Olivo Matto

Gualtiero Marchesi, maestro autentico

Luigi Caricato

Gualtiero Marchesi, maestro autentico

Domani sarò a Parma, per rendere omaggio al maestro Gualtiero Marchesi, il quale sarà meritatamente insignito della Laurea Honoris Causa in Scienze gastronomiche conferitagli dall’ateneo della città emiliana. Ed ecco cosa ho scritto a proposito di Marchesi su “InformaCibo”, giornale telematico diretto dal bravo e sensibile Donato Troiano, giudizio che ripropongo tal quale sul mio blog Olio Officina. “Saggezza e lucidità, perserveranza e preveggenza”. Sono queste due coppie di sostantivi che mi sento di attribuire a Marchesi, volendo caratterizzare la sua spiccata e peculiare personalità. Volete anche un’anticipazione? Gualtero Marchesi sarà presente anche il prossimo anno a Olio Officina Food Festival. La seconda edizione, dal 24 al 26 gennaio 2013, si svolgerà a Milano a Palazzo delle Stelline.

Saggezza e lucidità, perserveranza e preveggenza. Ricorrerei a queste due accoppiate di sostantivi per ritrarre con fedele precisione l’uomo e il cuoco Gualtiero Marchesi. Ciò che ho sempre apprezzato in lui, è il fatto di essere un maestro autentico, capace di essere tale sempre, anche distanza di decenni, senza arretrare o, peggio, smarrendo la sua visione della cucina e del mondo alla quale si è ispirato con la massima dedizione. E’ proprio per questo che si è distinto, oltre che per la genialità universalmente riconosciutagli. Marchesi è perciò un maestro che ha saputo insegnare e lasciare un segno ai suoi allievi – quasi un imprinting – riuscendo così a rimettersi in gioco in continuazione e a perpetuare i propri insegnamenti e intuizioni, trasferendo ad altri un ricco e ineasuribile bagaglio di conoscenze. In più, i suoi allievi sono la evidente dimostrazione di quanto sia stato bravo anche nel trasmettere un sapere che non è soltanto la capacità di lavorare e interpretare le diverse materie prime. Dietro ai suoi piatti io ho sempre visto, non a caso, una progettualità, un disegno capace di guardare lontano. Certo, per ciò che mi riguarda, da oleologo e scrittore dell’olio, posso dire che Marchesi non è cresciuto nella cultura dell’olio, ma, da milanese qual è, ha affondato il suo sapere gastronomico privilegiando di gran lunga il burro. Resta però il fatto che si è mostrato sempre attento e sensibile nello sperimentare le diverse molteplicità espressive degli oli, non comunicando inesattezze o giudizi affrettati come altri suoi colleghi.

Luigi Caricato

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.