Olivo Matto

Il mio amore grande per la Maremma e l’Amiata

Luigi Caricato

Il mio amore grande per la Maremma e l’Amiata

Per me la Maremma è libertà, sogno, affrancamento dal dolore, capacità di tener duro e dominare un territorio ieri aspro e invivibile, e oggi invece dominato dalla bellezza e operativamente fruibile dopo le grandi operazioni di bonifica. Quando ho scritto il libro Olivo e olio in Maremma, insieme con Giovanni Belletti, Antonio Cimato e Valter Nunziatini, è stata una gran festa. Scoprire una storia olivicola e olearia così fortemente consolidata nei secoli riempie di emozione, tanto più quando ti rendi conto che le testimonianze documentali non mancano. Il libro, edito a cura della Provincia di Grosseto è liberamente disponibile, fino a esaurimento delle copie. E poi c’è un altro volume che mi fa amare il territorio. Si intitola Tutti dicono Maremma Maremma, ed è un’antologia di venti racconti di cui io sono il curatore. Da leggere. Assolutamente da leggere. Anche in questo caso il volume è dispobile gratuitamente fino a esaurimento delle copie. In Maremma io sono stato ovunque, non c’è comune della Provincia di Grosseto in cui io non sia stato. Non c’è piatto del territorio che non accolga l’olio che vi si produce: sia quello amiatino, da monovarietale Olivastra Seggianese, oggi ufficialmente riconosciuto a marchio Dop Seggiano; sia quello della costa e delle colline maremmane. Il mio piatto del cuore? Difficile scegliere tra i tanti. Si può inziiare dai tortelli alla maremmana. Da bere: il Morellino di Scansano o il Bianco di Pitigliano, senza tuttavia rinunciare alle tante altre proposte. Ci vivrei volentieri in Maremma.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter