Olivo Matto

L’analisi sensoriale. Il giusto approccio, quello facile

Luigi Caricato

L’analisi sensoriale. Il giusto approccio, quello facile

Oggi tutti parlano di cibo e vestono i panni degli esperti gourmet. Effettivamente l’approccio con il cibo e le bevande è cambiato. Si conosce di più un alimento, si entra nel dettaglio fino a svelare il profilo organolettico, dal colore all’odore al sapore, alla consistenza e fragranza. Non è più il tempo in cui si diceva qualcosa di vago, adesso ci viene in soccorso la complessa arte dell’assaggio.

Ciò ch’è buono è tale per ragioni oggettive, perché vi è assenza di difetti; mentre ciò ch’è eccellente è tale in quanto i pregi sono altrettanto oggettivi.

Da qui dunque una serie di libri, come quello di Luigi Odello, dal titolo L’analisi sensoriale. L’approccio facile, edito dal Centro Studi e Formazione Assaggiatori. Odello insegna in alcune università italiane le tecniche di degustazione.

Il suo libro affronta questa nuova quanto antica scienza basata sullo strumento dei sensi in maniera chiara e diretta, descrivendo come si costituisce e si conduce un gruppo di valutazione e quali debbano essere i compiti del capo panel. Al lettore si svelano così tutti i segreti del mestiere con le risposte ai dubbi più frequenti.

Prima di sentirsi bravi assaggiatori, forse è meglio studiare e approfondire, stuadiare e approfondire, studiare e approfondire. Senza sosta.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.