Olivo Matto

L’epifania dell’olio. Per coltivare mente e cuore

Luigi Caricato

L’epifania dell’olio. Per coltivare mente e cuore

A Olio Officina Food Festival ci sarà – a cura degli artisti di “Arte di Mangiare, Mangiare arte”, capitanati da Topylabrys, al secolo Ornella Piluso – l’Orto della Bellezza, una serie di installazioni utili per cercare il volto dell’olio nella sua epifania. E così, per onorare questo sacro giorno, così intensamente spirituale, vi riporto un brano tratto da Il pane di ieri, meraviglioso libro di padre Enzo Bianchi, il priore della Comunità di Bose: “…a quattordici anni chiesi in dono a mio padre di affittare per me un fazzoletto di terra dove potessi avere il mio orto. Venni esaudito e da allora non sono mai riuscito a vivere senza accudirne uno (…)”. Non “trovo soddisfazione più grande del mangiare i pomodori raccolti dalla pianta, dell’accarezzare i peperoni carnosi, il cuneo e il quadrato d’Asti, dello strappare uno spicchio d’aglio per mangiarmi, fattasi notte, nella mia cella, una soma di pane, olio buono, sale e aglio… Sono momenti in cui ripenso sovente con gratitudine a Pinot, che mi insegnò tramite l’orto ad avere un sano rapporto con le cose: non mi spiegava solo a piantare, seminare, fra crescere, ma mi aiutava anche a capire perché occorre seminare in se stessi, coltivare se stessi, far crescere se stessi e attendere i frutti”.

Non l’avete ancora fatto? Leggete i libri di Enzo Bianchi. Ne uscirete arricchiti e rinati.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.