Olivo Matto

Con la Dritta nel cuore

Luigi Caricato

Con la Dritta nel cuore

Quest’oggi occhi puntati sull’Abruzzo, terra di grandi oli in virtù di una varietà straordinaria e impareggiabile qual è la Dritta di Loreto. C’è una potenza espressiva unica in questa varietà. Di recente ho avuto modo di degustare l’olio prodotto da Mauro Monaco, titolare di una piccola azienda olivicola a Tortoreto, in provincia di Teramo. Nel suo extra vergine insieme con la Dritta c’è anche la cultivar Tortiglione.

Ho conosciuto Monaco a Leverano, lo scorso anno, alla presentazione ufficiale della Casa dell’Olivo-Oleoteca d’Italia: mi è parso subito un produttore che crede fortemente nel proprio lavoro. In realtà, la sua vera profesione è nell’ambito medico, ma di fronte a circa mille piante la passione per l’olivicoltura spicca in grande evidenza.

Nel mese di dicembre, nel corso della festa evento per i cinquant’anni della categoria olio extra vergine di oliva l’olio Monaco era tra quelli presenti al banco d’assaggio appositamente predisposto.

Il campione d’olio che ho avuto il piacere di degustare e apprezzare merita ampiamente questo spazio su Olio Officina.

SAGGIO ASSAGGIO

OlioMonaco”, da olive Dritta e Tortiglione

Area di produzione > Tortoreto, sulle colline tra l’Adriatico e il Gran Sasso.

Vista > E’ giallo dai riflessi verdolini, limpido

Olfatto > E’ un fruttato di media intensità dalle nette connotazioni erbacee: si apre fine ed elegante al naso

Gusto > E’ morbido e dolce al primo impatto, di buona fluidità, con amaro lieve e piccante altrettanto tenue ma crescente e progressivo; ha gusto vegetale di carciofo

Sensazione retro-olfativa > Ha toni di mandorla verde e una lieve punta piccante

L’abbinamento > con gnocchetti di patate, provola e olive verdi; insalate di farro; involtini di fesa di tacchino con cremolata di verdure

L’azienda > Non vi è alcun sito internet aziendale: un vero peccato; l’unico modo per entrare in contatto con l’olivicoltore Mauro Monaco, al di là del telefono, è scrivere un’email: [email protected]

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.