Olivo Matto

Fare il pieno dell’olio anche per gli altri

Luigi Caricato

Fare il pieno dell’olio anche per gli altri

Anche oggi voglio restare nella sfera dello spirituale – d’altra parte è Pasqua: tanti auguri! – e così, in linea con il pensiero di don Tonino Bello, straordinaria figura di sacerdote prematuramente scomparso nel 1993, di cui ho riferito più volte, desidero riportarvi una sua esortazione: “Fare il pieno dell’olio anche per gli altri”. I più – scrive Bello nelle sue omelie crismali pubblicate con il titolo di Convivialità delle differenze – “non sospettano neanche lontanamente che questo luogo (la cattedrale) sta per diventare il cratere da cui si dipartono, come una colata lavica compressa in piccoli vasi, i rigagnoli dell’olio che simbolizza la pace, la forza, la santità dello Spirito”. Ciascuno di noi, di conseguenza, una volta che ha effettuato il pieno dell’Olio dello Spirito, è invitato a sua volta a donare parte dell’olio ha chi ha finito le scorte. Condividere, è questo il principio che ci deve animare. Non si può tenere tutto l’olio per sé.

AGGIORNAMENTO. Ed ecco, invece – mi è giunto or ora, alle 11.23 – un gradito omaggio, per immagini, di Valerio Marini. Grazie. Buona Pasqua

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.