Olivo Matto

I poeti restano sempre al nostro fianco. Come gli ulivi

Luigi Caricato

I poeti restano sempre al nostro fianco. Come gli ulivi

Quando muore un poeta subentra in noi un vago senso di paura. I poeti in fondo vigilano sulle nostre anime, svelandone i sogni più segreti. Così, per colmare il vuoto di una scomparsa, ho pensato bene di rendere omaggio a Roberto Roversi attraverso le sue stesse parole, attingendo alcuni versi da Dopo Campoformio, con gli olivi che si affacciano all’orizzonte.

L’erba è gialla, pietre; il cimitero

con gli ulivi e cipressi sbiaditi.

Anche nella pace i morti

non hanno tregua, risaliti

dal profondo si stringono le mani

rotte dalla fatica.

Roberto Roversi

Il poeta bolognese è stato il fondatore, e anche l’editore, nel 1955 della rivista “Officina”, con Francesco Leonetti e Pier Paolo Pasolini, e nel 1961 di “Rendiconti”. Persona libera e indipendente, ha scelto sin dagli anni Sessanta di non pubblicare con i grandi editori. E’ venuto a mancare il 14 settembre e per sua disposizione la notizia è stata data solo il giorno dopo. Non ci saranno esequie ufficiali, nè cerimonie, nè commemorazioni.

Terra addormentata per secoli

dai frati astuti, dalle processioni

fra gli uliveti e i campi,

buttate le barche sulla riva

trema all’ansia del petrolio

nero come un nembo dalla Marca.

Roberto Roversi

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.