente mail vorrei chiederle se ha delle informazioni per combattere questo parassita e se può condividerle con noi, o se non è una zona specifica del vostro lavoro, se ci puo dare un riferimento per qualche vostro collega che ci potrebbe aiutare.

Vi ringrazio in anticipo per lo sforzo e il tempo che speriamo che ci dedicherà e per ulteriori domande e informazioni restiamo a vostra disposizione.

Cordiali saluti,

Franko Fučić


Noi, non essendo specializzati, abbiamo chiesto al professor Brno Bagnoli una risposta: QUI.

Scrive ancora in un’altra email Franko Fučić:

Nell'ultimo decennio i problemi causati  da un insetto che molti hanno riconosciuto essere il punteruolo (Rhynchites cribripennis) sono sempre piu grandi.

La  puntura di questo insetto, prima della fase in cui il nocciolo della oliva si indurisce porta alla caduta delle olive. Se la puntura avviene un po’ piu tardi, l’oliva si deforma.

Possiamo dire che nella  zona dell’isola di Cres, Cherso, il punteruolo dell’oliva influisce notevolmente. Nell 2011, per esempio, a causa di un attacco di questo parassita, il raccolto è completamente mancato, proprio perche i danni causati da questo parassita erano al cento per cento.

Quest’anno l'attacco del punteruolo è stato di nuovo molto grande, non soltanto qui sull’isola, ma anche nell'Istria e nella Dalmazia. I danni sono notevoli e hanno determinato un impatto significativo su tutta l'economia della zona.

Nell anno 2011 si stima che il danno sia stato pari al 95 %.

Quest’anno tutti gli indici (con fioritura abbondante) hanno indicato che doveva essere un anno molto buono, ma il punteruolo ha buttato giu più di 90% delle olive. Si può dire che il danno ammonta a piu di un milione di euro, soltanto qui sull’isola.

Purtroppo in Croazia non ci sono inseticidi registrati per combattere questo insetto. I nostri olivicoltori hanno provato a trattare con preparati a base del dimetoato, quando l’oliva era della grandeza di 3-5 mm, ma poi dopo 15 giorni purtroppo l'effetto è mancato.

La risposta, lo ripetiamo, la trovate QUI.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter