Olivo Matto

E così, come per magìa, in tanti si autoproclamano esperti di chimica dell’olio

Luigi Caricato

E così, come per magìa, in tanti si autoproclamano esperti di chimica dell’olio

Immagino che abbiate in qualche modo seguito la querelle delle ultime settimane, tutta incentrata sugli alchilesteri presenti negli oli extra vergini di oliva. Cosa siano gli alchilesteri nessuno fino a qualche tempo fa lo sapeva, tranne i pochi esperti che conoscono a fondo il prodotto. Sono composti presenti nella composizione dell’olio e che si formano in diversa misura in base alla qualità delle materia prima: le olive. Cosa è accaduto? Tutti hanno gridato allo scandalo, scuotendo i consumatori, lasciandoli nel dubbio: tutto è marcio.

Visto che ci sono strane coincidenze, quasi si atrattasse di una campagna stampa ben orchestratata, anche perché tutti, con la pratica del copia e incolla, hanno riportato lo stesso nucleo di pensieri, e anche alcune parole sbagliate.

Ecco una lista di articoli apparsi su Teatro Naturale:

Lanfranco Conte, tra i massimi esperti mondiali di chimica dell’olio > Gli alchil esteri. Cose fatte, cose non capite. Cose dette, spesso false

Daniela Capogna, intervento in rappresentanza dell’Ordine nazionale dei Tecnologi alimentari > Il Reg. Ue 61/2011 tutela il consumatore, parola di tecnologo alimentare

Infine, la posizione ufficiale di Sissg, la Società italiana per lo studio delle sostanze grasse

Non finisce qui, seguiranno altri articoli. La storia risulta troppo ambigua, non si capisce se si tratti di una campagna stampa; e poi, in tal caso, chi sarebbe il regista?

E’ probabile si tratti, molto più banalmente, di una scarsa conoscenza della materia e di una incontrollata voglia di ergersi a paladini del prodotto senza però averne realmente a cuore nè la fatica di chi produce, non trovando una equa remunerazione, nè tutto ciò che sta dietro all’atto stesso del produrre.

Occorre difendere gli olivicoltori puntando su una diffusione di una cultura di prodotto che ancora non c’è.

Chi si illude che la strategia migliore sia quella di suscitare scandali, offende quanti finora hanno lavorato nel silenzio, mossi da una sana passione e da una dedizione impareggiabile.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.