Olivo Matto

Dove sono finiti i Mastri Oleari?

Luigi Caricato

Dove sono finiti i Mastri Oleari?

Occorre riconoscerlo, oggi si avverte in maniera sempre più evidente l’assenza della Corporazione dei Mastri Oleari. Vi ricordate i tempi d’oro con Piero Antolini? C’è stato un periodo in cui i Mastri Oleari – soprattutto negli anni Novanta – erano presenti nelle manifestazioni fieristiche più importanti, organizzavano il concorso “Leone d’Oro”, ed entravano nel vivo del dibattito sui temi centrali inerenti l’olivicoltura e l’elaiotecnica nazionale, poi, dopo la morte di Antolini, è calato il silenzio, dapprima con la chiusura della rivista, “Uliveto Italia”, poi con il definitivo eclissarsi che ha segnato la fine di un’epoca. E’ stato solo un episodio generazionale, peccato. Il grave errore compiuto in seguito alla prematura scomparsa di Antolini, è l’aver abbracciato l’economia lasciando completamente da parte la cultura.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.