Olivo Matto

La cialedda. Per invocare l’arrivo dell’estate

Luigi Caricato

La cialedda. Per invocare l’arrivo dell’estate

Cos’è la cialedda? Fino a quest’oggi non sapevo nemmeno cosa fosse. La ignoravo. A partire dallo stesso nome. Ora che ne sono venuto a conoscenza, rendo anche voi partecipi di questa mia scoperta. E’ un piatto con cui si può salutare la primavera e andare incontro all’estate. Pochi gli ingredienti, fondamentale l’olio extra vergine di oliva.

Cosa occorre? Ingredienti di facile reperibilità

Un cetriolo.

Due pomodori freschi.

Una cipolla dolce – mi suggeriscono quella di Acquaviva.

Olio extra vergine di oliva – io vi suggerisco un fruttato di media intensità, da olive Ogliarola; se non addirittura un fruttato intenso ottenuto da olive Coratina.

Pane casareccio; o, in alternativa, del pane biscottato – io preferisco il pane appena sfornato, magari ancora caldo, sfornato da poco.

Sale.

Acqua fresca. Sì, proprio così: acqua fresca!

Come si procede? La preparazione è anch’essa molto elementare

Si puliscono e si affettano cetriolo, pomodori e cipolla.

Si dispongono in un piatto con l’acqua fresca.

Si versa una quantità di sale a proprio piacimento e si condisce rigorosamente con olio extra vergine di oliva.

Il piatto a questo punto è pronto. Basta intingervi le fette di pane.

Tutto qui, direte voi? Tutto qui

L’estate non è ancora arrivata, ma gli ingredienti sì, sono facilmente reperibili.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.