Olivo Matto

L’Italia dell’olivo e dell’olio è ferma

Luigi Caricato

L’Italia dell’olivo e dell’olio è ferma

E’ stato un incontro utile. E’ stato un incontro necessario. Non so in quale direzione si andrà, ma oggi, presso la sede nazionale dell’Inea, l’Istituto nazionale di economia agraria, si è tenuto un workshop sulle filiere agricole italiane, tra cui quella olivicolo-olearia, di cui sono stato protagonista insieme a un nutrito nucleo di altri esperti. Il Ministero delle Politiche agricole sta realizzando, nell’ambito della Rete rurale nazionale, un’attività di analisi e verifica del fabbisogno di innovazione dell’agricoltura italiana. Il proposito: realizzare una prima indagine, utilizzando la documentazione disponibile e ascoltando i testimoni privilegiati. Detto fatto, nella tabella che il mio gruppo ha messo su, con il coordinamento di Giovanni Dara Guccione, è emerso un quadro molto complesso e sfaccettato, in cui sono stati indicati i punti cardine che muovono e animano il comparto olivicolo e oleario. Punti di cui vi riferirò nel dettaglio più avanti, ma di cui già potete prendere diretta visione nell’immagine riportata. Intanto un monito: abbiamo il dovere di reagire.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter