Olivo Matto

L’uliveto è come una biblioteca

Luigi Caricato

L’uliveto è come una biblioteca

Se non conoscete Jean Giono, vi invito a leggere i suoi libri. Dal celebre L’uomo che piantava gli alberi a Il bambino che sognava l’infinito, senza trascurare un altro capisaldo della sua opera: la Lettera ai contadini sulla povertà e la pace. Perché vi invito a leggere Jean Giono? Semplice: perché ha dedicato all’olivo pensieri molto belli. Mi ha affascinato in particolare il fatto di aver paragonato l’oliveto a una biblioteca. Si va dunque tra gli olivi, come tra i libri, o per dimenticare la vita, o per comprenderla meglio.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.