Dixit

I mafiosi, non sono in comunione con Dio: sono scomunicati!

Papa Francesco

Quando all’adorazione del Signore si sostituisce l’adorazione del denaro, si apre la strada al peccato, all’interesse personale e alla sopraffazione; quando non si adora Dio, il Signore, si diventa adoratori del male, come lo sono coloro i quali vivono di malaffare e di violenza. La vostra terra, tanto bella, conosce i segni e le conseguenze di questo peccato. La ’ndrangheta è questo: adorazione del male e disprezzo del bene comune. Questo male va combattuto, va allontanato! Bisogna dirgli di no! La Chiesa che so tanto impegnata nell’educare le coscienze, deve sempre di più spendersi perché il bene possa prevalere. Ce lo chiedono i nostri ragazzi, ce lo domandano i nostri giovani bisognosi di speranza. Per poter rispondere a queste esigenze, la fede ci può aiutare. Coloro che nella loro vita seguono questa strada di male, come sono i mafiosi, non sono in comunione con Dio: sono scomunicati!

Papa Francesco nel corso dell'omelia pronunciata a Cassano allo Jonio, nel corso della sua visita pastorale in Calabria. La mafia, evidentemente, non cede e persegue nel male assoluto, prova ne è l'ennesimo inchino durante le processioni, in omaggio ai boss.

Iscriviti alle
newsletter