Olivo Matto

L’olio quale inno alla gioia

Luigi Caricato

Olio Officina Food Festival è ormai alle porte. Siete pronti? Certo da qui al 24-26 gennaio di tempo ne scorrerà ancora, ma i preparativi vanno a gonfie vele. I nomi dei personaggi coinvolti sono di grande spessore come i temi che si tratteranno. Tra pochi giorni inizierà la campagna di comunicazione. C’è intanto, in me, un’ondata di gioia che mi sta attraversando. Ciò a cui aspiro ogni santo giorno è proprio questa materia prima per me essenziale: la gioia, che poi è la pace dell’anima, un valore più alto di qualsiasi somma di danaro. Oggi per esempio ho sentito al telefono Giambattista Mastropierro, il presidente dell’oleificio cooperativo Goccia di Sole di Molfetta, e Fabiana Romanutti, direttrice di “q.b. Quanto basta FVG”. Entrambi mi hanno regalato gioia, e io per ricambiare loro e voi che mi seguite vi dono alcuni versi dello straordinario Guido Ceronetti, tra i miei scrittori preferiti di sempre.

Ecco uno stralcio tratto dal volume Due cuori e una vigna, edito da Il Notes Magico:

(…)

OLIO DIVINO E PURO AMATO OLIO

Ti mangia fritto chi non conosce il Bene,

Crudo ti mangia chi è amato dal Cielo.

Io ti ricevo come Mosè la manna

E chi ti manda a me sia benedetto:

Se non proprio Dio, certo è un suo Eletto.

Guido Ceronetti

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.